Le nostre Firme

Riccardo Sorrentino

Redattore |  LinkedIn |

Riccardo Sorrentino lavora al Sole 24 Ore dal 1992. Si occupa di economia internazionale, con particolare attenzione ai dati macroeconomici e alla politica monetaria, e di Francia. Da lifelong learner ha acquisito tra l’altro competenze, certificate, in Data Science, in Deep learning e, attraverso l’Institute for Capacity Development del Fondo monetario internazionale, su temi macroeconomici e finanziari [1][2][3][4] [5]. Il suo blog è Oltre i confini.

Come inviato ha visitato diversi paesi per raccogliere interviste e scrivere reportage. È stato in Olanda (l’Aja), negli Stati Uniti (Atlanta), più volte in Islanda (Reykjavik) per seguirne la crisi fin dal 2006, in Ungheria (Budapest), a Singapore, in Indonesia (Jakarta), in India (Mumbai), in Norvegia (Oslo), in Thailandia (Bangkok), in Pakistan (a Islamabad e nel Kashmir), in Armenia (Yerevan), in Liechtenstein per seguire lo scandalo fiscale, in Romania (Bucarest), in Slovacchia (Bratislava), in Lettonia (Riga). Ha intervistato, tra molti altri, il primo ministro olandese Wim Kok, il mentor minister di Singapore, l’ex premier Lee Kuan Yew, il primo ministro portoghese Antonio Costa e diversi Governatori di Banche centrali.

Nell’inverno 2003-2004 e nell’estate 2006 ha lavorato nella redazione di New York del Sole 24 Ore, e nell’estate 2012 a Francoforte, seguendo temi economici, finanziari e politici.

Dal 1992 al 1999, nella redazione Finanza, ha seguito il settore assicurativo italiano ed estero, oltre a temi di finanza internazionale, e i mercati dei bond internazionali.

Ha avuto a lungo una rubrica settimanale – Lente d’ingrandimento – sull’edizione della domenica.

Nato a Torre del Greco nel 1964, ha studiato all’Istituto per la formazione al giornalismo di Milano. Ex pilota di aliante, passa gran parte del suo tempo libero leggendo libri di economia, filosofia, storia e scienze sociali e ascoltando musica classica. Ama viaggiare (ha passato tre settimane nel deserto mauritano nel 2003).

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: Italiano, francese, inglese
  • Argomenti: Economia internazionale, politica monetaria, dati macroeconomici, Francia

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Riccardo Sorrentino

    Fed pronta al tapering ma incerta sulla pandemia

    Le condizioni dell'economia permetterebbero di ben assorbire l'annuncio di una graduale riduzione degli acquisti di titoli, ma resta l'incognita dell'evoluzione del Covid in autunno

    – di Riccardo Sorrentino

    Il caso Palombelli: le vittime, i carnefici e le regole del buon giornalismo

    L'indignazione è stata immediata. Persino bipartisan. Le parole di Barbara Palombelli sui femminicidi hanno colpito subito anche chi è attento alla libertà di espressione e alla libertà del giornalismo. Qualcosa di sbagliato - emergeva con grande evidenza - c'era in quelle parole, qualcosa che occorreva mettere in chiaro, che doveva essere esplicitata e resa razionale, uscendo dall'ambito delle mere emozioni. "Parliamo - ha detto la giornalista - della rabbia tra marito e moglie. Come sapete ne...

    – Riccardo Sorrentino

    Aukus, Francia: «Vicenda peserà sul futuro Nato»

    All'origine c'è la crisi diplomatica legata all'accordo sulla sicurezza nell'Indo-Pacifico cosiddetto Aukus. Rientro immediato da Australia e Stati Uniti

    – di Riccardo Sorrentino

    Perché occorre «liberare» il liberalismo

    E' l'ora del liberalismo. Purché esca dalla gabbia in cui si è rinchiuso. Il panorama politico sta cambiando rapidamente. A destra, il vecchio conservatorismo sta mostrando il suo vero volto, assai poco moderato: quello di un sovranismo a tinte populiste, decisamente illiberale, anche se sopravvive, a stento, al suo interno qualche voce dai toni liberali. A sinistra la socialdemocrazia è diventata una confusa proposta in cui si mescolano elementi di solidarismo di matrice cristiana o vagamente s...

    – Riccardo Sorrentino

    Marx, Hayek, Keynes e la passione per la dittatura

    Marx, Keynes, Hayek. Sono i tre economisti che hanno segnato la vita e la cultura degli ultimi due secoli, con tre proposte diverse di società, incompatibili tra loro. Marx è stato il teorico del comunismo, ma prima ancora il teorico della insostenibilità del capitalismo. Keynes ha fornito per primo un solido fondamento alle politiche economiche anticicliche, quelle in grado di contrastare le crisi (che in realtà non sono nate con lui, ma furono introdotte già dal Peel Banking Act del 1844). Hay...

    – Riccardo Sorrentino

    La Bce rallenta gli acquisti pandemici

    Il programma Pepp proseguirà a un ritmo più lento di quello seguito nel secondo e nel terzo trimestre

    – di Riccardo Sorrentino

1-10 di 1410 risultati