Ultime notizie:

Pietro Badoglio

    4 novembre 1918: da Serravalle a Villa Giusti, cronaca di un armistizio

    Nella riunione decisiva, iniziata alle ore 15 del 3 novembre, si arrivò vicini al punto di rottura, perché il generale Pietro Badoglio, sottocapo di Stato Maggiore e plenipotenziario italiano, proponeva di posticipare l'armistizio alle ore 15 del 4... Ma l’obiettivo di Badoglio era di cessare le ostilità con le nostre truppe già attestate nei territori assicuratici dal Patto di Londra del 1915.

    – di Piero Fornara

    Il Duce e quel blitz SS a Campo Imperatore

    Il 25 luglio del 1943 a Villa Savoia Re Vittorio Emanuele III comunicò al Duce, Benito Mussolini, che il Gran Consiglio del Fascismo aveva imposto la nomina del maresciallo Pietro Badoglio come suo successore al Governo.

    L'eutanasia del duce

    Il 25 luglio 1943 fu «una giornata movimentata» nell'alloggio segreto di Amsterdam che da un anno nascondeva Anna Frank e i suoi famigliari. Le pareti della casa vennero scosse da ben tre bombardamenti, un forte odore di bruciato si sprigionò nell'aria, una spessa nebbia caliginosa scese sulla

    – di Raffaele Liucci

    Accadde cent'anni fa: gli anniversari che ci aspettano nel 2018

    Cento anni faGli eventi della storia aiutano a capire il nostro tempo. Un secolo fa con l'armistizio di Compiègne - alle ore 11 del giorno 11 dell'undicesimo mese dell'anno 1918 - termina la Prima guerra mondiale, ma il tributo di sangue è spaventoso: quasi nove milioni di morti (calcolando solo i

    – di Piero Fornara

    oggi 100 anni fa esatti. 24 ottobre. caporetto e il generale che non decide.

    (ho tratto l'immagine qui sopra dal film orizzonti di gloria del 1957). non decidere, e scaricare sugli altri responsabilità ed errori, aiuta a fare carriera. sul filo della memoria. oggi, 24 ottobre, conca di caporetto. dalle 2 di notte i tedeschi di rommel e gli austriaci dopo un bombardamento a gas passano le linee italiane (i fanti ghiacciati nel sonno della morte al fosgene). è il 1917. cent'anni fa esatti, il 24 ottobre '17. scrive giovanni comisso in "giorni di guerra": la battaglia ...

    – Jacopo Giliberto

    L'impero sui colli di Roma

    Scrive Bernard Droz, storico francese della decolonizzazione: «La valorizzazione ideologica e affettiva degli imperi coloniali raggiunge il suo apice durante gli anni Trenta, congiunta alle forme più diverse, rinnovate dal progresso delle tecniche di propaganda. La Gran Bretagna eccelle

    – di Emilio Gentile

    8 settembre 1943/L'annuncio

    Alle 19.45 dell'8 settembre 1943 il capo del governo, generale Pietro Badoglio, parla alla radio annunciando la firma dell'armistizio e la fine delle ostilità contro gli Alleati. La resa, in realtà, era stata siglata in segreto a Cassibile, in Sicilia, qualche giorno prima: il 3 settembre. Da un

    Il sogno del Cnr

    Un lungo viaggio nel tempo e nella memoria, per raccontare la storia dei 90 anni di vita del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), l'istituzione

    – Umberto Bottazzini

    Friuli Venezia Giulia, sui sentieri della storia

    Il Carso, Caporetto, il Tagliamento. La tragica storia della grande guerra è scritta qui, in questa terra di confine dove sono ancora presenti diverse tracce di quegli eventi. Torrette di avvistamento, camminamenti, trincee spesso inseriti in splendidi contesti naturali ricordano chi ha combattuto

    – di Arianna Garavaglia

    Luxardo fissò superbi muscoli

    Quarantacinque scatti (quasi tutti inediti) esposti «Si Fest» confermano l'audacia e modernità di uno dei fotografi di grido del Ventennio

1-10 di 22 risultati