Persone

Roberto Bolle

Roberto Bolle è un ballerino italiano, nato a Casale Monferrato (AL) il 26 marzo 1975. È stato Primo ballerino ed Etoile del Teatro alla Scala di Milano. Ha una carriera di respiro internazionale: tra le varie esperienze, ha danzato con il Royal Ballet, al Teatro dell'Opera di Vienna e nel Tokyo Ballet.

All’età di 12 anni Roberto Bolle è entrato alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala, dove due anni dopo è stato nominato Primo Ballerino da Elisabetta Terabust. Dal 1996 si è intensificata la sua carriera internazionale: ha danzato con il Royal Ballet, il Balletto Nazionale Canadese, il Balletto di Stoccarda, il Balletto Nazionale Finlandese, alla Staatsoper di Berlino e Dresda, al Teatro dell'Opera di Vienna, al Teatro dell'Opera di Monaco di Baviera, al Wiesbaden Festival e con il Tokyo Ballet. Nel 2000 Roberto Bolle ha inaugurato la stagione del Covent Garden di Londra con Il lago dei cigni e due anni più tardi ha danzato a Buckingham Palace al cospetto della Regina d'Inghilterra.

Nella stagione 2003/2004 gli è stato riconosciuto il titolo di Etoile del Teatro alla Scala. Nel 2004 Roberto Bolle ha ballato al cospetto di Giovanni Paolo II, sul sagrato di Piazza San Pietro in occasione della giornata della Gioventù. Nel 2006 ha danzato alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali di Torino.

Nel 2009 ha fatto discutere un'intervista rilasciata da Bolle alla rivista francese «Numéro Homme», intervista durante la quale l'artista avrebbe dichiarato la sua omosessualità, al clamore destato da questa dichiarazione è poi seguito da parte del ballerino un successivo intervento su alcuni quotidiani nazionali (tra cui Repubblica ed il Corriere della Sera) del 28 gennaio 2009, in cui ha specificato che la sua dichiarazione, a proposito dell'argomento dell'omosessualità è stata completamente travisata e decontestualizzata, molto probabilmente anche a causa della sua non perfetta padronanza della lingua francese.
Il 01 gennaio 2013 Roberto Bolle viene accompagnato dal Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano nell'interpretazione della coreografia di Mvula Sungani nel "Concerto di Capodanno" trasmesso in mondovisione dal Gran Teatro La Fenice di Venezia.

Roberto Bolle è ambasciatore dell’Unicef ed è fondatore del Gala Roberto Bolle and Friends.

Il 2 giugno 2012, su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stato nominato Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Roberto Bolle | UNICEF | Elisabetta Terabust | Giovanni Paolo II | Milano | Inghilterra | Royal | Presidenza del Consiglio dei Ministri | Gala | Vienna |

Ultime notizie su Roberto Bolle

    Covid, morto il fotografo Giovanni Gastel

    Aveva 65 anni. Figlio di Giuseppe Gastel e Ida Visconti di Modrone, ha iniziato la sua carriera di fotografo a Milano verso la fine degli anni Settanta, per poi avvicinarsi al mondo della moda

    Una stretta di mano tra lavoratori e robot.

    Una delle tante domande nel tempo del Covid-19 è se un numero maggiore di robot o robot più intelligenti utilizzati nelle industrie e nelle imprese avrebbero potuto ridurre o addirittura impedire la crisi economica. Un'altra sempre in periodo di crisi è se e quanto l'automazione aumenterà nel processo produttivo. Provare a leggere il futuro con gli strumenti di oggi non è plausibile, per questo raccontarlo e desiderarlo rimane la cosa migliore da fare perchè il nostro futuro, possibilmente mig...

    – Michele Kettmaier

    Le 23 promesse della danza che cercano uno sponsor per volare a New York

    Sono 23 giovani promesse della danza veneta: bravi, tanto da aver vinto le Semifinali Europee, svoltesi a Cattolica, del più importante e conosciuto concorso internazionale di balletto classico "Youth American Grand Prix" ed aver ottenuto l' accesso alle finali di New York in programma dal 10 aprile al 18 aprile 2020 (e non e' la prima volta, e' dal 2008 che vincono le selezioni e vengono invitati in America). Ragazzi e ragazze tutti tra i 15 e i 18 anni, alcuni provenienti anche da Padova, c...

    – Barbara Ganz

    Arena di Verona Opera Festival, che musica il 2019: spettatori al +8,5% e migliore incasso degli ultimi sei anni

    Un'annata davvero eccezionale per l'Arena di Verona che rappresenta la principale venue all'aperto d'Italia per quanto riguarda la musica lirica. L'Arena di Verona Opera Festival si è chiuso con un ulteriore incremento di pubblico e d'incassi. Nelle 51 serate per cinque titoli lirici sono stati venduti 426.649 biglietti (+8,56% delle presenze sul 2018) e 26.674.454 di fatturato al botteghino, il miglior risultato degli ultimi sei anni, con una media di 523.028 euro incassati a serata(+11,13%). «...

    – Francesco Prisco

1-10 di 115 risultati