Persone

Pedro Almodovar

Pedro Almodóvar Caballero è nato il 24 settembre del 1949 a Calzada de Calatrava (Spagna) ed è uno scrittore, scenografo regista e produttore cinematografico spagnolo.

Ha cominciato a riuscuotere a partire dalla fine degli anni '80, un enorme successo nel cinema spagnolo ed internazionale.

Trasferitosi con la famiglia a Estremadura (comunità autonoma spagnola) dove studia presso i frati Francescani e Salesian, appena sedicenne anni si trasferisce a Madrid, per frequentare la Scuola Nazionale di Cinema.

Per circa dodici anni lavora come dipendente della compagnia di telecomunicazioni spagnola (Telefónica) e contestualmente si occupa di cinema e teatro.

Col film del 1988 "Donne sull'orlo di una crisi di nervi ", viene definitivamente consacrato al successo cinematografico internazionale, vincendo una nomination all'Oscar e numerosi premi e riconoscimenti.

Nel 2000 vince l'Oscar per la miglior pellicola straniera con "Tutto su mia madre" e nel 2003 ottiene, con "Parla con lei", l'Oscar per la migliore sceneggiatura originale.

Grande successo ottiene anche nel 2004 con "La mala educación" e nel 2011 col film "La pelle che abito".

Personalità eclettica e libera, Pedro Almodóvar ha pubblicamente dichiarato la sua omosessualità ed il suo ateismo.

La sua ultima pellicola in ordine temporale è "Julieta" del 2016, che verrà distribuito in Italia a partire dal prossimo 26 maggio e partecipa in concorso al Festival di Cannes del 2016.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Cinema | Pedro Almodóvar | Spagna |

Ultime notizie su Pedro Almodovar

    "Chiamami col tuo nome": ecco perché il film di Guadagnino si merita l'Oscar

    In una pianura estenuata dal calore e dall'esuberanza dell'estate, Lyle (Michael Stuhlbarg), archeologo, e Annella (Amira Casar) Perlman ospitano ogni anno per sei settimane un ricercatore, esperto di arte classica. E' una forma di filantropia che la coppia, colta e poliglotta, esercita verso un giovane straniero per permettergli di lavorare con Lyle e di immergersi nella bellezza dell'Italia. Chiamami con il tuo nome di Luca Guadagnino riavvolge indietro il nastro del tempo di oltre trent'anni ...

    – Cristina Battocletti

    L'amore sulla soglia

    In una pianura estenuata dal calore e dall'esuberanza dell'estate, Lyle (Michael Stuhlbarg), archeologo, e Annella (Amira Casar) Perlman ospitano ogni anno per sei settimane un ricercatore, esperto di archeologia greca. E' una forma di filantropia che la coppia, colta e poliglotta, esercita verso un

    – di Cristina Battocletti

    L'armonia tra bellezza, cibo, eleganza: ecco perché Guadagnino si merita le nomination all'Oscar

    Cibo, bellezza, eleganza: Luca Guadagnino ha sempre saputo unire nei suoi film questi straordinari elementi di italianità, da noi spesso negletti anche per desiderio di raccontare la vita minuta purtroppo lontana dalla bellezza, attirando talenti attoriali come il premio Oscar Tilda Swinton - accanto al regista palermitano in "Io sono l'amore", 2009, e "A bigger splash", 2015, -, Ralph Fiennes e Dakota Johnson ("A bigger Splash"). In passato Guadagnino ha mescolato questi ingredienti in proporzi...

    – Cristina Battocletti

    A Cannes trionfa la satira sociale (e Netflix è sconfitto)

    Alla fine ha avuto ragione il presidente della giuria Pedro Almodovar: i film di Netflix, "Okja" (favolone senza grandi originalità) di Bong Joon-ho e "The Meyerovitz stories" (graffiante commedia) di Noah Baumbach, non hanno avuto menzione nel Palmares, che è stato sorprendente, almeno per la

    – di Cristina Battocletti

    Cannes '70 trionfa la satira sociale. Niente Netflix nel palmares come voleva Almodovar

    Alla fine ha avuto ragione il presidente della giuria Pedro Almodovar, i film di Netflix, "Okja" (favolone senza grandi originalità) di Bong Joon-ho e "The Meyerovitz stories" (graffiante commedia) di Noah Baumbach, non hanno avuto menzione nel Palmares, che è stato sorprendente, almeno per la Palma d'oro. Ha vinto "The square" di Ruben Östlund che ha dileggiato il mondo dell'arte contemporanea e la benestante e senescente società occidentale. Östlund, che aveva già (e meglio) indagato la v...

    – Cristina Battocletti

    Arriva a Cannes Tilda Swinton con la sua favola animalista e anticapitalista. Dall'ungheria si parla di immigrazione

    Fischi e un levare di applausi polemici alla proiezione del primo film di Netflix in gara alla 70esima edizione del festival del cinema di Cannes, "Okja", di Bong Joon-ho. I dietrologi hanno pensato alla congiura contro la piattaforma streaming on demand, iniziata con la dichiarazione del presidente della giuria, Pedro Almodovar, all'inaugurazione del festival in cui il regista spagnolo sosteneva di non aver nulla contro le nuove tecnologie ma di considerare paradossale che la rassegna del cinem...

    – Cristina Battocletti

    Tenero e grottesco «Okja», fiaba ecologista a Cannes

    Fischi e un levare di applausi polemici alla proiezione del primo film di Netflix in gara alla 70esima edizione del Festival del Cinema di Cannes, "Okja", di Bong Joon-ho. I dietrologi hanno pensato alla congiura contro la piattaforma streaming on demand, iniziata con la dichiarazione del

    – di Cristina Battocletti

    Paterson, purissimo cinema

    «Volevo creare un antidoto all'azione e all'eccitazione indiscriminate. Paterson è un film sull'osservazione delle mini variazioni della quotidianità, ma anche una storia d'amore tra persone normali, che sanno apprezzare il proprio presente». L'ha detto Jim Jarmusch a proposito del suo nuovo film,

    – Emanuela Martini

    Cannes '69: Jodie Foster torna a Cannes come regista 40 anni dopo "Taxi driver" con Clooney e Roberts. Ma "Money Monster" è noioso

    Di Cristina Battocletti "Il palais non esisteva ancora, il rep carpet è stato spostato e l'atmosfera oggi è decisamente più caotica con i flash dei fotografi che ti accecano". Così Jodie Foster commenta il suo ritorno al festival di Cannes, quarant'anni dopo il suo arrivo alla Croisette come attrice di "Taxi driver" che vinse la Palma d'oro nel 1976. Oggi la 69esima edizione del Festival di Cannes l'ha invitata a presentare Fuori concorso "Money Monster", film, oggi anche nelle sale italiane, d...

    – Cristina Battocletti

    Jodie Foster torna a Cannes come regista 40 anni dopo «Taxi driver»

    «Il palais non esisteva ancora, il red carpet è stato spostato e l'atmosfera oggi è decisamente più caotica con i flash dei fotografi che ti accecano». Così Jodie Foster commenta il suo ritorno al festival di Cannes, quarant'anni dopo il suo arrivo alla Croisette come attrice di "Taxi driver" che

    – Cristina Battocletti

1-10 di 101 risultati