Parole chiave

TPP

Il Tpp (Trans-Pacific Partnership) si propone di riunire in un’area di libero scambio 12 Paesi affacciati sul Pacifico: Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malaysia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore, Stati Uniti e Vietnam.

La proposta risale al 2002, quando partì come negoziato tra Cile, Nuova Zelanda, Singapore, cui si sono aggiunti partner potenziali fino a coinvolgere un’area che produce il 40% del Pil mondiale e un terzo egli scambi mondiali.

Ultimo aggiornamento 10 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Singapore | Cile | Tpp | Scambi mondiali | Oceano Pacifico |

Ultime notizie su TPP

    Trump e la Cina mettono a rischio i valori liberali

    Gli Stati Uniti, resi ansiosi dal timore del declino competitivo, fanno sempre più affidamento sull'hard power dell'economia, della tecnologia e della forza militare. La guerra fredda dei dazi, avviata contro la Cina, ma estesa anche a colpire gli alleati europei, e rilanciata contro il Messico, ne

    – di Adriana Castagnoli

    Shinzo Abe alla Casa Bianca. Trump: non metterò dazi del 25% sulle auto

    NEW YORK - In un clima estremamente cordiale, Donald Trump ha incontrato il primo ministro giapponese Shinzo Abe alla Casa Bianca. Un vertice bilaterale importante in vista del nuovo accordo commerciale che i due paesi si sono impegnati a raggiungere e che il presidente americano ha suggerito

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Davos 2019, i protagonisti / Shinzo Abe

    Verso il G20 della governance dei datiHa fatto uno spot meraviglioso per le Ferrovie retiche, rinunciando all'elicottero per arrivare a Davos dopo il viaggio aereo intercontinentale: la sua foto twittata sul trenino rosso intendeva trasmettere una immagine non elitaria e ha fatto dimenticare la

    Accordo Ue-Giappone: addio ai dazi su vino, formaggio e pasta

    I dibattiti all'Europarlamento di Strasburgo, città ferita dall'attentato di martedì, non offrono sempre spunti di nobiltà dialogica. Anzi. Spesso scivolano nei particolarismi, negli interessi di lobby anacronistiche e di piccolo cabotaggio. Stavolta no, le idee riescono a governare i numeri.

    – di Roberto Da Rin

    Il populismo del Sud America favorisce Trump

    Il Noi contro di loro, analizzato nel suo ultimo libro (Università Bocconi Editore, 2018) dal politologo Ian Bremmer, è anche l'assunto con cui il presidente Donald Trump ha deciso di bloccare la carovana di disperati in marcia dal Centro America verso gli Stati Uniti per chiedervi asilo.

    – di Adriana Castagnoli

    Mid-Term elections: cosa sono e a cosa servono

    Il 6 novembre prossimo si svolgeranno negli Stati Uniti le elezioni di "Mid-Term", cioè di metà mandato. Le Mid Term elections sono un test importante per il gradimento del Presidente in carica, Donald Trump, sebbene lui non sia sottoposto direttamente al voto popolare. Queste elezioni, infatti,

    – di Marzia Redaelli

    La grande e futile ossessione economica di Trump: il deficit commerciale

    Esattamente due anni fa Donald Trump si apprestava ad entrare nel suo ultimo mese di campagna elettorale e a vincere, in modo sorprendente e spettacolare, le elezioni presidenziali statunitensi. Tra i suoi slogan politici preferiti, oltre al muro al confine con il Messico, alla riforma fiscale e alla revoca dell'Obamacare, Trump ha sempre sostenuto la convinzione che una delle priorità principali della sua amministrazione sarebbe stata quella di ridurre il deficit commerciale. Al di là della re...

    – Giovanni Caccavello

    Le politiche commerciali di Trump sono dannose. Soprattutto per gli Usa

    Il presidente americano Donald Trump potrà pure ritenersi un costruttore, ma sul piano delle normative e dei trattati internazionali si sta comportando come una squadra di demolizione nel corpo di un solo uomo. E ora il caos sembra sempre più diffuso e in aumento.  

    – di Anne O. Krueger

1-10 di 317 risultati