Persone

Recep Tayyip Erdogan

Recep Tayyip Erdogan è nato il 26 febbraio del 1954 ad Istanbul ed un politico turco, dal 28 agosto del 2014 è Presidente della Turchia.

In passato è stato sindaco di Istanbul (dal 27 marzo del 1994 al 6 novembre del 1998) e Primo Ministro della Turchia (dal 14 marzo del 2013 al 26 agosto del 2014).

Erdogan dopo essere stato un calciatore semiprofessionista ed essersi laureato nel 1981 in Economia e Commercio presso l'Università di Marmara, ha intrapreso la carriera politica.

Fin da giovanissimo è stato una figura di spicco del disciolto Partito del Benessere, formazione di chiara ispirazione islamica, le cui idee troppo estremiste gli hanno creato anche problemi giudiziari.

Eletto sindaco di Istanbul nel 1994 e poi tra i fondatori, nel 1998, dell’Akp, Partito per la Giustizia e lo Sviluppo, Erdogan ha ottenuto una grande vittoria alle prime elezioni alle quali ha partecipato, nel 2002, assumendo l’anno dopo proprio la carica di Primo Ministro.

Durante questo suo mandato istituzionale ha dato grande impulso ai negoziati per l’ingresso della Turchia nell’Unione Europea.

Il 10 agosto del 2014 Erdogan vince le prime elezioni presidenziali turche con elezione diretta del Presidente, precedentemente eletto dal Parlamento.

Erdogan si aggiudica le elezioni, a cui ha partecipato il 76% degli aventi diritto, con il 52% dei consensi davanti agli altri candidati Ekmeleddin İhsanoglu (38%) e Selahattin Demirtas (10%).
L'anno seguente il partito di Erdogan vince ancora le elezioni politiche, conquistando 316 su 550 seggi.

La sua leadership politica è stata spesso al centro di forti polemiche, per il suo atteggiamento intrasigente e poco democratico, appena aletto uno dei suo primi provvedimenti è stato quello di licenziare decine di giornalisti e sequestrare una rivista a lui ostili.

Si è fatto promotore di una riforma della Costituzione turca, tuttora in itinere, che accentra ulteriormente i poteri del presidente.

La notte del 15 luglio è stato perpetrato ai danni del governo di Erdogan un tetativo di golpe, poi fallito.

Il tentato colpo di stato sulla cui dinamica sono sorti dubbi, vista la scarsa resistenza opposta dai militari golpisti, è costato la vita ad oltre 200 vittime e vede in manette seimilla soldati e più di 2700 magistrati. L'inflizione di pene contrarie al senso di umanità ha visto alcune potenze occidentali (Stati Uniti e Germania) mobilitarsi per chiedere ad Erdogan il rispetto dei diritti umani.

Erdogan è sposato con Emine (first lady della Turchia) e padre di quattro figli, Ahmet Burak, Necmeddin Bilal, Esra e Sumeyye.

Ultimo aggiornamento 18 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Primo ministro | Istanbul | Akp |

Ultime notizie su Recep Tayyip Erdogan

    Di Maio a Lavrov: su sanzioni alla Russia vogliamo una riflessione Ue

    In occasione dell'incontro si è parlato anche di Libia. Il responsabile della Farnesina ha ricordato che l'Italia sostiene l'azione di stabilizzazione delle Nazioni Unite e ha messo in evidenza i rischi che possono scaturire da «fughe in avanti»

    – di An.C.

    Bilaterale Conte-Trump al vertice Nato: la Libia torna sotto la lente del Governo

    L'evoluzione degli eventi negli ultimi giorni ha fatto sì che l'attenzione dell'esecutivo si concentrasse su altri dossier: dalla trattativa con ArcelorMittal sull'ex Ilva, ad Alitalia, alle polemiche sul Mes, il Meccanismo europeo di stabilità al centro della riunione dell'Eurogruppo. Il faccia a faccia tra il presidente del Consiglio e il presidente Usa ha consentito di riavviare un confronto con l'alleato oltreoceano per la stabizzazione del Paese del Nord Africa

    – di Andrea Carli

    La Russia ora guarda all'Africa come a un'immensa start-up

    Il 23 e 24 ottobre Vladimir Putin ha ospitato a Mosca leader e rappresentanti di tutti i 54 Paesi africani. Il presidente russo vuole recuperare il terreno perduto a favore dei cinesi e della Ue. Parte da 20 accordi di cooperazione militare che fanno della Russia il primo fornitore di armi del continente, con l'obiettivo di sfruttare le terre rare e vendere il nucleare

    – dal nostro inviato Antonella Scott

    Siria, Trump ordina di togliere le sanzioni contro la Turchia

    Il presidente russo Vladimir Putin e Assad si erano sentiti al telefono dopo che il primo aveva raggiunto con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan l'intesa in dieci punti. Cremlino minaccia i curdi: andateve o sarete spazzati via. Donald Trump si era detto «completamente preparato» a un'azione militare contro la Turchia se «necessario» ma il suo amabasciatore Nato frena

    Regge la tregua in Siria, ma Erdogan torna a minacciare i curdi

    Se non ci sarà il ritiro delle milizie curde Ypg entro la sera del 22 ottobre «continueremo» l'operazione militare «da dove ci siamo fermati», e «spaccheremo le teste dei terroristi», ha ribadito il presidente turco parlando a Kayseri, nel cuore dell'Anatolia

    Erdogan: i curdi hanno iniziato a ritirarsi. Abbattuto un elicottero turco

    Scontri sporadici e bombardamenti di artiglieria sono stati avvertiti al confine della Siria, ma sostanzialmente regge l'accordo raggiunto tra il vicepresidente americano Pence e il presidente turco Erdogan su un cessate il fuoco di 5 giorni, per consentire il ritiro dei curdi

    Turchia Football Club: come Erdogan cerca di piegare il calcio alla ragion di stato

    Calcio e politica sono un binomio sempre più indissolubile nella Turchia del Sultano Erdogan. E' come se il patriottismo repubblicano di Kemal Atatürk si fosse trasformato, con il trascorrere degli anni, in un nazionalismo militante, la cui incarnazione più iconica e mediaticamente suggestiva è costituita dalle gesta e dalle prese di posizione dei calciatori. Il saluto militare dei giocatori della Nazionale al termine della partita vinta contro l'Albania, nelle stesse ore in cui si scatenava l'...

    – Marco Bellinazzo

1-10 di 707 risultati