Aziende

Prysmian

Il Gruppo Prysmian è un’azienda internazionale che opera nel settore dei cavi e sistemi ad elevata tecnologia per il trasporto di energia e per le telecomunicazioni. La sua filiale italiana, Prysmian Cavi e Sistemi, nasce nel 2005 quando la società controllata dal gruppo americano Goldman Sachs firma l’accordo per acquisire le attività della Divisione Cavi e Sistemi di Pirelli & C. Spa.

Leader mondiale nel settore dei cavi e sistemi per energia e telecomunicazioni, vanta un fatturato di circa 7,5 miliardi di Euro (dati 2015) ed è presente in 50 Paesi, con 88 impianti produttivi, 17 centri di Ricerca e Sviluppo ed oltre 19.000 dipendenti.

Prysmian è in Italia organizzata in due business: Cavi e Sistemi Energia e Cavi e Sistemi Telecom. Il primo settore si occupa della produzione di cavi per la trasmissione e la distribuzione di elettricità, il secondo di cavi per le telecomunicazioni e di cavi in fibre ottiche per la trasmissione di dati.

Si occupa, su richiesta del cliente, anche della progettazione e realizzazione di sistemi chiavi in mano, nonché della manutenzione post-installazione.

In Italia è presente a Merlino, Giovinazzo, Pignataro Maggiore, Ascoli Piceno, Quattordio, Livorno, Livorno Ferraris, Pozzuoli e Battipaglia.

Da maggio 2007 Prysmian Cavi e Sistemi è quotata in borsa mentre da settembre 2007 è entrata a far parte dell'indice S&P MIB delle principali aziende italiane.

Nonostante le caratteristiche di internazionalità della attuale proprietà di Prysmian Cavi e Sistemi, la storia dell’azienda è prettamente italiana e affonda le sue radici in quella del Gruppo Pirelli: ancora oggi infatti know-how tecnologico, focus su ricerca e innovazione, qualità del management e valorizzazione delle risorse umane derivano direttamente da Pirelli, insieme al collaudato sistema di governance.

Prysmian inoltre produce nei 5 stabilimenti italiani cavi e accessori di varie tipologie: per la generazione, il trasporto e la distribuzione dell’energia elettrica, per il cablaggio di navi, per i sistemi di sollevamento, per metropolitane e linee ferroviarie, per l’alimentazione e il controllo di impianti industriali, per le energie rinnovabili come il fotovoltaico e l’eolico.

Amministratore delegato di Prysmian è dal 2005 l’ingegnere Valerio Battista.

Ultimo aggiornamento 24 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Telecomunicazioni | Azienda | Gruppo Prysmian | Italia | Telecom | Goldman Sachs | Borsa Valori | Divisione Cavi | Pirelli & C. Spa | Prysmian Cavi |

Ultime notizie su Prysmian

    Trump scatenato contro Cina e Fed affonda le Borse

    Gli indici hanno cambiato più volte direzione strette tra il braccio di ferro sui dazi, le parole di Powell a Jackson Hole e i commenti al vetriolo del presidente americano su dazi e Fed. L'ottava però si è chiusa in rialzo. l differenziale di rendimento BTp-Bund ha chiuso a 199 punti, come giovedì. Euro riaggancia 1,11 dollari, petrolio Wti cede fino al 3%

    – di Paolo Paronetto e Stefania Arcudi

    Piazza Affari chiude di slancio, tifa per un nuovo governo a breve

    Sul Ftse Mib corre il comparto auto, che spinge Milano in vetta all'Europa. Riflettori puntati sulla crisi di Governo: i mercati sperano in una soluzione politica che consenta di rimandare il voto. Sul piano internazionale Fed, Brexit e stallo dei colloqui Usa-Cina tengono banco. Euro stabile, petrolio in rialzo

    – di S. Arcudi e P. Paronetto

    Effetto banche centrali ma non solo, Piazza Affari (+1,9%) guida l'Europa

    Ampi progressi per i listini del Vecchio Continente, sostenuti anche da Wall Street che sale più dell'1%. Sotto i riflettori le mosse della Germania e delle Banche centrali, con gli stimoli annunciati dalla Cina e le possibili azioni di Fed e Bce. Si continua a guardare ai rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina. A Piazza Affari volano Cnh Industrial, le banche e gli industriali. Spread chiude invariato a 208 punti

    – di Flavia Carletti e Stefania Arcudi

    Lo spettro del voto anticipato riaccende lo spread

    I listini europei terminano in rialzo in scia con Wall Street e i messaggi della Bce. Ma la crisi, sempre più probabile del governo Conte, ha infiammato lo spread in area 209 senza mandare in fibrillazione Piazza Affari. Al top Fineco e St, male Bper che ieri ha dato i risultati

    – di Andrea Fontana ed Enrico Miele

    Atlantia, Eni, UniCredit: dove i fondi sono maggioranza in assemblea

    Il bilancio della stagione assembleare. Per un terzo delle blue chip di Piazza Affari gli investitori istituzionali rappresentano la maggioranza assoluta alle assemblee dei soci. In Prysmian e nella banca di Mustier il mercato è giudice sulle operazioni straordinarie

    – di Antonella Olivieri

    I nuovi dazi di Trump sgambettano Wall Street, a picco il petrolio

    Le Borse europee hanno chiuso sui massimi di giornata dopo che una serie di dati macroeconomici deludenti è tornata ad alimentare la speculazione su possibili nuovi tagli dei tassi da parte della Fed. L'euro, dopo essere sceso ai minimi da maggio 2017, ha recuperato in parte terreno. A Piazza Affari pesante Tenaris, bene le banche

    – di C. Di Cristofaro e P. Paronetto

    Le Borse chiudono la settimana in rialzo. A Piazza Affari (-0,3%) corre Tim

    Sui mercati è scattato il conto alla rovescia per la riunione della Fed, che la prossima settimana darà la linea di politica monetaria americana. Intanto la crescita del Pil, +2,1% nel secondo trimestre, è stata superiore alle stime, ma inferiore ai tre mesi precedenti. A Milano vola i l gruppo tlc dopo l'accordo con Vodafone.

    – di Eleonora Micheli e Cheo Condina

    Borse a due velocità aspettando la Bce. Piazza Affari sprint con auto e St

    Il mercato alle prese con le trimestrali mentre rallenta l'attività economica nell'Eurozona a luglio in attesa di possibili nuovi stimoli della Bce (che si riunirà domani). A Milano bene St, petroliferi e Fca. Crollo per Bio-on dopo le accuse di un fondo Usa. Spread in area 188, BTp ai minimi dall'autunno 2016

    – di Andrea Fontana ed Enrico Miele

    Piazza Affari chiude a -2% su venti di crisi Governo, spread sale a 193

    La Borsa di Milano è stata la più penalizzata a causa delle vendite sulle banche e sulle utility. Il settore del credito è stato comunque sottotono in tutta Europa alla vigilia della settimana in cui la Bce potrebbe dare indicazioni sulle prospettive future di politica monetaria

    – di Eleonora Micheli e Andrea Fontana

1-10 di 751 risultati