Ultime notizie:

Proust

    La matrioska di Proust

    Quando, nella primavera del 1896, i compagni di scuola di Marcel Proust videro il suo primo libro, I piaceri e i giorni, tirarono un sospiro di sollievo. Come tutti i mediocri, conoscevano perfettamente le leggi non scritte del mondo intellettuale e potevano constatare che Proust, senza saperlo, le

    – di Giuseppe Scaraffia

    Benedetto sia Onan: masturbazioni creative tra cinema e letteratura

    E benedetta sia la masturbazione, vien da dire, al solo pensare al principe dei romanzieri. Che ne sarebbe di "À la recherche du temps perdu" senza le ossessioni creative di quel Marcel Proust la cui foga onanistica preoccupava a tal punto il padre, esimio docente alla Facoltà di Medicina, da

    – di Stefano Biolchini e Andrea Chimento

    I luoghi narrati attraverso gli odori: a Bologna lo Smell Festival celebra l'olfatto

    Aristotele lo dileggiava, Kant avrebbe voluto farne a meno. Lo scrittore francese Marcel Proust lo aveva eletto invece al rango di senso capace più di ogni altro di rendere vivida la memoria maggiormente recondita, quella legata alla nostra infanzia. Molto bistrattato o molto amato il senso

    – di Natascia Ronchetti - Bologna

    L'amicizia al tempo dell'esilio

    Non fu vera amicizia. Ma molto ebbero lo stesso in comune, Italo Svevo e James Joyce. Due grandi della letteratura che vennero in contatto agli inizi del secolo scorso a Trieste. Il primo ci era nato, anche se aveva fatto gli studi a Segnitz in Baviera, e aveva sposato Livia, la figlia di Gioachino

    – di Renzo S. Crivelli

    Boldini, maestro d'eleganza

    Nella sua lunghissima carriera, Boldini è stato un vero dominatore della scena artistica tra due secoli. Artista fecondo e versatile, ha attraversato e interpretato stagioni diverse, cambiando genere e stile, sino ad approdare a quella elegantissima cifra del ritratto mondano cui si deve lo

    – di Fernando Mazzocca

    Lo scandaloso Céline delle «Bagatelle»

    «Bagatelle per un massacro» è uno dei più violenti pamphlet antisemiti del '900, lo scrisse Céline nel 1937. E' in libreria «Il dossier "Bagatelle"», una raccolta dei commenti e delle reazioni del 1938 (quando l'opera uscì in Francia) e del 1981, anno in cui fu pubblicata la traduzione integrale,

    Testo digitale, tu ci inganni

    Non mancherà forse chi cercherà di bollare come semplicemente tecnofobe - in nome di un'idea rozza e quasi puerile del progresso, che pure oggi va per la maggiore - le conclusioni a cui è giunto il gruppo di lavoro internazionale E-read che ha indagato vantaggi e svantaggi della lettura digitale.

    – di Lorenzo Tomasin

1-10 di 325 risultati