Le nostre Firme

Riccardo Sorrentino

Redattore |  LinkedIn |

Riccardo Sorrentino lavora al Sole 24 Ore dal 1992. Si occupa di economia internazionale, con particolare attenzione ai dati macroeconomici e alla politica monetaria, e di Francia. Da lifelong learner ha acquisito tra l’altro competenze, certificate, in Data Science, in Deep learning e, attraverso l’Institute for Capacity Development del Fondo monetario internazionale, su temi macroeconomici e finanziari [1][2][3][4] [5]. Il suo blog è Oltre i confini.

Come inviato ha visitato diversi paesi per raccogliere interviste e scrivere reportage. È stato in Olanda (l’Aja), negli Stati Uniti (Atlanta), più volte in Islanda (Reykjavik) per seguirne la crisi fin dal 2006, in Ungheria (Budapest), a Singapore, in Indonesia (Jakarta), in India (Mumbai), in Norvegia (Oslo), in Thailandia (Bangkok), in Pakistan (a Islamabad e nel Kashmir), in Armenia (Yerevan), in Liechtenstein per seguire lo scandalo fiscale, in Romania (Bucarest), in Slovacchia (Bratislava), in Lettonia (Riga). Ha intervistato, tra molti altri, il primo ministro olandese Wim Kok, il mentor minister di Singapore, l’ex premier Lee Kuan Yew, il primo ministro portoghese Antonio Costa e diversi Governatori di Banche centrali.

Nell’inverno 2003-2004 e nell’estate 2006 ha lavorato nella redazione di New York del Sole 24 Ore, e nell’estate 2012 a Francoforte, seguendo temi economici, finanziari e politici.

Dal 1992 al 1999, nella redazione Finanza, ha seguito il settore assicurativo italiano ed estero, oltre a temi di finanza internazionale, e i mercati dei bond internazionali.

Ha avuto a lungo una rubrica settimanale – Lente d’ingrandimento – sull’edizione della domenica.

Nato a Torre del Greco nel 1964, ha studiato all’Istituto per la formazione al giornalismo di Milano. Ex pilota di aliante, passa gran parte del suo tempo libero leggendo libri di economia, filosofia, storia e scienze sociali e ascoltando musica classica. Ama viaggiare (ha passato tre settimane nel deserto mauritano nel 2003).

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: Italiano, francese, inglese
  • Argomenti: Economia internazionale, politica monetaria, dati macroeconomici, Francia

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Riccardo Sorrentino

    Come stanno cambiando i prezzi dopo il lockdown

    Cala l'energia, aumentano gli alimentari, e soprattutto la frutta. In rialzo i prezzi di bar e ristoranti, in calo quelli degli alberghi. In Italia forti rialzi per pc e voli domestici ma anche per i romanzi

    – di Riccardo Sorrentino

    Perché Macron si è precipitato subito a Beirut?

    La Francia, considerata una seconda patria da molti libanesi per i forti legami storici, coglie ora l'occasione per completare una complessa azione diplomatica iniziata in autunno, con l'esplosione delle proteste, e bloccata in una impasse

    – di Riccardo Sorrentino

    L'eredità economica del Covid? Perdita produttiva e cambiamento nei consumi

    La recessione da coronavirus non prevede solo una flessione della domanda, da risospingere con i normali strumenti di politica economica. Imporrà una perdita di capacità produttiva e, nello stesso tempo, sarà accompagnata da cambiamenti duraturi nelle abitudini dei consumatori. Le normali politiche macroeconomiche potrebbero non bastare

    – di Riccardo Sorrentino

    Riuscirà Macron a riformare le pensioni in Francia?

    Il governo intende riaprire il dossier formalmente a gennaio ma l'avvicinarsi delle elezioni della primavera 2022 sconsiglia di affrontare un tema che ha già spinto i francesi a scendere in piazza

    – di Riccardo Sorrentino

    A quanti «Piani Marshall» corrisponde il Recovery fund?

    L'European Recovery Plan del 1948 distribuì 130 miliardi di dollari attuali, con forti condizionalità: corrispondevano del pil europeo 1948-1951. Per l'Italia, fu pari all'8,3% del pil 1948, contro l'11,3% (del pil 2019) dei prestiti e dei sussidi del piano Ue

    – di Riccardo Sorrentino

    Bce: le misure di emergenza funzionano ma l'exit strategy sia molto graduale

    La presidente Christine Lagarde ha di fatto chiuso la prima fase della politica monetaria di emergenza: i rischi di frammentazione e l'instabilità dei mercati si sono fortemente ridotti. Le banche però temono una brusca eliminazione delle garanzie statali sui prestiti che potrebbe interrompere il flusso di credito all'economia

    – di Riccardo Sorrentino

    Bce, un successo la fase uno. Ora tocca alla ripresa

    La politica monetaria durante il confinamento è riuscita a normalizzare le condizioni finanziarie, che ora hanno il compito di sostenere un difficile ritorno a livelli soddisfacenti dell'attività economica

    – di Riccardo Sorrentino

    Fino a quando le banche centrali potranno acquistare titoli di Stato?

    Una ricerca di Carlo Cottarelli, Giampaolo Galli e Francesco Tucci dell'Osservatorio sui conti pubblici italiani spiega perché le cause della bassa inflazione che ha finora permesso politiche monetaria ultraespansive non dureranno per sempre.

    – di Riccardo Sorrentino

1-10 di 1285 risultati