Ultime notizie:

Petrit Halilaj

    Chert Lüdde

    La galleria di Berlino Chert Lüdde presenta diversi artisti della galleria tra cui il kosovaro Petrit Halilaj, classe 1986, vincitore della seconda edizione del Mario Merz Prize e quindi in mostra in questo momento alla Fondazione Merz.

    MAMbo "That's IT!", Balbi indaga sull'ultima generazione di artisti in Italia

    Tra gli artisti invitati, ad esempio, c'è Petrit Halilaj, che è di origini kosovare e ha studiato all' ...Fonassi (1986), Petrit Halilaj (1986), Andrea Kvas (1986), Beatrice Marchi (1986), The Cool Couple (Niccolò Benetton, 1986 e Simone Santilli, 1987), Filippo Bisagni (1987), Benni Bosetto (1987), Lia Cecchin (1987), Alessandro Di Pietro (1987), Stefano Serretta (1987), Giulia Cenci (1988), Tomaso De Luca (1988), Julia Frank (1988), Marco Giordano (1988), Orestis Mavroudis (1988), Valentina...

    – di Sara Dolfi Agostini

    Dalla superficie al volume sotto i 50mila

    Vittorio Gaddi, notaio, collezionista d'arte contemporanea, tra le numerose opere della "Collezione Nunzia e Vittorio Gaddi" è presente la scultura. Cosa significa oggi collezionare scultura?

    – di Maria Adelaide Marchesoni

    Sculture per collezioni raffinate

    Un mezzo espressivo con radici antiche e una storia millenaria, la scultura attraverso i secoli ha subito cambiamenti radicali. Soprattutto nel corso del Novecento, con l'introduzione del readymade e l'arte concettuale, l'attenzione si è spostata dalla maestria tecnica nella raffigurazione del

    – di Silvia Anna Barrilà e Maria Adelaide Marchesoni

    La Collezione De Iorio apre due spazi permanenti a Trento

    Il collezionista Mauro De Iorio ha confidato ad Arteconomy24 che all'inizio del 2018 aprirà due spazi permanenti per esporre opere dalla sua collezione a Trento. Uno sarà nel centro storico, in Via San Marco, in un appartamento definito "un piccolo gioiello". Al suo interno saranno esposte varie

    – di Silvia Anna Barrilà

    Trentenni e internazionali: chi sono i talenti scelti da Macel

    Sarà una Biennale senza temi e senza griglie, per restituire all'arte lo spazio d'inventare il mondo con «Viva Arte Viva», al di fuori di logiche produttive o di stampo capitalistico. Così ha sancito la direttrice Christine Macel, lanciando un progetto ambizioso, potenzialmente caotico, ma che

    – di Sara Dolfi Agostini

    Otto artisti di Art-Vantage Fund "vanno" alla Biennale di Venezia

    Tra i 120 artisti scelti da Christine Macel per la 57ª Biennale di Venezia, otto sono entrati, in tempi non sospetti, nel fondo Art-Vantage Fund Art-Vantage, co-fondato da Serge Tiroche insieme a Russ DeLeon focalizzato sull'arte contemporanea dei paesi emergenti. Gli artisti scelti dalla curatrice

    – di Maria Adelaide Marchesoni

    Venezia, Macel prova a mettere l'arte al centro

    Proprio nel giorno in cui Marine Le Pen ha invocato Trump per restituire la Francia ai francesi, Christine Macel, sua connazionale e praticamente coetanea (sono nate rispettivamente nel 1968 e nel 1969) nel presentare la 57ª Biennale di Venezia ha invocato la responsabilità dell'arte come uno degli

    – di Giovanna Amadasi

    Torino, gallerie soddisfatte nell'ultima edizione di Artissima diretta da Cosulich

    Si è conclusa a Torino l'edizione 2016 di Artissima, l'ultima diretta da Sarah Cosulich Canarutto (4-6 novembre). Mentre cresce l'attesa per l'annuncio del nuovo direttore, si tira il bilancio di questa 23ª edizione che ha visto la partecipazione di 193 gallerie da 34 paesi (per la prima volta

    – di Silvia Anna Barrilà

    Artissima 20, un successo di misura -

    Chiude con 50mila visitatori, in linea con l'anno scorso, Artissima, la fiera d'arte contemporanea promossa dalla città di Torino, insieme alla Provincia e alla Regione Piemonte. Giunta alla 20a edizione, la seconda diretta da Sarah Cosulich Canarutto, ha consolidato le sue linee strategiche.

    – Sara Dolfi Agostini

1-10 di 12 risultati