Ultime notizie:

Pietro Parolin

    Sea Watch, Berlino e Parigi contro l'Italia. Salvini: non accettiamo lezioni

    Diventa un caso internazionale la vicenda della nave Sea Watch 3, dopo che la comandante Carola Rackete, 31 anni, cittadina tedesca, è stata arrestata la scorsa notte dalle autorità italiane per essere entrata nel porto di Lampedusa violando per l'ennesima volta l'alt intimatogli dalla Guardia di Finanza

    – di Andrea Gagliardi

    Sea Watch a Lampedusa, la comandante ai domiciliari

    Accuse e polemiche, ma anche molta solidarietà per la comandante della nave olandese di cui è armatrice una Ong tedesca. Carola Rackete è ora ai domiciliari sull'isola. L'accusa nei suoi confronti è di resistenza o violenza contro nave da guerra e tentato naufragio. Nella concitata manovra di attracco, la Sea Watch ha speronato una motovedetta Gdf danneggiandola

    – di A. Gagliardi, F. Milano e V. Nuti

    Salvini bacia il crocifisso: «Affido a Maria il futuro del Paese»

    Il Capitano, come lo chiamano i suoi, ha aperto la conferenza stampa a via Bellerio, indetta per commentare il grande successo elettorale della Lega alle europee, con in mano un crocifisso. Lo ha baciato. «Ringrazio chi c'è lassù, e non aiuta Matteo Salvini e la Lega - ha esordito il segretario

    Salvini e l'uso politico del rosario dalla battaglia di Lepanto ai comizi

    «La sera mi metto nelle mani del buon Dio e della Madonna. Qualche esponente del Vaticano, pochi per fortuna, mi hanno contestato per averlo detto in piazza a Milano». Si è espresso in questi termini, a mezzo Facebook, il vicepremier Matteo Salvini rispondendo al cardinale Pietro Parolin,

    – di Francesco Prisco

    Salvini e il rosario, critiche dal mondo cattolico

    Non era la prima volta che il simbolo religioso compariva in un suo comizio. E, come per le precedenti occasioni, anche stavolta il rosario ostentato ieri da Matteo Salvini a piazza Duomo durante la manifestazione sovranista ha acceso le polemiche. Critiche al leader della Lega sono arrivate dal

    – di Riccardo Ferrazza

    L'accordo sulla nomina dei vescovi

    Dopo un lunghissimo negoziato - sempre diretto dal segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin, e sul campo guidato dal sottosegretario agli esteri della Santa Sede, Antoine Camilleri - viene firmato a Pechino l'accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi. Il testo resta riservato, ma è comunque

1-10 di 234 risultati