Persone

Recep Tayyip Erdogan

Recep Tayyip Erdogan è nato il 26 febbraio del 1954 ad Istanbul ed un politico turco, dal 28 agosto del 2014 è Presidente della Turchia.

In passato è stato sindaco di Istanbul (dal 27 marzo del 1994 al 6 novembre del 1998) e Primo Ministro della Turchia (dal 14 marzo del 2013 al 26 agosto del 2014).

Erdogan dopo essere stato un calciatore semiprofessionista ed essersi laureato nel 1981 in Economia e Commercio presso l'Università di Marmara, ha intrapreso la carriera politica.

Fin da giovanissimo è stato una figura di spicco del disciolto Partito del Benessere, formazione di chiara ispirazione islamica, le cui idee troppo estremiste gli hanno creato anche problemi giudiziari.

Eletto sindaco di Istanbul nel 1994 e poi tra i fondatori, nel 1998, dell’Akp, Partito per la Giustizia e lo Sviluppo, Erdogan ha ottenuto una grande vittoria alle prime elezioni alle quali ha partecipato, nel 2002, assumendo l’anno dopo proprio la carica di Primo Ministro.

Durante questo suo mandato istituzionale ha dato grande impulso ai negoziati per l’ingresso della Turchia nell’Unione Europea.

Il 10 agosto del 2014 Erdogan vince le prime elezioni presidenziali turche con elezione diretta del Presidente, precedentemente eletto dal Parlamento.

Erdogan si aggiudica le elezioni, a cui ha partecipato il 76% degli aventi diritto, con il 52% dei consensi davanti agli altri candidati Ekmeleddin İhsanoglu (38%) e Selahattin Demirtas (10%).
L'anno seguente il partito di Erdogan vince ancora le elezioni politiche, conquistando 316 su 550 seggi.

La sua leadership politica è stata spesso al centro di forti polemiche, per il suo atteggiamento intrasigente e poco democratico, appena aletto uno dei suo primi provvedimenti è stato quello di licenziare decine di giornalisti e sequestrare una rivista a lui ostili.

Si è fatto promotore di una riforma della Costituzione turca, tuttora in itinere, che accentra ulteriormente i poteri del presidente.

La notte del 15 luglio è stato perpetrato ai danni del governo di Erdogan un tetativo di golpe, poi fallito.

Il tentato colpo di stato sulla cui dinamica sono sorti dubbi, vista la scarsa resistenza opposta dai militari golpisti, è costato la vita ad oltre 200 vittime e vede in manette seimilla soldati e più di 2700 magistrati. L'inflizione di pene contrarie al senso di umanità ha visto alcune potenze occidentali (Stati Uniti e Germania) mobilitarsi per chiedere ad Erdogan il rispetto dei diritti umani.

Erdogan è sposato con Emine (first lady della Turchia) e padre di quattro figli, Ahmet Burak, Necmeddin Bilal, Esra e Sumeyye.

Ultimo aggiornamento 18 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Primo ministro | Istanbul | Akp |

Ultime notizie su Recep Tayyip Erdogan

    La Turchia chiede alla Cina di chiudere i centri di detenzione della minoranza musulmana e turcofona degli Uighuri

    E' uno scontro senza precedenti, scatenato dalla morte in detenzione di Abdurehim Heyit, un famoso musicista e poeta uighuro,  tra l'erede di uno dei maggiori imperi della storia, quello ottomano, e l'impero di Mezzo cioè quello cinese. Con l'Occidente ai margini della sfida tra Turchia musulmana e le Cina comunista che non tollera minoranze uighure islamiche e di lingua turca che si trasformano in spine nel fianco di Pechino. La Turchia di Recep Tayyip Erdogan ha definito "una vergogna per l'u...

    – Vittorio Da Rold

    Grecia e Turchia, la strana coppia, a sostegno del presidente venezuelano Maduro

    Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, non fa mistero di considerare il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, un "fratello". Una posizione, che condivide seppure in modo meno "fraterno", con l'Iran di Alì Khamenei, la Russia di Vladimir Putin e la Cina di Xi Jinping. Ankara, più prosaicamente, ha raffinato ingenti partite di oro proveniente dal Venezuela e lo ha poi rinviato alla Banca centrale a Caracas. Il Venezuela ha preferito la Turchia alla Svizzera perché temeva gli effetti delle...

    – Vittorio Da Rold

    Trump: devasteremo l'economia della Turchia se attaccherà i curdi

    «Devasteremo economicamente la Turchia se attaccherà i curdi». Parola di Donald Trump. Il messaggio indirizzato dal presidente americano ad Ankara, come al solito diffuso via Tweet, usa torni particolarmente forti capaci di esacerbare uno scontro diplomatico e commerciale in cui tutti hanno da

    – di Roberto Bongiorni

    La Siria riaccende lo scontro Turchia-Usa. Erdogan non riceve Bolton

    NEW YORK - E' di nuovo gelo tra Stati Uniti e Turchia. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha rifiutato di incontrare il consigliere di sicurezza nazionale americano John Bolton in visita ad Ankara, dopo aver bocciato seccamente la richiesta dell'amministrazione Trump di non attaccare i curdi

    – di Marco Valsania

    La Turchia fa la voce grossa sulla Siria per distogliere l'attenzione dalla recessione in vista

    Che succede nella Turchia di Erdogan che fa la voce grossa con l'inviato di Trump, John Bolton, che chiede di non infierire sui curdi siriani che hanno aiutato sul terreno l'Occidente nella sanguinosa lotta contro l'Isis?La Turchia sta cercando di distogliere  l'attenzione della popolazione dalla crisi economica indirizzandola verso i nemici esterni o presunti tali. Erdogan ha detto che "la lotta della milizia curda dell'Ypg  contro lo stato islamico è una grande bugia." Non solo. Erdogan ha a...

    – Vittorio Da Rold

    Il ceo di Hsbc Turchia sotto inchiesta per un retweet contro Erdogan

    Non c'è bisogno di scomodare la teoria del caos secondo cui il battito d'ali di una farfalla in Brasile può provocare un uragano nel Golfo del Messico, ma l'accusa di vilipendio del presidente Erdogan a un top manager bancario in Turchia ha creato un forte senso di disagio in tutta la comunità

    – di Vittorio Da Rold

    Truppe Usa via dalla Siria? Tutte le conseguenze sul Medio Oriente

    «Abbiamo sconfitto l'Isis in Siria. Era la mia unica ragione per restare lì». Ricorrendo al consueto tweet, il presidente americano Donald Trump ha annunciato ieri, anche se indirettamente, quello che potrebbe essere uno storico ritiro delle - poche - truppe americane presenti in Siria. L'emittente

    – di Roberto Bongiorni

    Erdogan alla guerra delle cipolle per combattere l'aumento dei prezzi

    I prezzi delle cipolle sul Bosforo sono aumentati, sfidando una lotta senza quartiere scatenata dal governo Akp, islamico-conservatore, contro l'aumento dei prezzi al dettaglio. I prezzi delle cipolle sono saliti del 51 percento a novembre, il maggior incremento registrato da qualsiasi altro

    – di Vittorio Da Rold

1-10 di 676 risultati