Persone

Paul Volcker

Nato nel 1927 e laureato in economia all’Università di Princeton, Paul Volcker è stato, durante la sua lunga carriera di economista, sottosegretario del Ministero del Tesoro per gli affari monetari internazionali (dal 1969 al 1974) e presidente della Federal Reserve Bank di New York (dal 1975 al 1979). Proprio nel 1979 è stato nominato alla presidenza della Federal Reserve Bank, banca centrale americana, dall’allora presidente americano Jimmy Carter. Nel 1983 Paul Volcker viene riconfermato nello stesso ruolo dal nuovo presidente Ronald Reagan: grazie alla sua opera di economista è riuscito a ridurre l’inflazione dal 13,5 al 3,2%. Alla fine del suo mandato alla Federal Reserve ha ricoperto diversi incarichi istituzionali, anche presso le Nazioni Unite. Attualmente ha la carica di presidente del comitato consultivo Economic Recovery Advisory Board, organismo che è stato formato il 6 febbraio 2009 per il miglioramento della situazione economica sotto il governo dell’attuale presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Paul Volcker | Federal reserve bank | Economista | Ronald Reagan | Barack Obama | Jimmy Carter | Onu | Ministero del Tesoro | Economic Recovery Advisory Board |

Ultime notizie su Paul Volcker

    Energia e materie prime, è ora di ridurre la dipendenza dall'estero

    Sta provocando qualche grattacapo agli operatori finanziari la reazione del dollaro a seguito della pubblicazione del dato sull'inflazione Usa relativo al dicembre dello scorso anno: malgrado l'indice ai prezzi alla produzione abbia toccato il 7%, il biglietto verde sembra aver interrotto la fase

    – di Guido Crosetto e Gianclaudio Torlizzi

    L'inflazione è passeggera? purtroppo

    L'inflazione danneggia i portafogli degli americani, ribaltarne il trend è per me una priorità" ha tuonato Biden dopo lo spunto sopra il 5% dell'inflazione americana.E' sempre più frequente leggere frasi che non possono non far pensare a Keynes e al suo "gli uomini pratici, che si ritengono

    – di Bernardo Bertoldi

    Inflazione e crescita, la radice quadrata e i nodi da sciogliere

    Due questioni, fortemente correlate, tormentano in questa fase congiunturale gli operatori economici, i mercati e i policymaker: 1) le spinte inflazionistiche osservate negli ultimi mesi saranno transitorie? 2) La forte ripresa post-pandemia sarà sostenibile e duratura?

    – di Rony Hamaui

    I segni di ripresa e la bussola di Lagarde

    L'ex governatore della Banca d'Inghilterra Mervyn King disse una volta che la politica monetaria deve essere «noiosa». Intendeva dire prevedibile, scontata, senza sorprese; una politica i cui responsabili, meri esecutori di un manuale prefissato e noto a tutti, non rischiano né di perdere la

    – di Ignazio Angeloni

    Cosa c'è da aspettarsi da Janet Yellen alla guida del Tesoro Usa

    Il democratico Paul Volcker fu scelto da Jimmy Carter ma fu riconfermato da Ronald Reagan (e non è passato alla storia per politiche liberal); il repubblicano Ben Bernanke (indipendente dal 2015) è stato nominato da George Bush e confermato da Barack Obama, mentre il repubblicano Alan Greenspan, è stato nominato da Ronald Reagan e ha avuto anche la fiducia di Bill Clinton.

    – di Riccardo Sorrentino

    Che cosa c'entra il coronavirus con l' inflazione e i rischi per i nostri soldi

    Quando ero piccolo, spesso mio nonno mi mandava a comprare le sigarette al bar. Mi chiedeva sempre le Philip Morris Multiflter Rosse. A quei tempi quel pacchetto di sigarette costava circa 500 delle vecchie lire, circa 26 centesimi di Euro. Si lamentava sempre che il prezzo delle sigarette era vergognoso. Negli Stati Uniti, oggi, lo stesso pacchetto costa circa 14 dollari. Il nonno li avrebbe denunciati tutti. Da sempre i miei genitori si lamentano di come sia diminuito il loro potere d'acquist...

    – Gianluca De Stefano

    La Fed ripensa i target per risvegliare l'inflazione

    In discussione una strategia inedita e flessibile che consenta di alzare gli obiettivi dal 2% anche oltre il 3% se in anni precedenti i prezzi hanno languito sotto le attese. All'ombra della lezione di Paul Volcker: le scelte indipendenti pagano.

    – di Marco Valsania

    I tassi zero resteranno, meglio adattarsi

    Oggi siamo di fronte a un momento altrettanto storico: il capitale non assicurerà più una rendita sicura perché anch'esso non è più un bene scarso. Tutto è iniziato il 15 agosto 1971, quando il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon sospese il sistema di Bretton Woods. Negli anni 70 il Pil

    – di Bernardo Bertoldi

1-10 di 249 risultati