Parole chiave

Tasso Bce

È il tasso di riferimento della Banca Centrale Europea (Bce). Rappresenta il tasso al quale la Bce concede prestiti alle banche operanti nell'Ue. Il suo valore non cambia giorno per giorno, come avviene per gli indici Euribor ed Eurirs, ma viene fissato dalla Bce in occasione delle sue periodiche riunioni mensili. È detto anche tasso refi, ovvero tasso per le operazioni di rifinanziamento.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Tassi Bce | Bce |

Ultime notizie su Tasso Bce

    Spread, il conto lo pagano solo i mutui nuovi

    L'estrema volatilità dello spread tra BTp e Bund (passato dai 120 punti di maggio ai 303 di ieri) avrà un impatto sulle rate dei mutuatari? Una domanda che è più che logico porsi in una fase di obiettiva pressione degli investitori nei confronti della carta italiana (i rendimenti dei BTp a 10 anni

    – di Vito Lops

    Mutui tasso fisso: cosa fare prima dei rialzi

    Buone notizie sul fronte tassi per chi vuol sottoscrivere un mutuo. L'ultimo meeting della Bce ha confermato un atteggiamento molto accomodante a pochi mesi dalla fine del quantitative easing e il termometro del costo dei prestiti segna la stabilità sul versante dei due principali indicatori,

    – di Andrea Gennai

    «Nuovo» Euribor: rischio per i mutui a tasso variabile

    Euribor è una parola che gli italiani continuano inevitabilmente ad accostare ai mutui variabili, che nonostante la spiccata preferenza accordata negli ultimi mesi ai prodotti a tasso fisso rappresentano pur sempre i due terzi dei prestiti immobiliari al momento in mano alle famiglie del nostro

    – di Maximilian Cellino

    Dai mutui ai CcT, un parametro che muove 180mila miliardi

    Parli di Euribor e alla gran parte degli italiani viene in mente subito il mutuo. Inevitabile, perché il tasso principale del mercato monetario serve per calcolare il valore delle rate della grande maggioranza dei prestiti immobiliari stipulati in Italia, quelli variabili. Vista in termini più

    – di Maximilian Cellino

    Dai mutui ai CcT, un parametro che muove 180mila miliardi

    Parli di Euribor e alla gran parte degli italiani viene in mente subito il mutuo. Inevitabile, perché il tasso principale del mercato monetario serve per calcolare il valore delle rate della grande maggioranza dei prestiti immobiliari stipulati in Italia, quelli variabili. Vista in termini più

    – Maximilian Cellino

    Inarcassa , crediti decotti per 800 milioni

    Oltre 800 milioni di crediti verso gli iscritti che in parte (209 milioni circa) probabilmente non saranno mai recuperati. La Corte dei conti ha pubblicato la relazione 2017 su Inarcassa, dedicata quest'anno al bilancio 2015 dell'ente di previdenza di architetti e ingegneri. Dal documento emerge

    – di Giuseppe Latour

    Mutui, ecco perché nove su dieci sono stati stipulati a tasso fisso

    Il mutuo a tasso fisso sta esercitando in questa fase uno strapotere sul panorama delle offerte. A marzo quasi 9 mutui su 10 (includendo anche le surroghe) è stato stipulato a tasso fisso. Mai così negli ultimi 10 anni il mutuo a tasso variabile è stato relegato nei bassifondi delle preferenze in

    – di Vito Lops

    Mutui, con la deflazione che cosa conviene tra il fisso e il variabile

    Si torna in deflazione. A febbraio sia in Italia che in Eurozona i prezzi dei beni e servizi sono diminuiti rispetto a gennaio e rispetto a febbraio dello scorso anno. A dimostrazione che la politica monetaria avviata dalla Bce lo scorso marzo - il cosiddetto quantitative easing, che potrebbe

    – Vito Lops

1-10 di 189 risultati