Parole chiave

Territori occupati

Sono i territori che corrispondono alla Striscia di Gaza, alla West Bank, o Cisgiordania, assieme a Gerusalemme Est, buona parte delle alture del Golan, e il Sinai fino al 1982: sono le Nazioni Unite ad averli definiti "occupati" a partire dalla Guerra dei Sei giorni del 1967. Un termine che Israele non ha mai accettato.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Guerra dei sei giorni | Israele | Onu | Cisgiordania | Gaza | Alture del Golan | West Bank |

Ultime notizie su Territori occupati

    Se ti dimentico, Gerusalemme.....

       I razzi, le bombe; i morti israeliani fuori e quelli palestinesi dentro la gabbia di Gaza; il mondo con le reazioni dei paesi musulmani che d'improvviso riscoprono la causa palestinese, il visibile fastidio di Joe Biden e i silenzi europei; l'uso politico dei partiti italiani che al Portico d'Ottavia hanno banalizzato una tragedia fino a trasformarla in comizio per le imminenti elezioni al Comune di Roma. Una volta di più, anche in quest'ultima delle ricorrenti crisi di una ferita rimasta co...

    – Ugo Tramballi

    Anche il Marocco fa pace con Israele, ma a quale prezzo?

    Anzi, il processo voluto da Trump cozza contro l'iniziativa araba del 2002, ideata e guidata dalla Corona Saudita, secondo cui Israele doveva ritirarsi da tutti i Territori occupati (quelli oltre la linea verde), in modo poi da ottenere la normalizzazione dei rapporti con il mondo arabo, e una sorta di cintura di protezione contro la potenziale espansione iraniana.

    – di Roberto Bongiorni

    Cosa sta succedendo tra Armenia e Azerbaijan e perché ci interessa da vicino

    L'Azerbaijan è deciso a riannettersi l'enclave contesa del Nagorno-Karabakh. Ma Baku è anche il primo fornitore di greggio dell'Italia ed esporta gas in Europa attraverso il Corridoio Sud, che arriva sulle coste pugliesi. Una situazione che non prelude a nulla di buono

    – di Roberto Bongiorni

    Palestine dreamin'

    Siete l'unico movimento di liberazione al mondo capace di dedicare più tempo alle lotte fratricide che a combattere il suo nemico, aveva detto ai colleghi dell'Olp Saud al-Faisal, in un vertice della Lega Araba. Fino alla sua morte nel 2015, il figlio di re Faisal aveva guidato per quarant'anni con grande moderazione la politica estera saudita: era raro che uscisse dai canoni della diplomazia per dire apertamente quel che pensava. Gli altri colleghi arabi non dissentirono dal suo franco rimprove...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 197 risultati