Persone

Pierfrancesco Majorino


Pierfrancesco Majorino è nato nel 1973 a Milano, dove vive e lavora.

Attualmente Assessore alle Politiche sociali e Cultura della salute di Milano, parteciperà alle primarie del 6 e 7 febbraio 2016, per la scelta del candidato sindaco del Partito Democratico alle comunali di Milano della primavera del 2016.

Fin da ragazzo si è occupato di politica nelle file dei Ds (Democratrici di Sinistra) di cui è stato segretario cittadino e responsabile del coordinamento milanese.

Presidente nazionale dell'Unione degli Studenti e della Rete Studentesca dal 1994 al 1998, sempre nel '98 è stato nominato dall'allora Ministro alla Solidarietà sociale Livia Turco, consigliere delegato per le politiche giovanili.

Nel 2006 è stato eletto con l'Ulivo consigliere comunale di Milano.

Il 2008 viene nominato capogruppo del Partito democratico, incarico che manterrà fino alla fine del mandato consiliare.

Durante l'amministrazione Moratti ha partecipato alla proposizione di una serie d'iniziative quali, l'istituzione della Commissione Antimafia, del Registro delle Unioni civili per le coppie di fatto e del Fondo anticrisi, come misura contro il precariato e la povertà.

Nel maggio del 2011 è stato eletto per la seconda volta in Consiglio Comunale nelle liste del Partito democratico.

Nel giugno del 2011 viene nominato, dal sindaco neoeletto Giuliano Pisapia, Assessore alle Politiche sociali e Cultura della salute.

In qualità di assessore si è reso promotore di diversi provvedimenti, quali l'istituzione di una Casa dei Diritti con servizi e sportelli per la difesa e la tutela delle persone vittime di discriminazioni etniche e l'indizione di un bando per la realizzazione dei luoghi di culto a Milano.

E' attualmente membro dell'Assemblea Nazionale del Partito Democratico.

Amante della letteratura, è autore di diverse pubblicazioni, "Togliendo il dolore dagli occhi" (2011), "Maledetto amore mio" (2014), "Milano come Lampedusa?" (2015),

Dal 2014 tiene un blog su Huffingtonpost.

Pierfrancesco Majorino è separato, convive con Caterina Sarfatti ed è padre di un figlio.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Milano | Politiche sociali | Pierfrancesco Majorino | Assessore | DS | Pd | Livia Turco | Giuliano Pisapia | Caterina Sarfatti | L'Ulivo |

Ultime notizie su Pierfrancesco Majorino

    Europee: Milano, la città-stato del Pd che resiste a Salvini

    Milano in controtendenza non premia la Lega. Sembra una città staccata dal resto del paese, almeno a giudicare dai risultati di queste elezioni europee . Il Partito democratico raggiunge il 35,9% circa, superando di 8 punti il Carroccio, mentre il Movimento 5 Stelle implode verso l'8 percento.

    – di Sara Monaci

    Record di Salvini in Lombardia, Calenda e Pisapia i più votati nel Pd

    Con oltre 693 mila voti (507 mila in Lombardia), per il segretario della Lega Matteo Salvini è record di preferenze. Lo ha totalizzato nella circoscrizione Nord Ovest, seguito con oltre 266mila voti dall'ex sindaco di Milano GiulianoPisapia capolista il Pd. Solo terzo Silvio Berlusconi, che

    – di Andrea Gagliardi

    Il Comune di Milano sostiene La forza e il sorriso onlus

    Il Comune di Milano, su proposta dell'assessore alle Politiche Sociali, alla Salute e ai Diritti, Pierfrancesco Majorino, ha riconosciuto il valore civico dei laboratori di bellezza per donne in trattamento oncologico de La forza e il sorriso e ha così deciso di sostenere Beauty Gives Back, evento

    – di Marika Gervasio

    Tutti i federatori vengono dal Nord

    Se a Roma quelli di Gazebo ironizzano sui molti partiti a sinistra e sull'ultimo nato - quello di Pierluigi Bersani e Massimo D'Alema - che si chiama Art. 1 Modempro (Articolo 1 - Movimento democratici e progressisti) e invece sarebbe stato meglio chiamarlo "Movimento Arturo" (che ora sui social spopola), i candidati federatori dei vari schieramenti vengono dal nord. Nel centrodestra è il governatore della Liguria, Giovanni Toti, a proporre un partito unico. Sempre nel centrodestra Silvio Berlus...

    – Daniele Bellasio

    Petunia Ollister, la donna che voleva trasformare il libro in un oggetto pop (#bookbreakfast)

    "Uno scrittore mi ha chiesto di non fotografare il suo libro perché non vuole essere associato al 'food'. Un'altra mi ha scritto che stavo profanando un Adelphi. Poi ci lamentiamo che in Italia si legga poco. Ma certo: se continuiamo a considerare il libro un oggetto sacro il risultato sarà quello di allontanare le persone". Il suo, invece, è un "progetto di promozione della lettura". Lei è Stefania Soma, conosciuta sui social network (e non solo) come Petunia Ollister, e da due anni fotografa l...

    – Francesca Milano

1-10 di 100 risultati