Persone

Pedro Almodovar

Pedro Almodóvar Caballero è nato il 24 settembre del 1949 a Calzada de Calatrava (Spagna) ed è uno scrittore, scenografo regista e produttore cinematografico spagnolo.

Ha cominciato a riuscuotere a partire dalla fine degli anni '80, un enorme successo nel cinema spagnolo ed internazionale.

Trasferitosi con la famiglia a Estremadura (comunità autonoma spagnola) dove studia presso i frati Francescani e Salesian, appena sedicenne anni si trasferisce a Madrid, per frequentare la Scuola Nazionale di Cinema.

Per circa dodici anni lavora come dipendente della compagnia di telecomunicazioni spagnola (Telefónica) e contestualmente si occupa di cinema e teatro.

Col film del 1988 "Donne sull'orlo di una crisi di nervi ", viene definitivamente consacrato al successo cinematografico internazionale, vincendo una nomination all'Oscar e numerosi premi e riconoscimenti.

Nel 2000 vince l'Oscar per la miglior pellicola straniera con "Tutto su mia madre" e nel 2003 ottiene, con "Parla con lei", l'Oscar per la migliore sceneggiatura originale.

Grande successo ottiene anche nel 2004 con "La mala educación" e nel 2011 col film "La pelle che abito".

Personalità eclettica e libera, Pedro Almodóvar ha pubblicamente dichiarato la sua omosessualità ed il suo ateismo.

La sua ultima pellicola in ordine temporale è "Julieta" del 2016, che verrà distribuito in Italia a partire dal prossimo 26 maggio e partecipa in concorso al Festival di Cannes del 2016.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Cinema | Pedro Almodóvar | Spagna |

Ultime notizie su Pedro Almodovar

    Venezia, la capitale della bellezza

    Venezia è la stella più grande, la grande meraviglia, la capitale della bellezza. Con le sue calli, i suoi rii, i suoi sotoporteghi è, come la definiva Thomas Mann, la città più inverosimile del mondo. Erede della Repubblica Serenissima, patrimonio dell'Unesco, oggi è invasa da oltre 30 milioni di

    Festival di Cannes, la Palma d'oro ai parassiti

    Ha vinto a sorpresa la pellicola più coraggiosa e innovativa, ironicamente spietata nell'offrire uno squarcio sociale del proprio Paese , come un tempo sapeva fare la commedia all'italiana: Parasite di Bong Joon Ho.Il regista sudcoreano dà luce a una famiglia di impostori, che vive in uno

    – di Cristina Battocletti

    Parasite di Bong Joon Ho vince la Palma d'oro al Festival di Cannes

    Il film Parasite del regista sudcoreano Bong Joon Ho, ha vinto la Palma d'oro del 72/mo festival di Cannes 2019. Emily Beckham, per il film Little Joe di Jessica Hausner, ha vinto il premio come migliore attrice. Miglior attore Antonio Banderas, per Dolor y gloria di Pedro Almodovar. I fratelli

    Cannes '72. L'intervista a Pedro Almodovar: "Il cinema mi ha salvato"

    Pedro Almodovar indossa una delle sue mise sgargianti: pantaloni rossi, maglietta a losanghe verdi e nere e un foulard con temi floreali e fantasie gialle, verdi e bianche. Anche Salvador Mallo (Antonio Banderas) si veste in maniera colorata in Dolor y Gloria, in concorso al Festival di Cannes e contemporaneamente nelle sale italiane. Mello è infatti l'alter ego del regista spagnolo che si racconta nel film più autobiografico finora girato, che conclude una trilogia formata da La legge del des...

    – Cristina Battocletti

    Almodovar: «Il cinema mi ha salvato»

    Pedro Almodovar indossa una delle sue mise sgargianti: pantaloni rossi, maglietta a losanghe verdi e nere e un foulard con temi floreali e fantasie gialle, verdi e bianche. Anche Salvador Mallo (Antonio Banderas) si veste in maniera colorata in Dolor y Gloria, in concorso al Festival di Cannes e

    – di Cristina Battocletti

    L'arte del cinema secondo Pedro Almodóvar alla Fondazione Prada

    La Fondazione Prada di Milano presenta la quinta serie di "Soggettiva", a cura di Pedro Almodóvar e composta da 8 film spagnoli, dal 6 giugno al 26 luglio: "Soggettiva Pedro Almodóvar" è accompagnata da un programma che include 9 lungometraggi realizzati dal regista dal 1983 al 2004 e 4 film

    Cinema tutto di stelle per conquistare l'estate

    Il cinema in Italia non chiudera più per ferie. Grazie all'iniziativa "Moviement" che vede insieme distributori, produttori ed esercenti, quest'anno la stagione sul grande schermo non subirà la solita pausa "agostana". E sarà per la prima volta spalmata su 12 mesi. Come avviene nel resto d'Europa e

    – di Eugenio Bruno e Antonello Cherchi

    "Chiamami col tuo nome": ecco perché il film di Guadagnino si merita l'Oscar

    In una pianura estenuata dal calore e dall'esuberanza dell'estate, Lyle (Michael Stuhlbarg), archeologo, e Annella (Amira Casar) Perlman ospitano ogni anno per sei settimane un ricercatore, esperto di arte classica. E' una forma di filantropia che la coppia, colta e poliglotta, esercita verso un giovane straniero per permettergli di lavorare con Lyle e di immergersi nella bellezza dell'Italia. Chiamami con il tuo nome di Luca Guadagnino riavvolge indietro il nastro del tempo di oltre trent'anni ...

    – Cristina Battocletti

    L'amore sulla soglia

    In una pianura estenuata dal calore e dall'esuberanza dell'estate, Lyle (Michael Stuhlbarg), archeologo, e Annella (Amira Casar) Perlman ospitano ogni anno per sei settimane un ricercatore, esperto di archeologia greca. E' una forma di filantropia che la coppia, colta e poliglotta, esercita verso un

    – di Cristina Battocletti

1-10 di 109 risultati