Persone

Richard Thaler

Richard H. Thaler, 72 anni, del New Jersey, docente all'Università di Chicago, è il vincitore del Nobel 2017 per l'economia. Il premio - spiega la Royal Swedish Academy of Sciences - è stato attribuito per i suoi studi in economia comportamentale, ovvero quella branca che, impiegando concetti tratti dalla psicologia, elabora modelli di comportamento alternativi rispetto a quelli formulati dalla teoria economica standard.

Il docente statunitense ha esplorato le interazioni fra economia e psicologia con ricchezza di esempi. Sue sono le teorie sul nudge (la «spinta gentile»), modo di interagire fra Governo e cittadini che mira a ottenere il risultato con metodi meno coercitivi e invasivi degli attuali. Oppure, evocando il metodo di Ulisse per sottrarsi alle lusinghe delle sirene, “legarsi le mani” con impegni di lungo termine per sottrarsi alle tentazioni di spendere tutto oggi.

Il saggio «Misbehaving»
Nel volume del 2015, dal titolo Misbehaving, Thaler racconta quanto accaduto nel concorso che aveva lanciato sulle pagine del Financial Times per fare il punto sui progressi delle ricerche psicologiche rispetto alle discipline economiche. Ecco il rompicapo da risolvere per vincere il premio: “Scegli un numero da 0 a 100 in modo da avvicinarti il più possibile ai due terzi della media dei numeri indicati dagli altri lettori”. Parteciparono lettori di tutti i tipi. E la risposta vincente fu 13. C'era chi, forse, aveva studiato logica o matematica, e rispose 0 (circa il 10% dei concorrenti). Ci furono poi molti 33 e 22, qualche 50 e pochi 100. La morale di Richard Thaler di fronte a questi risultati è che non è la “miglior risposta” in astratto quella che prevale, ma la scelta che tiene conto delle risposte degli altri concorrenti e della loro razionalità limitata. In questo esercizio c'è tutta la filosofia dei lavori di Thaler, che considera le imperfezioni altrui, ignorate in passato dagli economisti.

Thaler, con le sue ricerche basate su psicologia ed economia comportamentale, non è il primo studioso di questa nuova branca dell'economia a ricevere i Nobel. Prima di lui ci sono stati Herbert Simon (1978), Gary Becker (1992), Daniel Kahneman (2002) e Robert Shiller ( che vinse con i colleghi Eugene Fama e Lars Peter Hansen dell'Università di Chicago).

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2017

Ultime notizie su Richard Thaler

    Un Nobel alla nuova economia

    La storia recente dei premi Nobel per l'economia lascia lo spazio aperto a molte riflessioni sulla dinamica di quella che era stata definita a metà Ottocento da Thomas Carlyle una "scienza triste". Carlyle si opponeva alle semplici considerazioni di mercato basate sulla legge fondamentale della domanda e dell'offerta. Il filosofo e storico scozzese non criticava tanto il sistema economico, quanto le interpretazioni e le analisi dei grandi economisti di quel tempo. In particolare, non gli piaceva...

    – Gianfranco Fabi

    Plastic Tax rinviata (ancora) al 2022: può un'imposta salvare il mondo?

    Con Sostegni bis, l'entrata in vigore della Plastic Tax è stata posticipata al 1� gennaio 2022. Si tratta dell'ennesimo rinvio (inizialmente prevista per 1� gennaio 2021, è stata poi prorogata al 1� luglio 2021), per ragioni connesse al protrarsi dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 e per la volontà di non gravare ulteriormente su settori economici che versano già in difficoltà contingenti. A meno di nuove variazioni, dunque, con il prossimo anno per ogni chilo di prodotti di plastica mono...

    – Eleonora Maglia

    La pandemia condiziona i consumatori, arginiamola con spinte gentili

    Gli autori del post sono Francesco Baldo Tesi, laureato con lode in Economia e Management presso l'Università degli Studi di Firenze, attualmente laureando in Corporate Finance presso la LUISS Guido Carli e Lorenzo Padella, laureato con lode in Economia e Finanza all'Università di Pisa, master in Inghilterra (in corso) per specializzarsi in Behavioural Economics - Il virus SARS-CoV-2 e la COVID-19, ovvero la sindrome che ne consegue (nota anche come 'coronavirus'), hanno innescato nei consumato...

    – Econopoly

    «Gli italiani non sono scemi»: la frase che i politici ci dovrebbero risparmiare

    A chi si chiede se gli italiani sono "scemi", dunque, occorrerebbe rispondere, come fa il premio Nobel Richard Thaler, che «le persone non sono sceme, è il mondo ad essere complicato» e non capirlo o far finta di non capirlo è il peggiore servizio che la politica possa rendere a noi cittadini

    – di Vittorio Pelligra

    Il buon uso della Tassonomia per i progetti Green

    Il mercato della finanza verde, con le recenti transazioni di Green Bond e le emissioni sostenibili, rappresenta una parte sempre più rilevante del mercato finanziario. Negli ultimi anni, è molto cresciuto e si è assistito a un record di emissioni, complici i tassi bassi e il forte interesse degli

    – di Luca Moroni

1-10 di 83 risultati