Ultime notizie:

partito unico

    La potenza senza amici

    Democrazia in mandarino si dice minzhu. Ma, spiega il sinologo Bruce Dikson in un saggio che offre una visione meno occidentalo-centrica della questione ("The Party and the People - Chinese Politics in the 21st Century", Princeton 2021), pochi usano quel sostantivo come sinonimo di elezioni o stato di diritto. "Molti lo usano come risultato, cioè governare nell'interesse del popolo". E' probabilmente stato un pio desiderio aiutare per un quarantennio la Cina a crescere, da Deng Xiaoping in poi,...

    – Ugo Tramballi

    Il sistema dei partiti alla ricerca dell'equilibrio perduto

    Sono passati più di otto anni dalle elezioni politiche del 2013 e il sistema politico italiano è ancora in cerca di un punto di equilibrio. Il successo del M5s in quella consultazione e la sua conferma nel 2018 hanno provocato un terremoto le cui scosse di assestamento continuano oggi. Dal 1994 al

    – di Roberto D'Alimonte

    Quando Bankitalia sfidò il partito unico del debito pubblico

    Ancora contenuta al 38,9% del Pil sino al 1970, da allora la spesa pubblica aveva cominciato a prendere il volo, in coincidenza con il terzo governo Rumor, a seguito di un uso politico smodato del deficit quale leva per l'acquisizione di consenso. Una specie di "keynesismo all'italiana", poiché si

    – di Valerio Castronovo

    La Lunga marcia cinese per realizzare un regime capitalista

    La rentrée di Deng Xiaoping al vertice del Partito comunista cinese alla fine degli anni 70 fu accolta in Occidente come una bizzarria dei corsi e ricorsi politici del Paese, ma pochi intravidero lo smottamento tettonico che presagiva. Infatti, Deng, nonostante l'aura di riformatore, era e rimase

    – di Alberto Forchielli e Fabio Scacciavillani

1-10 di 242 risultati