Aziende

Pioneer

Multinazionale giapponese specializzata nella realizzazione e vendita di prodotti di intrattenimento elettronico e digitale, Pioneer è stata fondata a Tokyo nel 1938 da Nozomu Matsumoto, come negozio per riparazione e vendita di radio e apparecchi acustici. Attualmente specializzata nella produzione di televisioni (attività cessata però proprio nel 2010 per dedicarsi a settori di business più strategici), lettori e registratori dvd e blu-ray, sistemi di navigazione per auto, sistemi car audio e apparecchiature elettroniche professionali per la musica, Pioneer si avvale della collaborazione di circa 40mila dipendenti.

La crescita economica e industriale della Pioneer è iniziata nel 1962, quando l’azienda ha realizzato il primo amplificatore stereo con componenti separati che ha conquistato il mercato mondiale dell’intrattenimento. Grazie a questo successo, all’inizio degli anni settanta, Pioneer ha aperto le sue prime filiali in Europa e negli Stati Uniti. Nel 1975 l’azienda giapponese ha lanciato il primo esempio mondiale di stereo per automobile, mentre l’anno dopo si è quotata sul listino di Wall Street (l’entrata alla borsa di Tokyo era invece avvenuta nel 1961). Nel 1982 Pioneer ha quindi per prima introdotto sul mercato i lettori di compact disc per uso domestico, mentre due anni dopo ha prodotto il primo apparecchio cd per automobile. Sempre al mercato dell’auto è rivolto il successivo grande successo realizzato dalla società giapponese: si tratta del primo sistema di navigazione Gps che viene messo sul mercato nel 1990. Sette anni dopo è la volta del navigatore satellitare funzionante con supporto dvd: l’anno prima, nel 1996, la stessa Pioneer aveva introdotto il primo lettore dvd domestico, compatibile anche con il sistema di lettura per cd.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Borsa Valori | Wall Street | Nozomu Matsumoto | Borsa di Tokyo | Pioneer |

Ultime notizie su Pioneer

    Chevron conquista Anadarko e nell'Oil & Gas sale la febbre da fusioni

    Chevron conquista Anadarko Petroleum con un'acquisizione da quasi 50 miliardi di dollari che la proietta sul podio delle major petrolifere (ora è seconda per produzione, superata solo da ExxonMobil) e che promette di aprire la strada a una nuova stagione di consolidamento nel settore dell'Oil & Gas.

    – di Sissi Bellomo

    Nexi va in Borsa a 9 euro per azione. Fondi Usa e Singapore i compratori

    E' pronta al debutto Nexi, il leader dei pagamenti nato dall'Istituto Centrale delle Banche Popolari (Icbpi) e da CartaSì e posseduto da un consorzio di private equity: Bain Capital, Advent e Clessidra. Sarà una delle maggiori Ipo a Piazza Affari di quest'anno e tra le maggiori realizzate negli

    – di Carlo Festa

    Da Blackrock a Fideuram fino al fondo sovrano Gic: ecco chi ha comprato l'Ipo Nexi

    E' pronta al debutto Nexi, il leader dei pagamenti nato dall'Istituto Centrale delle Banche Popolari (Icbpi) e da CartaSì e posseduto da un consorzio di private equity: Bain Capital, Advent e Clessidra. E' infatti stato fissato a 9 euro il prezzo per azione dell'esordio in Borsa di Nexi previsto per la prossima settimana. Ma chi ha comprato i circa 2 miliardi di azioni? Gli investitori in campo sarebbero in maggioranza grandi fondi esteri, ma ci sarebbe stata anche una forte domanda da parte di a...

    – Carlo Festa

    Generali rilancia sul risparmio: un miliardo su Threesixty Sgr

    Generali si prepara a crescere ancora nell'asset management. E secondo quanto ricostruito da Il Sole 24 Ore lo farebbe siglando un patto con alcuni ex manager Pioneer. In particolare, il gruppo assicurativo avrebbe stretto un'alleanza con Giordano Lombardo, ceo di Pioneer fino al momento

    – di Laura Galvagni

    Ricchezza e debito, se l'Italia rinuncia al ruolo di gestore

    Con un debito pubblico di oltre 2.300 miliardi e una ricchezza finanziaria delle famiglie stimata in 4.400 miliardi (10mila miliardi comprendendo abitazioni e terreni), l'Italia si posiziona «finanziariamente» al top in Europa per vizi pubblici e virtù private. Le due grandezze, ipotizzando che

    – di Alessandro Graziani

    Inter, i tifosi vip pronti a entrare come azionisti nel capitale sociale

    «Se investiremo nell'Inter? Non posso confermarlo». Così, soltanto a metà dicembre, Carlo Cottarelli aveva raffreddato gli entusiasmi legati alla nascita di Interspac, società costituita l'anno scorso da un nucleo di tifosi nerazzurri vip - tra cui lo stesso ex commissario straordinario per la

    – di Cheo Condina

    Borsa, le società francesi controllano il 10% di tutta Piazza Affari

    La Francia riveste da tempo il ruolo di principale partner finanziario dell'Italia. Per rendersene conto basta guardare i numeri delle partecipazioni azionarie alla Borsa di Milano censiti da S&P Market Intelligence: in mani francesi oggi c'è un portafoglio titoli da 54,9 miliardi di euro che

    – di Andrea Franceschi

    Unicredit. Il primo azionista di Mediobanca

    I rumors su SocGenJean Pierre Mustier, 58 anni, è il numero uno di UniCredit, la banca italiana con la più spiccata propensione internazionale. Il banchiere francese, che ha lavorato dal 1987 al 2009 in Société Générale, è al timone della banca di piazza Gae Aulenti dal luglio 2016, dove ha

1-10 di 855 risultati