Persone

Pino Daniele

Pino Daniele è nato a Napoli il 19 marzo del 1955 ed è deceduto a Roma il 4 gennaio del 2015, è stato un cantautore e chitarrista italiano.

Chitarrissta di formazione blues, tra gli anni settanta ed ottanta è stato uno degli artisti più innovativi del panorama musicale italiano.

Ha collaborato con numerosi artisti nazionali ed internazionali, quali Franco Battiato, Francesco De Gregori, Lucio Dalla, Ralph Towner, Yellowjackets, Mike Mainieri, Danilo Rea , Mel Collins, Pat Metheny, Eric Clapton e Chick Corea.

Si è esibito su molti palcoscenici di rilievo, quali il teatro Olympia di Parigi ed ha presenziato importanti manifestazioni musicali internazionali, come il Festival di Varadero a Cuba.

Pino Daniele vantava un tecnica strumentale e compositiva originale, prodotta dalla mescolanza di vari generi musicali quali rock, jazz e blues e dalle tecniche strumentali-compositive mutuate da autori del calibro di Louis Armstrong e George Benson.

E' ritenuto l'ideatore di un nuovo stile da lui stesso denominato "tarumbò", nato dalla mescolanza di tarantella e blues, espressione musicale delle culture di appartenenza del cantautore.

Di umili origini, figlio di un modesto lavoratore portuale ed appartenente ad una famiglia numerosa, Pino Daniele si diplomò in Ragineria presso l'Istituto Armando Diaz di Napoli, iniziando contestualmente a suonare la chiatarra da autodidatta ed esordendo nel complesso chiamato "New Jet", fondato con il suo compagno di classe Gino Giglio.

Successivamente formò il complesso "Batracomiomachia", insieme agli amici Paolo Raffone, Rosario Jermano, Rino Zurzolo, Enzo Avitabile ed Enzo Ciervo.

Dedicatosi a tempo pieno all'attività artistica, nel 1976 Pino Daniele entrò a far parte, come bassista, dei "Napoli Centrale", gruppo partenopeo nel quale conobbe tra gli altri James Senese, sassofonista che ha inciso notevolmente sulla sua crescita artistica e che lo avrebbe successivamente affiancato nella relaizzazione dei suoi primi album, "Pino Daniele" (1979), "Nero a metà" (1980) e "Vai mo'" (1981). Negli anni settanta diventa famoso, presso il pubblico radiotelevisivo, con brani memorabili quali "Na tazzulella 'e cafè", "Napule è" e "Je so 'pazzo".

L'arrivo degli anni ottanta lo consacrano al ruolo di artista di primo livello, è lui a suonare le note di apertura del mitico concerto milanese di San Siro di Bob Marley, del 27 giugno del 1980.

Sempre negli anni '80 e per l'esattezza il 19 settembre del 1981, Daniele tenne un grande concerto in Piazza del Plebiscito a Napoli, di fronte a duecentomila persone, accompagnato sul palco da Tullio De Piscopo, Joe Amoruso, Rino Zurzolo, Tony Esposito, James Senese, concerto memorabile nella carriera artistica di Pino Daniele che l'artista vorrà riproporre alcuni decenni dopo sempre da Piazza Plebiscito e sempre con gli stessi artisti.

Durante gli anni novanta continua il successo di Daniele, amplificato tra l'altro dal noto brano "Quando", scritto per il film "Pensavo fosse amore... invece era un calesse" magistralmente interpretato dall'indimenticabile Massimo Trosi.

Gli anni duemila videro Pino Daniele sempre omaggiato dal grande pubblico, in particolare sono memorabili i concerti tenuti insiema al grande chitarrista Eric Clapton Il 26 giugno del 2010 al Toyota Park di Chicago ed il 24 giugno del 2011 allo stadio di Cava de' Tirreni.

Nell'estate del 2014 annuncia quello che sarebbe stato il suo ultimo tour, che lo ha visto duettare sul palco tra gli altri con artisti quali Elisa, Mario Biondi, Fiorella Mannoia, Emma e Francesco Rengala. Il tour tocca le principali citta italiane e vede l'artista esibirsi l'11 dicembre a Bari, il 13 a Roma, il 16 e 17 a Napoli ed il 22 dicembre ad Assago.

Il 31 dicembre del 2014 Pino Daniele si esibisce per l'ultima volta, prendendo parte a Courmayeur, al programma televisivo "L'anno che verrà".

Sofferente da tempo di gravi problemi cardiaci, la sera del 4 gennaio 2015, Daniele, accusa un malore, poi rivelatosi un infarto, presso la sua casa di Orbetello in Toscana, viene quindi trasportato d'urgenza presso l'ospedale Sant'Eugenio di Roma, dove, dopo vani tentativi di rianimazione viene dichiarato morto alle ore 22:45.

Pino Daniele ha avuto cinque figli, Sara, Cristina, Sofia, Alessandro e Francesco, nati da diverse relazioni.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Musica | Artista | Louis Armstrong | Gino Giglio | Toscana | George Benson | Bob Marley | Franco Battiato | Joe Amoruso | Tony Esposito | Lucio Dalla | Chick Corea | Napoli | Enzo Avitabile | Fiorella Mannoia | Mario Biondi | Tullio De Piscopo | Danilo Rea | Mike Mainieri | Ralph Towner | Francesco De Gregori | Rosario Jermano | Enzo Ciervo | Roma | Francesco Rengala | Armando Diaz | Pat Metheny Group | Massimo Trosi | Eric Clapton | Paolo Raffone | Toyota | Rino Zurzolo | Cuba | New Jet | James Senese | Mel Collins | Pino Daniele |

Ultime notizie su Pino Daniele

    Arriva «Musicanti», Pino Daniele a forma di musical

    Quante volte, ascoltando i primi tre album di Pino Daniele, ci è venuto da pensare che in un certo senso raccontano una storia. ... E' lo stesso pensiero venuto a Sergio De Angelis, Bruno Oliviero e Fabio Massimo Colasanti, rispettivamente produttore, regista e direttore artistico di «Musicanti», il musical con le canzoni di Pino Daniele che debutterà a dicembre e, dopo l'anteprima di Todi (Comunale, 2 dicembre), toccherà Napoli (7 dicembre al Palapartenope), Bari (Team, 29 e 30 dicembre), Assisi...

    – Francesco Prisco

    Starbucks? No pasarán! Manifesto (fondamentalista) del caffè all'italiana

    E poi la «tazzulella ’e café» dal potere taumaturgico di Pino Daniele e «’a ricetta di Cicerenella» cara a Fabrizio De André, quel No grazie, il caffè mi rende nervoso orgogliosamente interpretato dal napoletano atipico Lello Arena e Roberto Benigni, ambasciatore dell’Italia nel mondo che, per conto di un americano atipico (Jim Jarmusch), tira avanti a Coffe and Cigarettes.

    – di Francesco Prisco

    Liberato, la Napoli dei cliché e i 3 misteri che ne spiegano il successo

    In quanti posti al mondo un musicista ignoto con il volto coperto, sei video su YouTube ma zero dischi pubblicati riesce a riunire 20mila persone per un concerto annunciato su Facebook soltanto sei giorni prima? Pochi, pochissimi presumibilmente. Ma tra questi posti c'è senza dubbio Napoli: la

    – di Francesco Prisco

    Tutta la notte minuto per minuto o quasi

    Caro Diario, per il quinto anno consecutivo la nostra notte ha tenuto assieme luoghi e persone di ogni parte di Italia e di qualche pezzetto di mondo - Buenos Aires, Busteni (Romani), Davis (USA), Marsiglia - che hanno letto, raccontato, cantato, semplicemente e meravigliosamente, storie di lavoro. Sui social negli ultimi giorni «aggio fatto 'o pazzo», come si diceva nella mia Secondigliano da ragazzi. Ho fatto il matto per spiegare a tutte/i che il verbo della notte del #lavoronarrato è parteci...

    – Vincenzo Moretti

    Dopo le elezioni faremo i conti con «Il male minore» (nel senso del disco)

    Alle spalle ci stiamo per lasciare elezioni che hanno completamente ribaltato lo scacchiere politico come lo conoscevamo. A quanto pare non ci lasceremo alle spalle così presto il tormentone musicale che ha accompagnato questa convulsa tornata elettorale: «Il male minore non fa poi così male/ se lo controlli bene non scende e non sale/ Il male minore sempre male rimane/ ma se ci pensi bene in fondo ci conviene/ Se ti sei risvegliato a 90/ ma non senti alcun dolore/ Non aver paura: hai votato il ...

    – Francesco Prisco

    La madre di Vincenzo

    Caro Diario, come sai un po' del mio lavoro ha a che fare con le scuole, come mi piace ricordare dalla prima elementare all'università, e insomma ho avuto e ho la fortuna di incontrare, di raccontare e di farmi raccontare di tante belle persone che il loro lavoro di maestre/i, di insegnanti, di prof. lo hanno fatto e lo fanno proprio come piace a me, con la testa, con le mani e con il cuore. Sì amico mio, l'ultima in ordine di tempo è stata la maestra Bruna, l'ha raccontata uno dei due giovani j...

    – Vincenzo Moretti

    Le radici di Crescenzo?

    Caro Diario, la decisione di raccontare Crescenzo l'ho presa un venerdì sera, però la colpa non è della pizza con le patate e le cipolle nel ruoto, nella teglia, anche se quel profumo, quel sapore e quella morbidezza mi hanno fatto viaggiare indietro nel tempo di quasi 50 anni. ?Era da quando con Cinzia ci siamo andati la prima volta, un po' di mesi fa, che lo tengo d'occhio. La leggerezza e la bontà delle pizze, la cura con la quale le prepara, l'amore che mette nelle cose che prepara, la facci...

    – Vincenzo Moretti

    Napoli, l'onda nuova del calcio: «Adesso serve un Sarri per la città»

    Napoli è il Napoli. In pochi altri posti d'Italia, forse del mondo, la storia della squadra e quella della città finiscono fatalmente per incrociarsi come all'ombra del Vesuvio. E a volte succede che la vicenda calcistica coincida con quella politica e sociale della metropoli partenopea, altre che

    – di Francesco Prisco

1-10 di 125 risultati