Parole chiave

Varoufakis Bond

Un tempo, molto tempo fa (fine degli anni 80) furono i Brady Bond, dal nome dell’allora segretario al Tesoro Usa che si inventò uno swap con i debiti dei Paesi latinoamericani che non riuscivano più a rimborsare i creditori. Fu uno scambio riservato però solo al debito privato, quelle detenuto dalle Banche. La proposta greca, avanzata lunedì dal ministro delle Finanze Yanis Varoufakis, si rivolge invece al debito detenuto dai governi dell’Eurozona e alla Bce. A questi due attori istituzionali ha proposto un doppio swap. Nel primo caso vuole emettere al posto del debito bond la cui capacità di rimborso è legata all’andamento del Pil; nel secondo propone l’emissione di obbligazione cosiddette perpetue, che come tali rimborserebbero soltanto gli interessi in scadenza. Un’ipotesi inaccettabile per la Bce.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Obbligazioni | Bond | Yanis Varoufakis | Bce | Ministero del Tesoro |

Ultime notizie su Varoufakis Bond

    I ritardi che l'Europa non può più permettersi

    L'Eurozona si trova nuovamente di fronte al caso greco da cui partì agli inizi del 2010 la crisi dei titoli sovrani dei Paesi periferici della Uem. L'Eurozona è adesso però molto più forte nel controllo delle crisi finanziarie e bancarie ma deve con urgenza rafforzare l'economia reale. La strategia

    – Alberto Quadrio Curzio

    Delays that Europe Can't Afford

    The euro zone is again faced with the Greek case that started the sovereign debt crisis in the peripheral countries of the European Monetary Union. However, the euro zone is today much stronger in controlling financial and banking crises, even though it still has to strengthen the real economy.

    – Alberto Quadrio Curzio

    I segreti dei Varoufakis bond

    Come funzionano, o meglio potrebbero funzionare, i "Varoufakis bond", vale a dire la soluzione proposta dal ministro delle Finanze greco per ristrutturare il debito di Atene, circa 315 miliardi di euro in mano per due terzi a governi europei e istituzioni?

    – Vittorio Da Rold