Persone

Reuven Rivlin

Reuven Rivlin è nato il 9 settembre del 1939 a Gerusalemme ed è l'attuale presidente dello Stato d'Israele, succeduto al novantenne Shimn Peres ed in carica dal 24 luglio del 2014.

Rivlin ha studiato presso l'Università Ebraica di Gerusalemme ed è figlio di Yosef Yoel Rivlin, autore della prima traduzione del Corano in ebraico.

Tra il 28 febbraio 2003 ed il marzo 2006 è stato presidente della Knesset (parlamento monocamerale di Israele) ed è un leader storico di Likud (partito del fronte nazionalista liberale e di centro destra in Israele) .

Rivlin ha iniziato la sua carriera politica nella Knesset, come esponente del partito di Benjamin Netanyahu (attuale primo ministro d'Israele).

Tra il 2001 ed il 2003 è stato Ministro delle Comunicazioni del Governo di Ariel Sharon.

Tra il 2003 ed il 2006 e successivamente tra il 2009 ed il 2013, è stato speaker della Knesset.

E' contrario al riconoscimento di uno Stato Palestinese e per ciò che attiene alla soluzione del conflitto israelo-palestinese, è piuttosto favorevole all'opzione giordana dello "Stato Unico" che non a quella del riconoscimento di "Due Stati".

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Filosofia | Reuven Rivlin | Knesset | Benjamin Netanyahu | Ariel Sharon | Università Ebraica | Yosef Yoel Rivlin | Gerusalemme | Likud | Stato Unico | Due Stati | Shimn Peres |

Ultime notizie su Reuven Rivlin

    Israele, Netanyahu verso il tramonto tra indagini di corruzione e fronde interne

    Questa volta Bibi il mago non ce l'ha fatta. Ci ha provato, con tenacia, ricorrendo alla sua indiscussa abilità negoziale, ha perfino proposto di creare un Governo di Unità nazionale in cui si sarebbe alternato alla sua guida con il nemico, il rivale, il generale Benny Gantz, leader del partito di centro Blu e Bianco

    – di Roberto Bongiorni

    Netanyahu ci riprova, a lui l'incarico di formare un governo

    Il premier uscente ha ricevuto per primo l'incarico di trovare la strada per sbloccare l'impasse politica che dura dal dicembre scorso. La via d'uscita più probabile è un governo di unità nazionale

    – di Roberto Bongiorni

    Israele, salta intesa Netanyahu-Lieberman: nuove elezioni il 17 settembre

    Israele verso nuove elezioni dopo il voto di poco più di un mese fa: è la prima volta nella sua storia. Al termine del mandato esplorativo che scadeva allamezzanotte di martedì 28 maggio, il premier incaricato Benyamin Netanyahu non è riuscito a trovare un'intesa con il suo ex ministro della Difesa

    Israele litiga sulla leva militare per gli ortodossi: rischio di nuove elezioni

    Un Governo creato all'ultimo minuto, oppure nuove elezioni?Solo il tempo, e si tratta di poche ore (fino alle mezzanotte), ci darà una risposta più chiara su uno dei periodi post elettorali più confusi nella storia di Israele. Pur ostentando ottimismo, Benjamin Netanyahu lo sapeva fin dall'inizio:

    – di Roberto Bongiorni

    Sparatoria a sinagoga San Diego: sospettato un suprematista bianco di 19 anni

    Il diciannovenne di San Diego che ha aperto il fuoco contro i fedeli di una sinagoga di Poway, in California, sarebbe un suprematista bianco che avrebbe scritto alcune lettere in cui denuncia il suo odio verso gli ebrei e altre persone. Lo scrive Rita Katz, la responsabile del sito specializzato

    E' morto Amos Oz, aveva 79 anni

    E' morto lo scrittore Amos Oz, aveva 79 anni ed era malato di cancro. E' stato uno degli scrittori israeliani più celebri e tradotto in tutto il mondo. Ad annunciare la sua morte è stata con un tweet la figlia Fania Oz-Salzberger spiegando che «è morto ... proprio ora, dopo un rapido deterioramento,

    Migranti, l'Ue deferisce l'Ungheria e avvia procedura per la «legge Soros»

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTE BRUXELLES - E' sempre più grave la spaccatura tra Bruxelles e Budapest. La Commissione europea ha annunciato oggi il deferimento dell'Ungheria dinanzi alla Corte europea di Giustizia per via del modo in cui il paese sta trattando i richiedenti asilo sul proprio territorio.

    – di Beda Romano

    Trump: occasione rara per la pace

    Donald Trump crede in una nuova era di disgelo tra Paesi arabi e Israele e nelle possibilità di riavviare il cruciale processo di pace in Medio Oriente. La seconda tappa del viaggio del presidente americano lo ha visto spezzare tabù: il suo Air Force One è diventato il primo volo diretto dalla

    – Marco Valsania

1-10 di 30 risultati