Parole chiave

Ukip

Lo Uk Independence Party è il movimento politico dei populisti euroscettici britannici, guidati da Nigel Farage. Reduci, lo scorso anno, del successo nelle elezioni locali in cui - nella proiezione del voto su scala nazionale - si sono collocati come terzo partito, e quarto per numero di seggi conquistati nelle amministrazioni locali in palio. Nelle precedenti elezioni europee del 2009 lo Ukip aveva conquistato il secondo posto ma quest'anno - secondo il primo sondaggio di YouGov in vista delle parlamentari Ue di maggio - il partito di Farage potrebbe avvicinarsi ai laburisti, primi con il 32% di voti. Con il 26%, lo Ukip è davanti ai Tories di David Cameron di tre punti. Ma come fa notare l'agenzia di sondaggi YouGov, nelle passate elezioni europee il sostegno per gli euroscettici è aumentato con l'avvicinarsi del voto. Il sorpasso sul Labour è possibile.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Movimento politico | Nigel Farage | Partito Conservatore inglese | Uk Independence Party | David Cameron |

Ultime notizie su Ukip

    Quali sono le grandi paure del mondo? Vince il cambiamento climatico

    Le nostre paure - Il Sole 24 Ore - Cristina Da Rold Infogram Nel complesso il cambiamento climatico è ancora la principale paura fra i 26 paesi considerati nel sondaggio di Pew Research pubblicato in questi giorni. Il 67% degli intervistati dichiara di avere coscienza del fatto che è questa la principale minaccia che dobbiamo affrontare, anche se non distanzia di molto gli altri due principali timori: l'ISIS (che preoccupa il 62% degli intervistati nel mondo) e i cyberattacchi da parte di altri...

    – Infodata

    M5S unico partito italiano ancora senza gruppo a Strasburgo

    Mentre tutti gli altri (dalla Lega a Forza Italia al Pd) hanno ufficializzato l'adesione a un gruppo politico, i Cinquestelle hanno incassato solo rifiuti. L'ultimo, secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo "El Diario", da parte della sinistra unitaria europea (Gue).

    – di Andrea Gagliardi

    Conservatori e Laburisti verso un declino fatale

    Alle elezioni europee i conservatori e i laburisti britannici hanno subito una terribile batosta, da cui difficilmente potranno rialzarsi. La sconfitta è stata cocente, al punto da evidenziare un trend strutturale, con connotazioni irreversibili. Come mai tanto pessimismo verso i due partiti che hanno dominato la politica britannica per tutto il dopoguerra, dando stabilità al Paese? Non è forse un'interpretazione un po' troppo catastrofica? Nella vita, in fondo, nulla è veramente irreversibile e...

    – Marco Niada

    Regno Unito più diviso che mai e il percorso della Brexit si complica

    LONDRA- La Gran Bretagna si è svegliata più divisa che mai. I risultati delle elezioni europee hanno solo aggravato il problema di Brexit, rivelando la profonda spaccatura tra chi vuole uscire dall'Unione Europea anche senza un accordo e chi invece vuole restare. La polarizzazione della politica si

    – di Nicol Degli Innocenti

    Regno Unito: vince il Brexit Party di Farage, tracollo dei Tories

    LONDRA - Un nome, un programma, una vittoria annunciata: il Brexit Party di Nigel Farage si è piazzato al primo posto nelle elezioni europee in Gran Bretagna, conquistando il 32% dei voti e 28 seggi a spese sia dei conservatori (3 seggi) che dei laburisti (10 seggi). I due maggiori partiti sono

    – di Nicol Degli Innocenti

    Tre fantasisti hanno in mano le chiavi della politica britannica

    Theresa May e Jeremy Corbyn non sono riusciti a raggiungere un accordo di compromesso sulla Brexit da proporre al Parlamento. Dopo un lungo e infruttuoso negoziato con i laburisti, la premier britannica si prepara dunque a presentare per la quarta e ultima volta all'inizio di giugno il proprio piano con Bruxelles nella speranza che, davanti a un'assenza di alternative reali, essendo esaurito ogni altro percorso, i Parlamentari si mettano una mano sulla coscienza e votino la semi-Brexit pronta e ...

    – Marco Niada

    Brexit, il voto europeo con o senza. Chi vince e chi perde

    A meno di un'improbabilissima approvazione dell'accordo di uscita negoziato dal primo ministro britannico Theresa May con l'Ue, il rinvio della Brexit porterà anche il Regno Unito a partecipare alle elezioni europee di fine maggio. Il paese britannico avrebbe dovuto essere fuori dall'Unione il 29 marzo scorso, e per questo naturalmente non avrebbe avuto alcun rappresentante al parlamento europeo. In previsione dell'evento, il numero totale di seggi per gli europarlamentari era stato modificato ...

    – Infodata

    Brexit, il voto europeo con o senza il Regno Unito. Chi vince e chi perde

    A meno di un'improbabilissima approvazione dell'accordo di uscita negoziato dal primo ministro britannico Theresa May con l'Ue, il rinvio della Brexit porterà anche il Regno Unito a partecipare alle elezioni europee di fine maggio. Il paese britannico avrebbe dovuto essere fuori dall'Unione il 29 marzo scorso, e per questo naturalmente non avrebbe avuto alcun rappresentante al parlamento europeo. In previsione dell'evento, il numero totale di seggi per gli europarlamentari era stato modificato ...

    – Davide Mancino

    Brexit, il Regno Unito voterà alle europee. Ecco cosa cambia

    Il Regno Unito parteciperà alle elezioni europee del 23-26 maggio. Lo scenario, sempre più probabile, è stato confermato da David Lidington, ministro del Gabinetto e vice di fatto della premier Theresa May. Le ultime speranze di evitare il voto per l'Eurocamera erano appese ai round di negoziati

    – di Alberto Magnani

    Gran Bretagna, valanga anti-Tories alle amministrative. Giù anche il Labour

    LONDRA - Effetto Brexit sulle elezioni amministrative in Gran Bretagna. Gli elettori hanno punito sia il partito conservatore al potere che i laburisti all'opposizione. I liberaldemocratici e i Verdi, entrambi partiti dichiaratamente pro-Unione Europea, hanno vinto centinaia di seggi in più del

    – di Nicol Degli Innocenti

1-10 di 432 risultati