Persone

Philippe Donnet

Philippe Donnet è amministratore delegato e group CEO di Generali dal 17 marzo 2016. Donnet è nato nel 1960 in Corsica e si è laureato a Parigi presso l'Ecole Polytechnique nel 1983 e presso l'Istitute des Actuaties nel 1991.Nel 1983 ha svolto il ruolo di direttore vendite presso Maisons Phoenix. Dal 1985 al 2007 ha assunto diverse posizioni presso il Gruppo Axa.

Nel 2007 diventa Managing Director responsabile dell’area Asia Pacific della Wendel Investissement a Singapore. Dal 2010 ha svolto il ruolo di Managing Partner di HLD a Parigi. Dal 7 ottobre 2013 fino alla fine del 2016 ha ricoperto il ruolo di Country Manager Italia di Generali ed è stato amministratore delegato di Generali Italia fino a maggio 2016. Per otto anni ha ricoperto il ruolo di consigliere nel board di Vivendi. E’ stato insignito con il riconoscimento di Cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito (Francia).

Donnet è vice presidente e membro del Comitato Esecutivo ANIA e presidente di MIB School of Management.

E’ sposato e ha tre figli.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Philippe Donnet

    Generali, possibile interesse per asset di MetLife in Centro Europa

    Generali avrebbe avviato contatti preliminari per acquistare gli asset di MetLife in Europa Centrale. Lo scrive Bloomberg, sottolineando che il business potrebbe valere fino a 2 miliardi di euro ed è concentrato in Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria e Romania.

    – di Laura Galvagni

    Generali, il ceo Donnet ai soci: «Con il piano al 2021 faremo ancora meglio»

    Presente il 55,8% del capitale (un record), di cui circa un 21,7% in capo a investitori istituzionali, ha preso il via a Trieste l'assemblea dei soci Generali per l'approvazione del bilancio 2018 e il rinnovo del consiglio di amministrazione, che ha portato di fatto a una conferma dell'assetto di

    – di Laura Galvagni

    Generali, Edizione supera quota 4%, mandato al vertice per nuovi acquisti

    Edizione si rafforza nel capitale delle Generali e potenzialmente potrebbe arrivare al 5% della compagnia. Secondo indiscrezioni, la holding che fa capo alla famiglia Benetton, socia fino a poche settimane fa del 3% del Leone, avrebbe aumentato già il peso azionario portandosi intorno al 4%.

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

    Intesa, rinnovo del board verso la continuità con Messina e Gros-Pietro

    Per il board di Intesa Sanpaolo prende più corpo l'ipotesi di un rinnovo all'insegna della continuità. Con le conferme quindi dell'attuale ceo Carlo Messina - mossa di fatto scontata - e così pure del presidente in carica, Gian Maria Gros-Pietro. Questo, a quanto risulta al Sole 24Ore, sarebbe

    – di Luca Davi

    Il consiglio Generali a favore di Galateri: «Serve continuità»

    Il comitato nomine e il consiglio di amministrazione delle Generali, riuniti in sequenza martedì e mercoledì scorso, si sono espressi sostanzialmente per un rinnovo del board . L'auspicio del consiglio uscente, messo nero su bianco nel documento previsto dal codice di autodisciplina e pubblicato

    – di Laura Galvagni e Alessandro Graziani

    Borsa, le società francesi controllano il 10% di tutta Piazza Affari

    La Francia riveste da tempo il ruolo di principale partner finanziario dell'Italia. Per rendersene conto basta guardare i numeri delle partecipazioni azionarie alla Borsa di Milano censiti da S&P Market Intelligence: in mani francesi oggi c'è un portafoglio titoli da 54,9 miliardi di euro che

    – di Andrea Franceschi

    Generali. Il manager francese verso la riconferma

    Le trattative fra i sociPhilippe Donnet è stato nominato ceo di Generali nel marzo del 2016. L'ascesa del manager al vertice della compagnia, dove già ricopriva il ruolo di numero uno in Italia, non è stato un passaggio privo di polemiche, complice il passaporto francese dell'amministratore

    Generali, intesa fra i grandi soci per il terzo mandato a Galateri

    I giochi sarebbero quasi fatti. I grandi soci di Generali sarebbero pronti a mettere mano allo statuto per modificare la norma che fissa in 70 anni il limite di età massima del presidente. Eliminando così quel vincolo che oggi escluderebbe l'attuale numero uno, Gabriele Galateri di Genola, dalla

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

    Generali scommette sull'Europa. Nel piano più crescita e dividendi

    Più utili, con un aumento del tasso annuo di crescita del 6-8%, più dividendi, grazie a un pay out che si posizionerà tra il 55 e il 65%, una maggiore generazione di capitale, meno debito e un rendimento più elevato per i soci, con un return on equity medio superiore all'11,5%. E' questa la sintesi

    – di Laura Galvagni

1-10 di 141 risultati