Robert Shiller è professore di Economia all'Università di Yale e di Finanza alla Yale School of Management. I suoi settori di studio sono i mercati finanziari, l'innovazione finanziaria, i comportamenti economici, la macroeconomia.

Nato nel 1946, Robert Shiller si è laureato all'Università del Michigan nel 1967 e ha ottenuto nel 1972 il Ph.D. in Economia al Mit.

Ha scritto numerosi libri ed articoli di successo sulle crisi dei mercati finanziari dovute all'irrazionalità dei comportamenti degli investitori e sulle bolle speculative.

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 12 gennaio 2021

    Scuola

    Al via la prima edizione del «Save 2021 virtual tour»

    Al via il 19 gennaio la prima edizione digitale del S.A.V.E. 2021 Virtual Tour, iniziativa sulla sostenibilità ambientale ed economica, dedicata agli studenti di ogni ordine e grado. Il progetto didattico ideato dal Museo del Risparmio di Torino di Intesa Sanpaolo, in collaborazione con il Bei

  • 24 luglio 2018
    Solo la ridistribuzione salverà i posti di  lavoro persi con i dazi

    Commenti e Idee

    Solo la ridistribuzione salverà i posti di lavoro persi con i dazi

    Secondo un sondaggio degli americani pubblicato dalla Washington Post/Schar School l’11 luglio, solo il 39% degli intervistati ha approvato l’imposizione di dazi da parte del presidente Trump, mentre il 56% si è opposto. Ma, anche se è una buona notizia che la maggioranza degli americani si oppone

  • 31 maggio 2018
    Il decennio perduto delle economie avanzate

    Commenti e Idee

    Il decennio perduto delle economie avanzate

    A distanza di dieci anni dalla crisi finanziaria del 2007-2008, vale la pena fare il punto sulla situazione attuale delle economie sviluppate, e domandarsi dove si troverebbero adesso se non ci fosse stata la crisi e, forse ancora più importante, dove sarebbero se prima e dopo il crollo avessero

  • 21 dicembre 2017
    Perché studiare gli errori serve

    Notizie

    Perché studiare gli errori serve

    Verso la fine del 2007, la Federal Reserve, analisti finanziari e altri osservatori prevedevano una crescita economica positiva per l’anno successivo. Queste stime, più basse che in passato, erano comunque soddisfacenti, dopo che il crollo dei subprime nel luglio 2007 aveva fatto temere il peggio.

  • 19 ottobre 2017
    A nudge for economists

    Commenti e Idee

    A nudge for economists

    In a few years, the Nobel prize in Economics has been awarded to four behavioural economists, that is to say the economic scientists who are most inclined to contaminate their discipline with psychology. The rationality of “Homo Economicus”, or economic man, at times presumed to be absolute, is

  • 19 ottobre 2017
    Another Nobel Surprise for Economics

    Commenti e Idee

    Another Nobel Surprise for Economics

    Richard Thaler has shown in his research how to focus economic inquiry more decisively on real and important problems. His research program has been both compassionate and grounded, and he has established a research trajectory for young scholars and social engineers that marks the beginning of a

  • 14 ottobre 2017
    Perché con Thaler inizia una rivoluzione

    Commenti e Idee

    Perché con Thaler inizia una rivoluzione

    Il vincitore del Premio Nobel per l’Economia, Richard Thaler, dell’Università di Chicago, è una scelta controversa. Thaler è noto per la sua ricerca di un’intera vita sull’economia comportamentale (e sul suo sottocampo, ovvero la finanza comportamentale), che è lo studio dell’economia (e della

    Una «spinta gentile» agli economisti per innovare la disciplina

    Commenti e Idee

    Una «spinta gentile» agli economisti per innovare la disciplina

    In pochi anni il Premio Nobel per l’Economia è stato assegnato a quattro economisti comportamentali, vale a dire gli scienziati economici più inclini a contaminare la loro disciplina con la psicologia. La razionalità dell’homo oeconomicus, a tratti presunta come assoluta, si apre a un’idea di

  • 04 ottobre 2017
    Il sistema finanziario globale: quanto è stabile?

    Commenti e Idee

    Il sistema finanziario globale: quanto è stabile?

    Solo dieci anni fa, il 9 agosto 2007, la banca francese BNP Paribas decideva di limitare l'accesso degli investitori ai soldi che avevano depositato in tre fondi che gestivano all'incirca 2,2 miliardi di dollari, una manovra di congelamento senza precedenti, che però all'epoca passò quasi

  • 19 settembre 2017
    Se le città perdono i ceti medi

    Commenti e Idee

    Se le città perdono i ceti medi

    La disuguaglianza è solitamente misurata confrontando i redditi tra le famiglie di un Paese. Ma esiste anche un diverso tipo di disuguaglianza: relativa all’accessibilità all’abitazione delle città. L’impatto di questa forma di disuguaglianza non è meno preoccupante.

  • 27 giugno 2017
    Capire la stagnazione del nostro tempo

    Commenti e Idee

    Capire la stagnazione del nostro tempo

    Dalla “Grande Recessione” del 2007-2009, le maggiori banche centrali del mondo hanno tenuto i tassi di interesse a breve termine a livelli vicini allo zero. Negli Stati Uniti, anche dopo i recenti aumenti della Federal Reserve, i tassi a breve termine restano al di sotto dell’1% e i tassi a lungo

  • 12 aprile 2017
    Come ripensare la tassazione fra lavoratori e robot
  • 31 marzo 2017
    Il «robot contribuente» e la tassa per il lavoro

    Tecnologie

    Il «robot contribuente» e la tassa per il lavoro

    L’idea di una tassa sui robot è stata sollevata lo scorso maggio in un rapporto al Parlamento europeo redatto dall’eurodeputata Mady Delvaux della commissione giuridica. Sottolineando come i robot potrebbero incrementare le disuguaglianze, il rapporto ha suggerito che potrebbe esistere la

  • 14 marzo 2017
    La stagione delle promesse è finita

    Commenti e Idee

    La stagione delle promesse è finita

    L’agenda di politica economica di Donald Trump durante la campagna presidenziale americana del 2016 è stata un test di Rorschach a livello politico: dove i suoi sostenitori vedevano un nuovo e audace progetto per realizzare una crescita robusta e maggiore prosperità, molti altri negli Stati Uniti e

  • 24 gennaio 2017
    Wall Street e Trump, solo un’illusione?

    Commenti e Idee

    Wall Street e Trump, solo un’illusione?

    I mercati speculativi sono sempre stati vulnerabili all’illusione. Ma vedere la follia nei mercati non dà alcun vantaggio chiaro nel prevedere gli esiti, perché i cambiamenti della forza dell’illusione sono difficili da predire. Negli Stati Uniti sono entrate in gioco nel campo dei mercati

  • 15 dicembre 2016
    E se fosse l’inizio della fine dell’Occidente?

    Commenti e Idee

    E se fosse l’inizio della fine dell’Occidente?

    «Se la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti è stato un terremoto, allora il periodo di transizione che conduce al suo insediamento il 20 gennaio sembra un allarme tsunami», sostiene l’ex ministro degli Esteri spagnolo, Ana Palacio. Ma i campanelli d’allarme sono

    E se fosse l’inizio della fine dell’Occidente?

    Commenti e Idee

    E se fosse l’inizio della fine dell’Occidente?

    “Se la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti è stato un terremoto, allora il periodo di transizione che conduce al suo insediamento il 20 gennaio sembra un allarme tsunami”, dichiara l’ex ministro degli Esteri spagnolo, Ana Palacio. Ma i campanelli d’allarme sono

  • 22 novembre 2016
    Donald e il potere della classe media
  • 24 luglio 2016
    Le esitazioni dell’economia globale

    Commenti e Idee

    Le esitazioni dell’economia globale

    Le recessioni si possono spesso definire come periodi di esitazione. I consumatori esitano ad acquistare una nuova casa o auto, pensando che le vecchie andranno bene ancora per un po’. I manager esitano a incrementare la manodopera, comprare un nuovo edificio per uffici, o costruire un nuovo

  • 23 settembre 2015
    Il «phishing» sui mercati finanziari

    Commenti e Idee

    Il «phishing» sui mercati finanziari

    Adam Smith scriveva della “mano invisibile” con la quale il perseguimento individuale dei propri interessi sui mercati liberi e competitivi promuoverebbe l’interesse della società tutta. Aveva ragione: i mercati hanno generato una prosperità senza precedenti, per i singoli e per le società. Ma