Ultime notizie:

Peppe Dell'Acqua

    Dalla parte dei matti

    E' passata una settimana dalle commemorazioni, alcune molto belle, dei 40 anni della legge 180. Ho sentito il bisogno, fisico e politico, di tornare a Basaglia. Ore avvincenti con l'imponente volume dei suoi Scritti (curato dalla moglie Franca Ongaro Basaglia e da poco ripubblicato dal Saggiatore;

    – di Vittorio Lingiardi

    Compie 40 anni la legge Basaglia, che rese i matti «cittadini»

    E' il 16 novembre 1961 quando il giovane Basaglia entra nel manicomio di Gorizia. Vede non solo la violenza delle porte chiuse e delle contenzioni. Vede "da filosofo" una violenza più grande: gli uomini e le donne non ci sono più. Ci sono più di 600 internati, senza più volto senza più storia. Vede

    – di Peppe Dell'Acqua

    Un vento da matti: Trieste celebra la Bora (e i venti in scatola, al museo)

    Da oggi a Trieste torna la "festa della Bora", un omaggio alla città e al suo vento con quattro giornate, fino al 5 giugno, di incontri, installazioni e laboratori per evocarla, raccontarla, immaginarla e scoprire qualcosa di più su un fenomeno locale, ma riconosciuto a livello nazionale grazie anche alle immagini trasmesse dai Tg. L'unicità di Trieste è merito anche del suo vento. Il disegno della città, i palazzi, gli spazi urbani: la bora ha plasmato questa città, rendendola unica, una carat...

    – Barbara Ganz

    Il Festival dei Matti accende Venezia e l'isola di San Servolo

    Nel nome degli altri. Si intitola così il Festival dei Matti 2016 che animerà la città di Venezia durante tutto il weekend, da venerdì a domenica. Parole, immagini, disegni, musica e reading in libertà: molti i luoghi che si accendono per questa settima edizione della kermesse, dal teatrino di

    – Silvia Sperandio

    «Non ho l'arma che uccide il leone»

    "Non ho l'arma che uccide il leone" è un libro di storie, circa centocinquanta personaggi che si snodano in un decennio, sono ventidue racconti e altre narrazioni, con una presentazione, di Franco Basaglia, alcune illustrazioni, di Ugo Guarino, due contributi in appendice, di Franco Rotelli e

    – Anna Toscano