Persone

Piercamillo Davigo

Piercamillo Davigo è nato il 20 ottobre del 1950 a Candia Lomellina (PV) ed è un magistrato, Consiglere della Corte di Cassazione ed attualmente Presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati (ANM).

Laureatosi in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Genova, è diventato magistrato nel 1978 ed ha intrapreso la carriera di giudice presso il Tribunale di Vigevano, per diventare, a partire dal 1981, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Milano.

Negli anni '90 ha preso parte, insieme ad illustri magistrati come Antonio Di Pietro, Francesco Saverio Borrelli, Gerardo D'Ambrosio, Ilda Boccassini, Gherardo Colombo ecc. al famoso pool Mani Pulite di Milano.

Diventato Consigliere della Corte d'Appello di Milano,
ha ricoperto, a partire dal 28 giugno del 2005, il ruolo di Consigliere alla Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Penale.

Membro dell'organo rappresentativo dell'ANM, nelle fila di Magistratura Indipendente (MI), nel febbraio 2015 esce insieme ad un gruppo di magistrati da MI, per fondare Autonomia e Indipendenza, che lo elegge presidente.

Ha scritto sia testi scientifici che divulgativi, tra questi ultimi vanno menzionati, "La giubba del re. Intervista sulla corruzione" (Laterza, 2004) e "La corruzione in Italia. Percezione sociale e controllo penale" (Laterza, 2007).

Il 9 aprile del 2016, l'ANM lo elegge presidente, con durata dell'incarico di un annualità.

Ultimo aggiornamento 11 aprile 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Anm | Magistrato | Piercamillo Davigo | Corte d'Appello | Francesco Saverio Borrelli | Università degli studi di Genova | Corte di Cassazione | Gerardo D'Ambrosio | Ilda Boccassini | Italia | Antonio Di Pietro | Gherardo Colombo | Consigliere |

Ultime notizie su Piercamillo Davigo

    Caos toghe, rigettata la richiesta di Palamara: nessuna ricusazione

    La sezione Disciplinare ha rigettata la richiesta di ricusare Davigo e Ardita. Nel pomeriggio l'udienza contro il pm di Roma Luca Palamara, per il quale è stato chiesto la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio. Procede l'indagine penale a Perugia, dove è indagato di corruzione e rivelazione del segreto.

    – di Ivan Cimmarusti

    Tra litigi e riforme flop, così il Csm è diventato ostaggio delle sue correnti

    Alla fine lo scandalo che investe il Csm è anche l'esito di riforme mancate e autoriforme inefficaci. Le prime, anche se non soprattutto, per le ansie revansciste della politica verso la magistratura; le seconde per la timidezza nell'affrontare nodi di fondo da parte dello stesso Consiglio. Dove a

    – di Giovanni Negri

    Scandalo Csm, Luca Lotti si autosospende dal Pd

    Stand by politico per l'onorevole dem ed ex ministro del Governo Renzi Luca Lotti, al centro delle polemiche per il suo ruolo nello scandalo delle nomine al Csm. In una lettera indirizzata via Facebook al segretario Nicola Zingaretti Lotti annuncia oggi la sua «autosospensione» dal Partito

    Scandalo nomine al Csm, Ermini incontra i quattro consiglieri autosospesi

    Fare un passo indietro quantomeno per questioni di opportunità, per preservare l'immagine di un Consiglio superiore della magistratura travolto da una bufera senza precedenti per l'affare nomine. Il vice presidente del Csm David Ermini incontra in mattinata i quattro consiglieri autosospesi Corrado

    – di Ivan Cimmarusti

    Csm, Piercamillo Davigo primo degli eletti in Cassazione

    E' risultato il primo degli eletti fra i nuovi consiglieri del Csm, Piercamillo Davigo. Il leader di Autonomia e Indipendenza ha fatto il pieno di voti. Seconda eletta è Loredana Miccichè di Magistratura Indipendente. Restano fuori i candidati di Unicost, al corrente di centro della magistratura e

    – di Nicola Barone

1-10 di 107 risultati