Le nostre Firme

Riccardo Sorrentino

Redattore |  LinkedIn |

Riccardo Sorrentino lavora al Sole 24 Ore dal 1992. Si occupa di economia internazionale, con particolare attenzione ai dati macroeconomici e alla politica monetaria, e di Francia. Da lifelong learner ha acquisito tra l’altro competenze, certificate, in Data Science, in Deep learning e, attraverso l’Institute for Capacity Development del Fondo monetario internazionale, su temi macroeconomici e finanziari [1][2][3][4] [5]. Il suo blog è Oltre i confini.

Come inviato ha visitato diversi paesi per raccogliere interviste e scrivere reportage. È stato in Olanda (l’Aja), negli Stati Uniti (Atlanta), più volte in Islanda (Reykjavik) per seguirne la crisi fin dal 2006, in Ungheria (Budapest), a Singapore, in Indonesia (Jakarta), in India (Mumbai), in Norvegia (Oslo), in Thailandia (Bangkok), in Pakistan (a Islamabad e nel Kashmir), in Armenia (Yerevan), in Liechtenstein per seguire lo scandalo fiscale, in Romania (Bucarest), in Slovacchia (Bratislava), in Lettonia (Riga). Ha intervistato, tra molti altri, il primo ministro olandese Wim Kok, il mentor minister di Singapore, l’ex premier Lee Kuan Yew, il primo ministro portoghese Antonio Costa e diversi Governatori di Banche centrali.

Nell’inverno 2003-2004 e nell’estate 2006 ha lavorato nella redazione di New York del Sole 24 Ore, e nell’estate 2012 a Francoforte, seguendo temi economici, finanziari e politici.

Dal 1992 al 1999, nella redazione Finanza, ha seguito il settore assicurativo italiano ed estero, oltre a temi di finanza internazionale, e i mercati dei bond internazionali.

Ha avuto a lungo una rubrica settimanale – Lente d’ingrandimento – sull’edizione della domenica.

Nato a Torre del Greco nel 1964, ha studiato all’Istituto per la formazione al giornalismo di Milano. Ex pilota di aliante, passa gran parte del suo tempo libero leggendo libri di economia, filosofia, storia e scienze sociali e ascoltando musica classica. Ama viaggiare (ha passato tre settimane nel deserto mauritano nel 2003).

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: Italiano, francese, inglese
  • Argomenti: Economia internazionale, politica monetaria, dati macroeconomici, Francia

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Riccardo Sorrentino

    Il Ceo di Morgan Stanley, lo smart working e il liberalismo-che-non-c'è

    "In ufficio!". Le parole del Ceo di Morgan Stanley James Gorman sul telelavoro sono molto rivelatrici, di cosa sono le imprese e quindi l'economia moderna. «Se potete andare in un ristorante, potete anche venire in ufficio. E noi vi vogliamo in ufficio», ha detto, per poi aggiungere «Se entro il Labor Day (lunedì 6 settembre) le persone non saranno tornate in ufficio, sarò molto deluso e allora dovremo rivedere un po' di cose. E poi, se si vuole essere pagati a New York, si lavora a New York. "N...

    – Riccardo Sorrentino

    La Cina di Zhok, il filosofo che dà voce a Beppe Grillo

    Cina sì o Cina no? Forse non ce ne siamo accorti, ma è il momento delle grandi scelte. Una di quelle scelte sulla collocazione internazionale dell'Italia - dei cittadini italiani - da cui discendono poi anche importanti decisioni di politica interna. La Cina ha adottato una strategia di tipo espansionistico: militare, nell'area del Pacifico dove minaccia Taiwan, e non solo; economica, nel resto del mondo con il varo dell'iniziativa della Nuova via della Seta che ha lo scopo di attirare nell'orb...

    – Riccardo Sorrentino

    La sfida di Briatore e l'incompatibilità tra liberalismo e conservatorismo

    Sostengo da tempo che un liberale non può essere conservatore, per molti motivi (dovrei raccoglierli, e riordinarli) e che l'alleanza puramente tattica tra le due componenti politiche, per quanto storicamente determinata dalla comune avversione al socialismo, è stato un errore che il solo liberalismo ha pagato. Il discorso è lungo e complesso ma "mi" è venuto in soccorso - almeno per quanto riguarda il versante economico - l'imprenditore Flavio Briatore, secondo il quale: "Il povero mangia se ...

    – Riccardo Sorrentino

    Fiducia delle imprese, balzo in Germania dell'indice Ifo

    Il Pil nel 1� trimestre è calato dell'1,8%, ma gli investimenti sono aumentati. La crisi sembra alle spalle e si attende un'accelerazione della ripresa nel 3� trimestre

    – di Riccardo Sorrentino

1-10 di 1374 risultati