Aziende

Pioneer

Multinazionale giapponese specializzata nella realizzazione e vendita di prodotti di intrattenimento elettronico e digitale, Pioneer è stata fondata a Tokyo nel 1938 da Nozomu Matsumoto, come negozio per riparazione e vendita di radio e apparecchi acustici. Attualmente specializzata nella produzione di televisioni (attività cessata però proprio nel 2010 per dedicarsi a settori di business più strategici), lettori e registratori dvd e blu-ray, sistemi di navigazione per auto, sistemi car audio e apparecchiature elettroniche professionali per la musica, Pioneer si avvale della collaborazione di circa 40mila dipendenti.

La crescita economica e industriale della Pioneer è iniziata nel 1962, quando l’azienda ha realizzato il primo amplificatore stereo con componenti separati che ha conquistato il mercato mondiale dell’intrattenimento. Grazie a questo successo, all’inizio degli anni settanta, Pioneer ha aperto le sue prime filiali in Europa e negli Stati Uniti. Nel 1975 l’azienda giapponese ha lanciato il primo esempio mondiale di stereo per automobile, mentre l’anno dopo si è quotata sul listino di Wall Street (l’entrata alla borsa di Tokyo era invece avvenuta nel 1961). Nel 1982 Pioneer ha quindi per prima introdotto sul mercato i lettori di compact disc per uso domestico, mentre due anni dopo ha prodotto il primo apparecchio cd per automobile. Sempre al mercato dell’auto è rivolto il successivo grande successo realizzato dalla società giapponese: si tratta del primo sistema di navigazione Gps che viene messo sul mercato nel 1990. Sette anni dopo è la volta del navigatore satellitare funzionante con supporto dvd: l’anno prima, nel 1996, la stessa Pioneer aveva introdotto il primo lettore dvd domestico, compatibile anche con il sistema di lettura per cd.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Borsa Valori | Wall Street | Nozomu Matsumoto | Borsa di Tokyo | Pioneer |

Ultime notizie su Pioneer

    Stato, imprese e capitali che mancano

    Stiamo assistendo a un'ondata di fusioni, acquisizioni, riorganizzazioni e ristrutturazioni di imprese italiane. Fiat Chrysler Automobiles- scisse Cnh, Ferrari e Magneti Marelli - cerca una fusione con Renault; pur con un avvio travagliato, Luxottica si fonde con Essilor e Fincantieri cerca il

    – di Alessandro Penati

    Da Pioneer a Kairos, 130 miliardi di risparmi italiani finiti in mani estere

    Banca Leonardo, Kairòs, ma soprattutto Pioneer. Fa una certa impressione ricordare gli asset manager italiani passati nelle mani di grandi operatori stranieri negli ultimi tre anni: se mettiamo insieme le masse da loro gestite fanno oltre 130 miliardi di euro di quella ricchezza privata che resta

    – di Maximilian Cellino

    Cosa si nasconde dietro la vendita di Fineco (diventata contendibile) da parte di Unicredit

    Per quale motivo Unicredit vende i gioielli di famiglia? E' la domanda che un po' tutti si pongono in ambito finanziario dopo la mossa (anticipata dal Sole 24 Ore) di uscire da Fineco vendendo con successivi collocamenti il 35% di proprietà fino a qualche giorno fa. UniCredit ha infatti concluso con successo stamattina l'operazione di 'accelerated bookbuilding' pari al 17% di azioni ordinarie Fineco. Il corrispettivo dell'operazione ammonta a circa 1.014 milioni di euro, risultanti dalla vendita...

    – Carlo Festa

    Banche, tra i top manager vince la «scuola» Intesa Sanpaolo

    Quale scuola manageriale sta guidando le banche italiane? Per decenni, e fino alla metà degli anni '90, le gerarchie erano rigorosamente interne e quasi militarizzate. Poi arrivò la "primavera" della generazione Mc Kinsey, che ha dominato il top management del settore finanziario italiano per quasi

    – di Alessandro Graziani

    Chevron conquista Anadarko e nell'Oil & Gas sale la febbre da fusioni

    Chevron conquista Anadarko Petroleum con un'acquisizione da quasi 50 miliardi di dollari che la proietta sul podio delle major petrolifere (ora è seconda per produzione, superata solo da ExxonMobil) e che promette di aprire la strada a una nuova stagione di consolidamento nel settore dell'Oil & Gas.

    – di Sissi Bellomo

    Nexi va in Borsa a 9 euro per azione. Fondi Usa e Singapore i compratori

    E' pronta al debutto Nexi, il leader dei pagamenti nato dall'Istituto Centrale delle Banche Popolari (Icbpi) e da CartaSì e posseduto da un consorzio di private equity: Bain Capital, Advent e Clessidra. Sarà una delle maggiori Ipo a Piazza Affari di quest'anno e tra le maggiori realizzate negli

    – di Carlo Festa

1-10 di 862 risultati