Parole chiave

Tasso refi

Il tasso di interesse di riferimento della Banca centrale europea (Bce) è il cosiddetto “tasso refi” (chiamato altresì “tasso per le operazioni di rifinanziamento”). Il tasso refi rappresenta il valore indicizzato che le banche sono tenute a pagare quando prendono in prestito del danaro dalla Bce. Il tasso di interesse della Bce costituisce anche uno strumento di intervento sui valori dei tassi di mercato in quanto può condizionare altre variabili, come il tasso interbancario

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Andamento dei tassi | Tasso refi | Bce |

Ultime notizie su Tasso refi

    Prometeia: sì a trattare con la Ue, ma riduzione del debito resta obbligata

    Il cauto ottimismo che scalda l'economia europea interessa anche l'Italia e tiene sottotraccia quell'incertezza politica che potrebbe tornare a impennarsi durante l'inverno prossimo. E' la valutazione degli economisti della società di ricerca e consulenza Prometeia che, sotto la direzione di Lorenzo

    – di Rossella Bocciarelli

    La politica monetaria, i tassi di interesse e i tassi di cambio. Che 2017 sarà

    Pubblichiamo un post di Lorena Vincenzi, responsabile del modello per l'economia mondiale di Prometeia e Lorenzo Prosperi, economista della stessa organizzazione. L'articolo è stato pubblicato sul Rapporto di Previsione Prometeia di dicembre - La Fed si muove. Come atteso la Fed nel meeting di dicembre ha rialzato il tasso sui Fed Funds di 25 punti base (pb) portandolo nell'intervallo 0.5%-0.75% e ha aumentato di 25pb anche il tasso di sconto ora all'1.25%. Le attese si erano consolidate negli ...

    – Econopoly

    Dal bazooka all'elicottero, tutte le armi della Bce

    Se avesse solo una cassetta degli attrezzi di strumenti convenzionali e non convenzionali, Mario Draghi sarebbe niente più che l'idraulico della liquidità finanziaria, o il meccanico addetto alle cinghie di trasmissione della politica monetaria. La Bce, invece, ha uno strumentario infinito perchè

    – Isabella Bufacchi

    Cambi e prezzi, chi fa più male al risparmio: i trader o il Qe?

    La vicenda sui tassi di cambio cui sono state protagoniste Citigroup, JP Morgan, Barclays, RBS, UBS e Bank of America è certamente una brutta storia, ma serve più come trama per un film ("The Wolf of the Cartel") che per filosofeggiare su etica, finanza ed amenità regolatorie come fa la stampa italiana. Il tema è stato affrontato più ragionevolmente, ad esempio, sul Financial Times lo scorso 20 maggio: la "manipolazione" sui cambi era costituita dalla "applicazione di 'forti mark-up' ai prezzi ...

    – Leonardo Baggiani

    Bce, a giugno i finanziamenti alle imprese

    FRANCOFORTE - Non solo la Banca centrale europea è «a suo agio» con l'idea di agire il mese prossimo per combattere la bassa inflazione nell'Eurozona, come ha

    – dal nostro corrispondente Alessandro Merli

    Inflazione «core» ai minimi storici

    LO SCENARIO - Sul nuovo rallentamento pesa il dato tedesco, calcolato con un diverso metodo Molti Paesi della periferia però sono già in deflazione

    – Alessandro Merli

    Non torna la voglia di rischiare

    Al netto di ritenuta fiscale e commissioni, il BoT semestrale ieri in asta ha pagato al risparmiatore uno striminzito 0,079%. «A questi livelli mi tengo tutto

    – di Isabella Bufacchi

1-10 di 31 risultati