Persone

Raffaele Lombardo

Raffaele Lombardo è stato presidente della Regione Sicilia e fondatore e leader del Movimento per le Autonomie. Dopo la laurea in medicina e chirurgia con specializzazione in psichiatria forense, Lombardo ha iniziato la sua carriera politica nel Movimento Giovanile della Democrazia Cristiana all’ombra di Calogero Mannino. Nel 1991 è diventato deputato alla regione Sicilia, nonché assessore agli Enti Locali. Si è dimesso da tale carica nell’aprile 1992, in quanto coinvolto in due inchieste giudiziarie. Sempre per questo motivo nel 1994 ha lasciato con due anni d’anticipo l’Assemblea Regionale Siciliana.

Dopo essere staso assolto da ogni procedimento giudiziario, nel 1998 Raffaele Lombardo è stato eletto vicesegretario del Centro Cristiano Democratico siciliano di Pierferdinando Casini, per poi passare all’UDC, partito a cui è rimasto fedele fino al 2005. Nel 1999 è stato eletto europarlamentare per il CCD, carica che gli è stata poi riconfermata nel 2004 in seguito alle dimissioni di Salvatore Cuffaro. Nel 2000 è diventato Vicesindaco di Catania e si è dimesso nel 2003, essendo stato eletto Presidente della Provincia, con oltre il 60% dei voti. Dopo aver appoggiato con successo l’elezione del sindaco di Catania, Umberto Scarpagnini, nel 2008 Raffaele Lombardo si è presentato alle elezioni nazionali con il Movimento per le Autonomie, da lui stesso fondato, accanto al Popolo delle Libertà, riuscendo a far eleggere diversi deputati e senatori. Lombardo ha vinto le elezioni ed è salito alla presidenza della regione, sostenuto dal Popolo delle Libertà e dall’UDC.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Raffaele Lombardo | Elezione | Salvatore Cuffaro | Catania | Calogero Mannino | Pierferdinando Casini | Centro Cristiano Democratico | Udc | PDL | Umberto Scarpagnini | DC |

Ultime notizie su Raffaele Lombardo

    Zuccaro, il procuratore catanese che fa la guerra alle Ong

    Qualcuno lo chiama "lo sceriffo", altri invece si soffermano a parlarne come di un enfant prodige del diritto e della giustizia. Sta di fatto che Carmelo Zuccaro, il capo della procura di Catania che conduce l'inchiesta che ha portato, tra le altre cose, al sequestro della nave Aquarius di Msf, è

    – di Nino Amadore

    Elezioni 2018, nel suo statuto la Lega vuole ancora la secessione della Padania

    A Lecce la Lega è passata da 75 voti del 2013 ai 10.059 di domenica: è il collegio con il maggiore aumento relativo per il Carroccio, vero vincitore delle elezioni insieme al Movimento 5 Stelle. Peccato che nello Statuto del partito la Puglia non sia ancora riconosciuta come «Nazione». E' solo una

    – di Riccardo Ferrazza

    Sicilia, giunta Musumeci verso il debutto

    Per l'ufficializzazione bisognerà aspettare ancora qualche ora. Ma i giochi sono fatti: undici giorni dopo la proclamazione in Corte d'appello la squadra del presidente della Regione siciliana Nello Musumeci è ormai composta e i decreti di nomina sono stati firmati. Almeno questo è ciò che trapela

    – di Nino Amadore

    Sicilia, la galassia ex Dc è il secondo partito in Regione

    E' un puro calcolo aritmetico il cui risultato, però, colpisce. Se si sommano i voti ottenuti alle regionali in Sicilia di domenica dalle quattro liste di centro - benché schierate con candidati diversi - si arriva al 24,1 per cento. Poco meno di mezzo milione di voti che si traducono in dodici

    – di Riccardo Ferrazza

    Elezioni in Sicilia, l'economia grande assente dai programmi

    Fra i primi a portarsi avanti con il lavoro è stato Gaetano Armao, l'ex assessore all'Economia della giunta guidata da Raffaele Lombardo, oggi candidato in ticket con Nello Musumeci alle prossime elezioni regionali.Insieme a lui per la verità anche qualche candidato dei cosiddetti cespugli

    – di Nino Amadore

1-10 di 443 risultati