Parole chiave

Zainetto fiscale

Lo “zainetto fiscale” è la posizione del cliente sul proprio deposito titoli in relazione a minusvalenze e plusvalenze realizzate nel corso degli anni. La normativa vigente prevede che le minusvalenze possano essere compensate con eventuali plusvalenze realizzate nell’anno in cui si realizzano e nei 4 anni successivi. Questo meccanismo consente, quindi, di poter recuperare le perdite realizzate nel 2013 fino al 31 dicembre di quest’anno e superata tale data si perde la possibilità di usare questo credito d’imposta. Se la banca non invia un documento con la propria posizione, meglio chiederlo per tenere sotto controllo la situazione. La richiesta è possibile avanzarla anche quando si cambia banca: lo zainetto fiscale può essere portato con sé quando il cliente trasferisce gli investimenti in un altro istituto.

Ultimo aggiornamento 07 ottobre 2017

Ultime notizie su Zainetto fiscale

    Ultima chiamata per compensare le minus con i certificates

    Ad esempio se nelle zainetto fiscale ho una minusvalenza pregressa per 1.000 euro posso comprare un certificato per 5mila euro che paga un cedolone del 20%. ... Visto che siamo a fine anno è importante che l'intermediario consenta di recuperare immediatamente le minusvalenze, scaricando l'ammontare della cedola dallo zainetto fiscale.

    – di Andrea Gennai

    Plus24, dove investire nel 2015

    Come si muoveranno i mercati nel 2015? Quali saranno le asset class su cui puntare? "Dove investire nel 2015" è il titolo dell'inchiesta di Plus24 di sabato 27

    – di Nicola Borzi

    Ultimo giorno per l'affrancamento

    Scade oggi il termine entro il quale i risparmiatori che detengono strumenti finanziari nell'ambito del regime del risparmio amministrato possono comunicare al

    – di Valentino Tamburro

    La tassazione delle rendite finanziarie è gia oltre il 20%

    Gli spunti non sono mancati. Eppure nel fiume di dichiarazioni rilasciate in queste ultime settimane da politici e operatori sulla tassazione delle rendite finanziarie, non c'è alcuna traccia della volontà di eliminare la stortura che da anni genera incomprensibili bizzarrie agli occhi dei tartassati risparmiatori. Si tratta dell'incomunicabilità fra "redditi di capitale" (proventi periodici dell'investimento, come interessi e dividendi, ma anche le plusvalenze generate con i fondi comuni) e "r...

    – Gianfranco Ursino