Ultime notizie:

Renato Palazzi

    Brecht: impossibile essere buoni

    Gelido straniamento o forte esasperazione emotiva? Totale distacco critico o incalzante aggressività della parola e dell'azione? Ogni approccio al teatro di Brecht è affascinante proprio per i problemi tecnici che pone, per l'eterna questione dell'osservanza o meno delle regole fissate dall'autore.

    – di Renato Palazzi

    Discesa agli inferi a Brescello

    Come definire Va pensiero, il nuovo spettacolo del Teatro delle Albe che dopo il debutto dello scorso novembre al Teatro Storchi di Modena è ora approdato all'Elfo Puccini di Milano? Come individuare, in questo lavoro così denso e complesso, una chiave univoca che ne circoscriva il teritorio senza

    – di Renato Palazzi

    Oscar Wilde alla sbarra

    In un'epoca in cui scopriamo che tanti non conoscono la vicenda di Anna Frank, chissà quanti - e non soltanto fra le ultimissime generazioni - saranno al corrente dell'ignobile persecuzione giudiziaria subìta da Oscar Wilde? Raramente, forse, nella storia, si è assistito a un così accanito e

    – di Renato Palazzi

    Caro Tito, ci manchi tanto

    Il FIT Festival di Lugano è un aggiornato osservatorio sulle nuove tendenze della scena internazionale di oggi. Qui, l'anno scorso, si erano viste alcune delle esperienze più avanzate sul fronte di un teatro post-rappresentativo, spudoratamente iper-soggettivo, i cui autori e performer svelavano i

    – di Renato Palazzi

    Stanze di una morte annunciata

    Cos'è, esattamente, Nachlass, il lavoro che i Rimini Protokoll hanno presentato a Roma, a Short Theatre e poi a Romaeuropa, e che sarà in gennaio al Piccolo di Milano? Non è, propriamente, uno spettacolo, né una performance, ma anche la definizione di installazione sembra limitante. E' piuttosto un

    – di Renato Palazzi

    Cupa radiografia dell'Italia

    Col Ritratto di una capitale, un progetto drammaturgico in cui ventiquattro autori erano chiamati a raccontare, ciascuno a suo modo, una giornata della città, il Teatro di Roma tre anni fa aveva sostanzialmente centrato l'obiettivo: la qualità dei testi aveva alti e bassi, ma il loro accostamento

    – di Renato Palazzi

    Nel nome della confusione

    Antonio Latella, neo-direttore artistico del Festival del Teatro della Biennale di Venezia, ha dato al programma da lui ideato un taglio insolito e, a mio avviso, molto interessante: anziché puntare su una serie di singoli titoli, ha pensato di mettere a fuoco dei percorsi in divenire. E ha

    – di Renato Palazzi

    Scorticati al maschile

    Ci voleva la nuova creazione di Emma Dante per risollevare il tono di un'estate teatrale finora piuttosto avara di grandi soddisfazioni. Ci voleva questa Scortecata che ha debuttato al Festival dei Due Mondi di Spoleto, un lavoro scarno, che dura un'oretta soltanto, all'apparenza un piccolo

    – di Renato Palazzi

    «Lucifer» molto «Heretico»

    Non è facile dare una lettura univoca del festival di Castiglioncello di quest'anno. Inequilibrio non è il genere di rassegna che si frequenta per seguire quei due o tre titoli importanti: è un laboratorio perennemente aperto, una sorta di palestra dove si incrociano giovani e meno giovani, teatro

    – di Renato Palazzi

    Sessualità beffarda

    Credo che le She She Pop siano una realtà unica nel teatro europeo di oggi. Il graffiante collettivo femminile berlinese non è certo una compagnia giovane, dato che il suo nucleo storico è anagraficamente e artisticamente maturo, ma produce un linguaggio del tutto in linea con le tendenze più

    – di Renato Palazzi

1-10 di 203 risultati