Persone

Paul Volcker

Nato nel 1927 e laureato in economia all’Università di Princeton, Paul Volcker è stato, durante la sua lunga carriera di economista, sottosegretario del Ministero del Tesoro per gli affari monetari internazionali (dal 1969 al 1974) e presidente della Federal Reserve Bank di New York (dal 1975 al 1979). Proprio nel 1979 è stato nominato alla presidenza della Federal Reserve Bank, banca centrale americana, dall’allora presidente americano Jimmy Carter. Nel 1983 Paul Volcker viene riconfermato nello stesso ruolo dal nuovo presidente Ronald Reagan: grazie alla sua opera di economista è riuscito a ridurre l’inflazione dal 13,5 al 3,2%. Alla fine del suo mandato alla Federal Reserve ha ricoperto diversi incarichi istituzionali, anche presso le Nazioni Unite. Attualmente ha la carica di presidente del comitato consultivo Economic Recovery Advisory Board, organismo che è stato formato il 6 febbraio 2009 per il miglioramento della situazione economica sotto il governo dell’attuale presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Paul Volcker | Federal reserve bank | Economista | Ronald Reagan | Barack Obama | Jimmy Carter | Onu | Ministero del Tesoro | Economic Recovery Advisory Board |

Ultime notizie su Paul Volcker

    Debito pubblico: come, quando e perché è esploso in Italia

    Se l'Italia si ritrova sempre nel mirino di mercati e agenzie di rating nonostante le dimensioni della sua economia e l'avanzo primario è per due motivi: una crescita stentata e un debito pubblico colossale, con la conseguente spesa per interessi. Ma come, quando e perché si è formato questo

    – di Enrico Marro

    Tassi Fed, il sorpasso (inutile) sull'inflazione

    Alla fine è successo: da ieri i tassi di interesse nominali della banca centrale americana (Fed) saranno superiori al tasso di inflazione: per la prima volta dopo dieci anni, i tassi di interesse reali torneranno a essere positivi, cioè normali. Peccato che la notizia sia totalmente irrilevante,

    – di Donato Masciandaro

    Vigilanza, Paesi in ordine sparso

    Mentre si avvicina il decimo anniversario dell'inizio della crisi finanziaria mondiale, una marea di revisioni retrospettive si sta abbattendo su di noi. Molte di loro proveranno a rispondere alla Grande domanda: il sistema finanziario è stato radicalmente riformato, così da impedire il ripetersi

    – di Howard Davies

    La Fed verso un allentamento dei vincoli anti speculazione sul trading

    La Fed oggi approva un piano morbido per uscire dalla Volcker Rule, la normativa voluta dall'amministrazione Obama dopo la crisi dei mutui subprime per evitare le speculazioni finanziarie troppo rischiose che prende il nome dall'ex presidente della banca centrale americana Paul Volcker. La

    – di Riccardo Barlaam

    La nuova Federal Reserve e le incognite su tassi e regole

    E' iniziato l'ultimo giro di valzer per Janet Yellen, che lascerà al suo successore al timone della banca centrale americana (Fed) il non facile compito di trovare una rotta che trovi un equilibrio tra le esigenze della politica monetaria e quella della regolamentazione bancaria, in presenza di una

    – di Donato Masciandaro

    La Fed di Powell: continuità sui tassi, flessibilità sulle regole

    Un avvocato alla guida della Federal reserve. E' questo il vero elemento di discontinuità nella decisione di Donald Trump di nominare Jerome H. Powell alla presidenza della Federal reserve. Perché "Jay" Powell è, dopo decenni, il primo governatore non economista alla guida della politica monetaria

    – di Riccardo Sorrentino

    Dieci bugie (di destra) sulle tasse

    La destra moderna racconta bugie sulle tasse più o meno da quando è nata. Le storie inventate di piccole aziende agricole costrette a chiudere per il peso delle tasse di successione, le affermazioni sui tagli delle tasse che magicamente si ripagano da soli e tutto il resto risalgono ai lontani anni

    – di Paul Krugman

    La miopia della politica e le ambiguità della Fed

    La nebbia sulla possibile evoluzione dei tassi di interesse è sempre fitta; una situazione in cui la Federal Reserve fa la vittima, ma è in realtà carnefice. L'incertezza macroeconomica è anche figlia di una strategia della Fed doppiamente ambigua, sia nella politica monetaria che in quella della

    – di Donato Masciandaro

    Il sistema finanziario globale: quanto è stabile?

    Solo dieci anni fa, il 9 agosto 2007, la banca francese BNP Paribas decideva di limitare l'accesso degli investitori ai soldi che avevano depositato in tre fondi che gestivano all'incirca 2,2 miliardi di dollari, una manovra di congelamento senza precedenti, che però all'epoca passò quasi

    – di Benjamin J. Cohen

1-10 di 237 risultati