Aziende

Philip Morris

Philip Morris è una produttrice americana di tabacco, controllata da Altria Group Inc, una delle più grandi corporazioni del mondo nei settori alimenti, tabacco e bibite. La holding capogruppo oltre che a Philp Morris controlla anche Kraft Foods. Philip Morris è attiva attraverso: Philip Morris International Inc (che produce: Marlboro, L&M, Chesterfield, Bond Street, Philip Morris, Parliament, A Mild, Lark, Morven Gold, Next, Dji Sam Soe, Diana, Optima, Sampoerna Hijau, Muratti, Virginia Slims, Merit, Red & White, Apollo-Soyuz, Delicados, Boston, Multifilter, Longbeach, SG, Peter Jackson); Philip Morris Usa Inc (produttrice di Alpine, Basic, Benson & Hedges, Bristol, Cambridge, Chesterfield, Commander, Dave's, English Ovals, L&M, Lark, Marlboro, Merit, Parliament, Players, Saratoga,Virginia Slims); Us Smokeless Tobacco Company (Copenhagen, Red Seal, Skoal, Husky); John Middleton Co (Prince Albert, Carter Hall, Middleton's, Kentucky Club); Ste Michelle Wine Estates Ltd e Philip Morris Capital Corporation.

Philip Morris è stata fondata nel 19esimo secolo. Nel 2003 è stata acquisita da Altria Group Inc, operazione che ha comportato lo spostamento del suo quartile generale da New York a Richmond, in Virginia e la scorporazione di Philip Morris Usa da Philip Morris International.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Parliament | Alpine | Stati Uniti d'America | Kentucky Club | Muratti | Peter Jackson | Morris Philp | Albert Prince | Capital Corporation | Michelle Wine Estates Ltd | Usa Inc | Altria Group Inc | John Middleton Co | Sam Soe | Chesterfield | Us Smokeless Tobacco Company | Middleton's | International Inc |

Ultime notizie su Philip Morris

    Le competenze del futuro ripartono dalle persone e dai nuovi linguaggi

    A parlare è Eugenio Sidoli, presidente e ad di Philip Morris Italia, forte della sua esperienza di trasformazione di un colosso del tabacco tradizionale verso una visione di un “mondo senza fumo”, che ruota attorno ai nuovi dispositivi che non bruciano le sigarette.

    – di Pierangelo Soldavini

    Marchionne, l'amore per il tabacco e il salotto «italico» della Philip Morris

    Aveva comprato un pacchetto di azioni della Philip Morris International, la multinazionale delle sigarette Marlboro. ... Così nelle ultime ore anche a Losanna, quartier generale del colosso fondato nel 1837 da un piccolo commerciante di Londra, Philip Morris, si pone un problema di «successione»: Andrè Calantzopoulos, il super Ceo del colosso delle sigarette dovrà trovare un sostituto nel consiglio di amministrazione, dove Marchionne era uno dei big.

    – di Simone Filippetti

    Chi è Louis Camilleri, il giramondo nuovo ad di Ferrari

    E' salito all'onore delle cronache più che con la sua carriera prestigiosa ai vertici di Kraft prima e di Philip Morris poi, per una presunta relazione con l'ex top model Naomi Campbell, 48enne, che gli è valsa, suo malgrado, lo scorso anno la... Nel 1978, giovanissimo, è passato in Philip Morris e ha fatto una lunga carriera fino a quando nel 1995 è stato nominato Ceo di Kraft Foods. L'anno dopo è diventato Cfo di Philip Morris.

    – di Riccardo Barlaam

    L'industria del tabacco non è più «big»

    L'Organizzazione mondiale della sanità stima che il tabagismo sia causa diretta o indiretta di 7 milioni di morti l'anno nel mondo. Quando si parla di fumo si usa il termine vizio, ma l'Oms nei report scrive «epidemia».

    – di Andrea Franceschi

    Fumare è una scelta: al tabagista nessun risarcimento per il cancro

    Che il fumo provochi il cancro è un fatto noto fin dagli anni settanta. Per questo la multinazionale del tabacco e il British American Tobacco Italia non devono alcun risarcimento al fumatore incallito, che si ammala e muore per un cancro ai polmoni.La storia - La Cassazione (sentenza11272)

    – di Patrizia Maciocchi

    Contrabbando di sigarette, i mille trucchi del traffico sotto gli occhi della camorra

    Se l'apparenza inganna, in Campania inganna ancora di più. La Guardia di finanza, però, fa di tutto per saperla più lunga dei contrabbandieri di sigarette e così, all'aumentare dell'ingegno criminale, eleva al massimo l'attenzione per svelare trucchi e trucchetti dei re delle "bionde".

    – di R. Galullo e A. Mincuzzi

    Marchionne, De Benedetti, Agnelli, Zegna e gli altri. I guadagni (e le perdite) dei 15 italiani più ricchi della Svizzera. Con qualche sorpresa

    Marchionne, De Benedetti, Agnelli, Zegna, Bonomi, Malacalza, Fossati. E poi Gucci, Trussardi, Perfetti (quelli della "gomma del ponte"). Il club dei miliardari e dei milionari italiani tra le montagne della Svizzera vede molte conferme ma anche qualche sorpresa. Come fare soldi? Si chiedono in tanti. Ecco le storie di chi ci è riuscito. L'elenco lo hanno stilato, come ogni anno, i magazine Bilan e Bilanz, il primo di clingua francese e attento alla piazza ginevrina, il secondo di idioma tedesco ...

    – Angelo Mincuzzi

1-10 di 175 risultati