Parole chiave

Titoli Tier 1 e Tier 2

Le obbligazioni Tier I in presenza di andamenti negativi della gestione e in caso di liquidazione garantiscono ai loro possessori il privilegio rispetto ai detentori di azioni ordinarie e di risparmio, ma sono subordinate rispetto a tutti gli altri crediti. Esse rappresentano la tipologia più rischiosa avendo caratteristiche che le accomunano sia ai titoli di debito che di capitale. Le Upper Tier 2 sono considerate meno rischiose: con durata minima di 10 anni nel caso di andamenti negativi non prevedono la cancellazione delle cedole, ma solo la sospensione. Sono rimborsate prima rispetto alle azioni ed alle obbligazioni Tier I.

Ultimo aggiornamento 24 dicembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Obbligazioni Tier I |

Ultime notizie su Titoli Tier 1 e Tier 2

    Un nuovo income

    Un nuovo income Stando ai risultati della ricerca condotta su un campione di popolazione italiana, il 53% degli investitori italiani avrebbe come primo obiettivo la generazione di reddito, che oggi però è diventata ardua impresa, dopo la crisi finanziaria globale. Le fonti di rendimento

    – CONTENUTO PUBBLICITARIO

    Oltre 700 assunzioni per la staffetta generazionale del Credit Agricole

    Raggiunto l'accordo con Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin che prevede 800 uscite volontarie col fondo di solidarietà e 200 pensionamenti. Nelle Bcc ok alla piattaforma per il contratto, mentre in Abi niente accordo sul green pass

    – di Cristina Casadei

    Le Bcc si preparano al rinnovo del contratto dei 34mila bancari

    Ieri i vertici di Federcasse hanno incontrato i segretari generali di Fabi, Fisac, First, Uilca e Ugl credito. Gli sportelli sono 4.187, mentre gli impieghi certificati raggiungono 136,9 miliardi, in crescita del 5,6% annuo. La raccolta complessiva è di 237,5 miliardi, in crescita dell'8,7%

    – di Cristina Casadei

    Borsa, auto ancora nel mirino: la carenza di chip frena la produzione

    (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Sotto pressione il settore auto europeo che continua a pagare la carenza di microchip con riflessi immediati sulle catene di produzione. Dopo Toyota - che ha confermato le indiscrezioni stampa su una riduzione della produzione a settembre di quasi il 40% (da 900mila

    – di Flavia Carletti

1-10 di 1546 risultati