Le nostre Firme

Paul Krugman

Economista statunitense nato nel 1953 e vincitore del premio Nobel per l’Economia nel 2008, Paul Krugman attualmente è professore di Economia e di Relazioni Internazionali all’Università di Princeton, negli Usa, ed editorialista di un prestigioso quotidiano americano, il New York Times. Laureatosi all’Università di Yale, Paul Krugman ha insegnato proprio alla Yale, al Mit, all’Università di Berkeley, alla London School of Economics e all’Università di Stanford, prima di arrivare all’Università di Princeton nel 2000. Per un anno (tra il 1982 e il 1983) ha lavorato anche nel Consiglio dei consulenti economici della Casa Bianca, durante l’amministrazione Reagan. Famoso nel mondo accademico per i suoi studi riguardanti la teoria del commercio e per i suoi libri di testo sulle crisi valutarie e sull'economia internazionale, insieme a Maurice Obstfeld, Paul Krugman ha scritto il saggio “Economia internazionale: Teoria e Politica".

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Paul Krugman

    Misure speciali e trasparenza per la crisi turca

    Per un po', quanti tra noi dedicarono parecchio tempo a cercare di comprendere la crisi finanziaria asiatica di vent'anni fa si sono chiesti se la Turchia non stesse per metterne in scena una replica. Sembra che stia accadendo questo. Il copione prevede che tutto inizi con un Paese che, per un

    – di Paul Krugman

    Dazi, commercio mondiale in tilt anche per le fake news di Donald Trump

    Secondo la leggenda, il principe Grigorij Potëmkin, uno dei ministri (e suo amante) di Caterina la Grande, creò a suo beneficio una falsa impressione di prosperità, quando l'imperatrice visitò l'Ucraina. Allestì villaggi finti o fece erigere le facciate delle case lungo il percorso della zarina,

    – di Paul Krugman

    Dobbiamo avere paura degli immigrati?

    La velocità della deriva morale dell'America sotto Donald Trump è sconvolgente. Nel giro di pochi mesi, noi che eravamo una nazione che si batteva per la vita, la libertà e la ricerca della felicità, siamo diventati una nazione che strappa i figli ai genitori e li rinchiude in gabbia. E la cosa

    – di Paul Krugman

    Le analogie tra Erdogan e Trump e i rischi in caso di gravi crisi

    Un leader anti-establishment prende il potere dopo un'elezione combattuta. La sua amministrazione si rivela presto corrotta, ma lui sovverte il sistema legale e riesce non solo a fare piazza pulita delle indagini sulla sua corruzione, ma riesce a consolidare il potere e minare le istituzioni che

    – di Paul Krugman

    Sui salari grava l'ombra della crisi

    Il titolo di questo articolo - "La grande recessione continua a frenare i salari?" - è una domanda reale, non retorica. Io un'ipotesi ce l'avrei, che può essere vera oppure no, e la propongo per arricchire il dibattito.

    – di Paul Krugman

    Paul Krugman risponde ai cittadini: i dazi, Trump e gli effetti sull'economia

    Una serie di domande da «uomo della strada» sul tema dei dazi fatti scattare da Trump su numerosi prodotti importati dalla Cina. Si scopre così che spesso - come nel manifatturiero o nell'hi-tech - l'effetto della barriera tariffaria ha effetti negativi anche per chi la innalza. Introdurre dazi

    – di Paul Krugman

    Perché i dazi di Trump sono un errore e favoriscono le lobby

    C'è un consenso pressoché unanime, sia tra gli economisti che tra i capitani d'industria, sul fatto che i dazi sull'acciaio e l'alluminio di Donald Trump sono una cattiva idea, e che la guerra commerciale più generale che queste tariffe potrebbero scatenare rischia di essere distruttiva. Ma le

    – di Paul Krugman

1-10 di 522 risultati