Persone

Raffaele Cantone

Raffaele Cantone è nato il 24 novembre del 1963 a Napoli ed è un magistrato italiano, in aspettativa dal 27 marzo 2014 ed attualmente Presidente delll'Autorità Nazionale Anticorruzione.

Cresciuto a Giugliano in Campania (NA) Raffaele Cantone è entrato in magistratura nel 1991, prestando fino al 1999 l'incarico di sostituto procuratore presso il tribunale di Napoli.

Successivamente è entrato a far parte della Direzione distrettuale antimafia napoletana, dove è rimasto fino al 2007.

Cantone ha svolto importanti indagini sul fronte camorristico riuscendo ad ottenre la condanna all'ergastolo per alcuni dei più importanti capi del clan camorristico dei casalesi, tra i quali Francesco Schiavone (meglio noto come Sandokan e recentemente deceduto) Francesco Bidognetti, Walter Schiavone, Augusto La Torre e Mario Esposito. Le sue indagini lo hanno portato anche all'estero (Scozia, Germania e Romania) dove ha individuato, ad opera dei clan La Torre e Schiavone, un intensa attività di riciclaggio di denaro di provenienza illecita in attività imprenditoriali e beni immobili.

Dal 1999, a causa di un'indagine che ha individuato un progetto di attentato ai suoi danni predisposto dal clan dei Casalesi, è sottoposto a programma di tutela e dal 2003 viene scortato.

Nel 2011 è stato nominato, dall'allora Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione Filippo Patroni Griffi, componente della Commissione che elabora le prime proposte anticorruzione del governo Monti.

il 18 giugno del 2013 il Presidente del Consiglio dei ministri Enrico Letta lo nomina componente della task force per l'elaborazione di proposte in tema di lotta alla criminalità organizzata.

Per il suo impegno civile, gli è stata tributata la cittadinanza onoraria dei comuni di Cortona (AR) , Agerola (NA) e Sessa Aurunca (CE).

È presidente onorario del presidio di Libera di Giugliano, in provincia di Napoli, dedicato a Mena Morlando, giovane insegnante vittima innocente della camorra, uccisa nel 1980 durante una sparatoria tra clan camorristici rivali.

Il 27 marrzo del 2014 Raffaele Cantone viene nominato, dal Presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi, presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, nomina confermata all'unanimità dalla commissione affari costituzionali del Senato.

E' sposato ed è padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Raffaele Cantone | Indagine | Napoli | Arezzo | Caserta | Enrico Letta | Filippo Patroni Griffi | Francesco Bidognetti | Mario Esposito | Matteo Renzi | Augusto La Torre | Pubblica Amministrazione | DDA | Senato | Mena Morlando | Walter Schiavone | Presidente del Consiglio dei ministri | Francesco Schiavone | Autorità Nazionale Anticorruzione | Monti |

Ultime notizie su Raffaele Cantone

    Cantone pronto a lasciare l'Anticorruzione (ma a fina mandato)

    Raffaele Cantone non ha intenzione di lasciare l'Anac, non per il momento, almeno. Il presidente dell'Autorità anticorruzione ha presentato domande per tre Procure (Perugia, Torre Annunziata, Frosinone) ma è convinto che le procedure di una eventuale nomina richiederebbero tempi molto lunghi che lo

    – di Giorgio Santilli

    Cantone pronto a lasciare l'Anac, si candida per 3 procure

    A marzo saranno cinque anni che guida l'Autorità Anticorruzione, proposto da Matteo Renzi e nominato all'unanimità dal Parlamento. Un incarico che ha come scadenza naturale aprile del 2020. Ma Raffaele Cantone sembra volere anticipare i tempi. E al Csm ha presentato tre domande per concorrere ad

    Mineo, il centro per migranti chiude: cinque anni di annunci

    Il centro per immigrati di Mineo viaggia verso una chiusura annunciata per fine anno dal ministro Matteo Salvini. Ma la storia di questo Cara (centro di accoglienza per richiedenti asilo) racconta molte delle contraddizioni e degli errori politici e di gestione dell'immigrazione in Italia. La

    – di Marco Ludovico

    Decreto semplificazioni: da provvedimento fantasma a contenitore omnibus

    I trascorsi, già di per sé abbastanza tormentati, non sono bastati. Dopo la valanga di emendamenti, ben 970, piovutigli addosso nel passaggio presso le commissioni Affari costituzionali e Lavori pubblici del Senato, il decreto semplificazioni imbarca le misure le più svariate, tanto che prende la

    – di Andrea Carli

    Decreto semplificazioni, salta del tutto la riforma del codice appalti

    Salta del tutto la norma di riforma del codice appalti dal decreto legge semplificazioni. Questi gli sviluppi delle ultimissime ore prima del Consiglio dei ministri che stamattina dovrebbe approvare il provvedimento. C'è stata altissima tensione ieri nel governo, in particolare sulla norma

    – di Giorgio Santilli

    Giudici tributari, il testo della lettera spedita a Cantone

    Ieri 28 n0vembre il presidente del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, Antonio Leone, ha inviato una lettera al presidente dell'autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, in risposta alle affermazioni fatte nell'aggiornamento del Piano nazionale anticorruzione dell'Anac.

    Banche fallite, rimborsati 232 milioni

    I risparmiatori traditi e la guerra dei tre forni. Il quadro delle misure che si sono susseguite nel tempo ha fatto in modo che a pronunciarsi sulle vicende delle banche in liquidazione coatta amministrativa (Veneto Banca e Banca di Vicenza) e quelle sottoposte a procedimento di risoluzione (Banca

    – di Ivan Cimmarusti e Antonio Criscione

    Bonafede: «Legge Severino cardine della lotta alla corruzione»

    «La legge Severino è un punto cardine nella lotta alla corruzione. Un punto di partenza per implementare la norma, perché la corruzione non ha confini». Così il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, alla conferenza Osce-Luiss dedicata alle nuove strategie anticorruzione nell'era del web.

    – di Ivan Cimmarusti

    Decreto Genova, via all'esame alla Camera

    A poco più di 70 giorni dalla tregedia del ponte Morandi entra nel vivo alla Camera l'esame del decreto legge su Genova, licenziato dalle commissioni Ambiente e Trasporti dopo una lunga maratona notturna con molte modifiche rispetto al testo di partenza. Da questa mattina il Dl 109/2018 è

    – di Vittorio Nuti

1-10 di 757 risultati