Persone

Rita Levi Montalcini

Rita Levi Montalcini, nata a Torino il 22 aprile 1909 e deceduta a Roma il 30 dicembre 2012, è stata una scienziata e Senatrice a vita del Parlamento italiano.

Nel 1986 ha vinto il Premio Nobel per la Medicina grazie alle ricerche sul fattore di crescita nervoso Ngf.

E' stata la prima donna ad essere ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze è stata socia nazionale dell'Accademia dei Lincei per la classe delle scienze fisiche e socia-fondatrice della Fondazione Idis-Città della Scienza.

Nel 1936 Rita Levi Montalcini si è laureata in Medicina e Chirurgia ed ha intrapreso la carriera accademica. Costretta ad emigrare in Belgio per le leggi razziali fasciste, è tornata in Italia ed ha iniziato le ricerche insieme al padre.

Fino al 1977 è stata docente nel Dipartimento di Zoologia della Washington University, dove ha realizzato gli esperimenti sul fattore di crescita nervoso noto come Ngf, studi che le avrebbero successivamente consentito di vincere insieme a Stanley Cohen il Nobel per la Medicina.

Parallelamente Levi Montalcini ha proseguito le ricerche in Italia: dal 1961 al 1969 ha diretto il Centro di Ricerche di neurobiologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche e fino al 1979 è stata Direttore del Laboratorio di Biologia cellulare del Cnr. Nel 1992 ha ideato, insieme alla sorella, la Fondazione Levi Montalcini. Fino al 1988 ha anche presieduto l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana e nel 1999 ed è stata nominata ambasciatrice della Fao.

Ha collaborato con l'Istituto Europeo di Ricerca sul Cervello da lei fondato nel 2001, anno in cui l’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi l’ha insignita del titolo di Senatrice a vita.

È stata membro delle più prestigiose accademiche scientifiche internazionali ed ha sostenuto, in qualità di Presidente Onorario, l'Associazione Italiana Sclerosi Multipla.

E' stata insignita delle seguenti onoreficienze:
Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (2 giugno 1986); Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte (31 ottobre 1986); Dama di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (8 gennaio 1987); Medaglia d'oro ai benemeriti della scienza e cultura (6 giugno 2001); Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) e Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna).

E' deceduta il 30 dicembre del 2012 a Roma, il 2 gennaio del 2013 si sono svolti i funerali in forma pubblica.

Le sue ceneri giacciono nella tomba di famiglia nel campo israelitico del Cimitero monumentale di Torino.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Scienza | Rita Levi Montalcini | Nobel | Legione d'onore | Accademia dei Lincei | Associazione Italiana Sclerosi Multipla | Fao | Consiglio nazionale delle ricerche | Torino | Carlo Azeglio Ciampi | Stanley Cohen | Roma | Washington University | Fondazione Idis-Città |

Ultime notizie su Rita Levi Montalcini

    Dompé, arriva il via libera dalla Fda americana per il farmaco salvavista

    La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato un farmaco biotec creato in Italia dalla Dompé secondo le ricerche che nel 1986 valsero il premio Nobel per la medicina a Rita Levi Montalcini (1909-2012). ... Il cenegermin era nato nel 2011 dai laboratori Dompé per produrre su scala industriale il fattore di accrescimento nervoso (la proteina Ngf) che era stato isolato da Levi Montalcini. ... Le scoperte di Rita Levi Montalcini hanno consentito di individuare la proteina che, in...

    – di Jacopo Giliberto

    Roccella Jazz, Ferragosto nel segno degli «Italians»

    Ci si vede a Roccella Jonica, nelle tradizionali location Porto delle Grazie, Largo Colonne Rita Levi Montalcini e Teatro al Castello, con un tema esemplare: «Italians». ... Il 15, 16 e 17 agosto «Jamming Around» passa con «Jazz @ Village» al Largo Colonne Rita Levi Montalcini.

    – di Francesco Prisco

    Roberto Capucci, l'anti-imprenditore della moda: un docufilm racconta la sua vita di abiti e arte

    Emozionanti le immagini di Rita Levi Montalcini che ritira il suo Nobel per la medicina nel 1986 indossando una creazione Capucci, la passeggiata della principessa Maria della Pace Odescalchi nelle sale del suo palazzo romano con indosso una creazione del couturier, e il film che fa da intermezzo al documentario, raccontando la storia di due innamorati: «Cercavamo la location ideale per allestire l'abito "Oceano", un capolavoro di 300 metri di seta nelle sfumature del mare, che richiese...

    – di Chiara Beghelli

    GEOLOCALIZZAZIONE: Forme (evolute) di Digital Storytelling

    E' con entusiasmo e passione che provo a condividere con voi le piacevoli sorprese che Google ha confezionato e ci sta offrendo in seno alla geolocalizzazione, applicazioni che ci portano immediatamente a forme di narrazione 3.0, ad una sorta di Digital Storytelling geolocalizzato. Se state pensando ai soli docenti di geografia, vi state sbagliando. Quanto segue è particolarmente indicato per tutti gli insegnanti degli ambiti culturali e umanistici in genere. Cristina Bralia è una formatrice e d...

    – ImparaDigitale

    Scienziati che spiegano la scienza

    Il rapporto tra scienza e società sta cambiando. Di recente, il noto biologo e antropologo Jared Diamond suggeriva agli scienziati di non perdere il "buon senso" e mantenere un'ampia visione delle proprie ricerche, evitando di perdersi nei dettagli. Per spiegare il concetto si rifaceva a una

    – di Elena Cattaneo e Andrea Grignolio

    L'Italia esporta i migliori cervelli, ma quasi in mille sono tornati

    Dirigono progetti scientifici di altissimo livello al Cern o alla Nasa. Insegnano al Mit o a Oxford. Scrivono articoli su riviste come «Nature» e «Science». Sono i ricercatori italiani che lavorano in tutto il mondo e vengono apprezzati e riconosciuti, tanto che a livello europeo sono tra quelli

    – di Marzio Bartoloni

    Libri per l'infanzia: piccoli uomini (migliori) crescono

    Forse per l'impotenza che provano di fronte allo squagliarsi dei Poli, al razzismo che s'impenna, all'orrore della Siria o di Pyongyang, ai piccoli migranti che culla solo la risacca - o forse semplicemente per preparare i propri figli a un ambiente e a una società in evoluzione - i genitori d'oggi

    – di Lara Ricci

    L'Aquila: si produrrà in Abruzzo il farmaco di Rita Levi Montalcini

    Sarà prodotto all'Aquila il farmaco che guarisce la cheratite neurotrofica moderata o grave, una malattia rara e invalidante dell'occhio. Il medicinale è l'Oxervate, nome commerciale del cenenegermin (il principio attivo), e verrà prodotto nello stabilimento abruzzese del gruppo Dompè. A questo farmaco si è arrivati grazie alla ricerca del Nobel italiano Rita Levi Montalcini. Ne scrive oggi sul Sole24Ore (l'articolo lo trovate qui) il collega Jacopo Giliberto. Mi sembra proprio una notizia inter...

    – Vitaliano D'Angerio

    Via libera al farmaco di Rita Levi Montalcini. Si produrrà all'Aquila

    E' asettico e distaccato il titolo adottato ieri dalla Gazzetta Ufficiale: «Classificazione del medicinale per uso umano "Oxervate", ai sensi dell’articolo 8, comma 10, della legge 24 dicembre 1993, n. 537». Dietro questo titolo c'è il fatto che entra in commercio un medicinale biotecnologico nato

    – di Jacopo Giliberto

1-10 di 211 risultati