Parole chiave

Tasso di rifinanziamento

Il tasso di interesse di riferimento della Banca centrale europea (Bce) è il cosiddetto “tasso refi” (chiamato altresì “tasso per le operazioni di rifinanziamento”). Il tasso refi rappresenta il valore indicizzato che le banche sono tenute a pagare quando prendono in prestito del danaro dalla Bce. Le banche fanno ricorso a questo canale nel momento in cui si trovano ad affrontare periodi di carenza di liquidità. Il tasso di interesse della Bce costituisce anche uno strumento di intervento sui valori dei tassi di mercato in quanto può condizionare altre variabili, come il tasso interbancario

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Andamento dei tassi | Tasso refi | Bce |

Ultime notizie su Tasso di rifinanziamento

    Come la BCE può sostenere il Green Deal e il rinnovo delle abitazioni

    Post di Alessia Del Vasto, responsabile delle relazioni istituzionali per il think tank Positive Money Europe, dove si occupa di BCE e finanza sostenibile. Laureata in Politiche Europee all'Università di Maastricht -  Potenziando l'attuale programma TLTRO, la BCE potrebbe non solo beneficiare il Green Deal europeo, ma anche aiutare famiglie e piccole-medie imprese, migliorando la trasmissione delle politiche monetarie della BCE nell'economia reale. Nel suo discorso di insediamento al governo, ...

    – Econopoly

    Le probabilità di recessione Usa fra 12 mesi? Sono salite al 35%

    A gennaio le probabilità erano al 10%. Nel mezzo il rallentamento della crescita (nel primo trimestre la crescita del Pil annualizzata era al 3,1% mentre nel secondo trimestre è scesa al 2%) e le irrisolte questioni legate allo scontro Usa-Cina sul fronte dazi

    – di Vito Lops

    Bce, guida pratica: la cassetta degli attrezzi di Draghi, le prossime mosse

    Forward guidance, taglio dei tassi, Qe2, misure attenuanti per le banche, ritocco Tltro III: quali sono gli strumenti pronti all'uso sulla scrivania di Mario Draghi e che forma può prendere il nuovo pacchetto di misure di stimolo per allentare ulteriormente la politica monetaria della Bce già "altamente accomondante". Le aspettative del mercato sono molto alte

    – di Isabella Bufacchi

    Le Borse guardano alla Bce e a Powell in attesa di sviluppi sui dazi

    Gli investitori sui mercati azionari hanno preso alla lettera il "sell in May and go away". Il maggio che ci lasciamo alle spalle è stato il peggior mese sui listini negli ultimi tre anni: l'euforia che aveva contrassegnato la prima parte del 2019 è improvvisamente svanita. A segnare lo spartiacque

    – di Andrea Gennai

    Tltro appetibile anche con vincoli più stretti

    Duecentoquaranta miliardi, euro più euro meno. La base di partenza è nota per le banche italiane, che vedranno nei prossimi mesi scadere per intero l'ammontare di denaro ottenuto dalla Bce con il precedente round di finanziamenti «agevolati», la Tltro 2. Più difficile capire quanto di quel denaro

    – di Maximilian Cellino

    Ecco le banche dei Paesi che hanno ottenuto più liquidità dalla Bce

    Chi si aspettava un regalo di Natale da parte della Bce, ovvero l'annuncio immediato di nuovi finanziamenti a tassi agevolati o negativi alle banche dell'Eurozona, è rimasto deluso. Rispondendo alle domande dei giornalisti al termine della riunione del consiglio direttivo, ieri il governatore Mario

    – di Vito Lops

    Europa e Stati Uniti alla prova dei tassi. Cosa rischia l'Eurozona e le armi di Trump

    Giugno 2014. I tassi d'interesse sui depositi overnight diventano negativi. L'Eurotower li fissa al -0,10%. E' l'inizio di un tipo di politica monetaria non convenzionale. Che vuol dire? Le banche dell'Eurozona depositano la propria liquidità presso la Banca Centrale Europea e, per lo più, ne ricevono in cambio un interesse. Se tuttavia il tasso d'interesse su questi depositi è negativo, allora i ruoli, per certi aspetti, s'invertono: le banche commerciali pagano un interesse, una sorta di tassa,...

    – Francesco Mercadante

1-10 di 125 risultati