Persone

Remo Ruffini

Remo Ruffini è il presidente e amministratore delegato di Moncler S.p.A. Vive con la famiglia tra Milano e Como, sua città d'origine, dove è nato il 27 agosto 1961.

La formazione professionale di Remo Ruffini si sviluppa fra Italia e Stati Uniti, dove entra nell'azienda del padre, la Gianfranco Ruffini ltd. Rientrato in Italia nel 1984, a 23 anni fonda la New England, specializzata in camiceria maschile, di cui ben presto allarga la proposta a una linea completa di sportswear e nel 1993 alla collezione donna. Nel 2003 Ruffini rileva Moncler, storico marchio francoitaliano specializzato nella produzione di giacche sportive di piuma d’oca, di cui intraprende un vasto rilancio internazionale. Nel 2013 la società viene quotata in borsa sulla Piazza di Milano.

Ruffini ha trasformato Moncler rendendo i suoi prodotti globali. Nel 2006 lancia Moncler Gamme Rouge, l'Haute Couture del piumino, mentre nel l 2009 Moncler Gamme Bleu, la linea sportiva e maschile e Grenoble quella per gli amanti dello sci.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Remo Ruffini

    Stipendi, per i manager busta paga media di 850mila euro: 100mila in meno in un anno

    Lo stipendio medio dell'amministratore delegato di una società quotata con sede in Italia è stato pari a 849.300 euro lordi nel 2018. Il valore è inferiore del 10,8% a quello del 2017 (952.400 euro), anno in cui c'era stato un aumento del 14,5% rispetto al 2016 (831.700 euro). E'?quanto calcolato dall'Area Studi di Mediobanca

    – di Gianni Dragoni

    Per le Borse arriva una settimana clou con il voto Uk e l'esordio di Lagarde

    Doppio appuntamento il 12 dicembre con le elezioni a Londra e la prima riunione del neo presidente Bce. Intato venerdì gli indici europei hanno rialzato la testa grazie ai record dei dati Usa sul lavoro. Il Ftse Mib ha chiuso la settimana con un calo dello 0,33% ma peggio hanno fatto Parigi, Francoforte e Londra (si salva solo Madrid). A Piazza Affari protagonista il duo Moncler-Ferragamo grazie alle mosse di Kering che potrebbero riaprire il risiko del lusso

    – di Enrico Miele

    Moncler, dai paninari alla Borsa. Un piumino da 11 miliardi

    La società, fondata nel 1952 in una località vicino a Grenoble, produceva inizialmente sacchi a pelo. Diventata pop negli anni '80 con i paninari, ha sfiorato il crac a inizio anni 2000. Dopo diversi riassetti nell'azionariato, è sbarcata in Borsa nel 2013 e oggi ha quadruplicato il suo valore in Borsa. E oggi fattura circa 1,4 mld

    – di Eleonora Micheli

    Da Tiffany alla «lepre» Moncler, i colossi del lusso si sfidano a colpi di miliardi

    A pochi giorni dalla più grande operazione di sempre nel settore, l'acquisizione di Tiffany da parte del colosso francese Lvmh, gli arcirivali di Kering puntano Moncler (che conferma i contatti). Richemont, terzo incomodo, dopo il delisting di Ynap, non sembra avere prede nel mirino. Mai dire mai però: nell'alta gamma c'è ancora spazio per consolidamento

    – di Giulia Crivelli

    Contatti Kering-Moncler, ma i nodi restano prezzo e struttura dell'operazione

    Focus su Moncler a Piazza Affari, dopo che l'agenzia americana Bloomberg ha parlato di discussioni di Kering con Moncler (e il suo azionista Remo Ruffini) per rilevare il brand dei piumini. In realtà il dietro le quinte dell'operazione secondo Il Sole 24 Ore sarebbe questo: dopo l'operazione di Lvmh su Tiffany, tra le banche d'affari e gli operatori del settore è nata la domanda. Ma allora Pinault e la sua Kering stanno fermi oppure preparano una veloce risposta a Lvmh? Già alcuni anni fa c'e...

    – Carlo Festa

1-10 di 145 risultati