Parole chiave

Tassa Airbnb

L’emendamento prevede l’introduzione di una cedolare secca al 21% sugli affitti di appartamenti e strutture extralberghiere (per periodi inferiori ai 30 giorni) gestiti da intermediari immobiliari, portali on line come Booking e Airbnb compresi.

L’articolo 4 del Dl 50/2017, contenuto nella manovrina, entra in vigore dal primo giugno 2017.

Ultimo aggiornamento 01 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Cedolare secca | Camera dei deputati | Agenzia Entrate | Finanze |

Ultime notizie su Tassa Airbnb

    Dall'Europa una mano al Fisco nel braccio di ferro con Airbnb

    Autori di questo post sono Sergio Lombardi e Mikaela Hillerstrom, fondatori di Taxbnb.it e specializzati negli aspetti legali, fiscali ed amministrativi delle attività turistiche - Mentre l'opinione pubblica era monopolizzata dai negoziati sul Recovery Fund, è passata in secondo piano una notizia, che rappresenta probabilmente la mossa finale nella lunga partita fra Stati europei e piattaforme di e-commerce, che dura da oltre venti anni, considerando che la prima proposta di direttiva comunitar...

    – Econopoly

    Airbnb punta alla quotazione entro il 2020

    La società leader delle alternative agli alberghi tradizionali, valutata al momento 31 miliardi di dollari, ha annunciato sul proprio sito l'intenzione di effettuare un collocamento azionario iniziale "durante il 2020", pur senza fornire dettagli, né su date né su modalità

    – di Marco Valsania

    Fisco, nel mirino gli affitti brevi: nasce il «Grande fratello» anti evasione

    Il Fisco rincorre l'esplosione degli affitti brevi e cerca di mappare il fenomeno con strumenti nuovi. Presto gli uffici potranno accedere alla banca dati Alloggiati web della Polizia di Stato. L'agenzia delle Entrate, poi, userà queste informazioni per controllare come un "grande fratello" il rispetto degli adempimenti fiscali

    – di Michela Finizio e Riccardo Saporiti

    Affitto breve: gestione fai-da-te o tramite siti online e agenzie

    Negli ultimi anni sono in continuo aumento i proprietari che affittano un immobile per brevi periodi. Case in città d'arte, al mare o in montagna: alloggi che possono diventare una fonte di reddito. La locazione breve, però, non ha per forza una vocazione turistica, perché una durata non superiore

    – di Marco Panzarella, Matteo Rezzonico

    Affitti brevi, Airbnb verso l'esonero dal pagamento della cedolare secca

    Airbnb Ireland (la "casa madre" per l'Europa) offre servizi «immateriali» e non è quindi assoggettabile alla disciplina sugli agenti immobiliari contenuta nella stringente "legge Hoguet" che regola questa attività in Francia. Le conclusioni dell'avvocato generale della Corte di Giustizia Ue nella

    – di Saverio Fossati

    Flop tassa Airbnb, il ministro Centinaio promette: «Basta praterie, si cambia»

    Il gettito atteso per il 2017 era di 83 milioni, ma nella casse pubbliche ne sono entrati soltanto 19. Il primo anno della tassa Airbnb può sicuramente considerarsi un flop. E così il nuovo ministro del Turismo e delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio ha annunciato di voler correre subito ai

    – di Marzio Bartoloni

    Dal 730 al nuovo modello Redditi: così si dichiarano gli affitti brevi

    I modelli dichiarativi del 2018 sono pronti ad accogliere anche le novità arrivate nel corso del 2017 e che riguardano gli affitti brevi. Il Dl 50/17 - seguito dalla circolare 24/E delle Entrate - ha ridisegnato il perimetro del regime fiscale: con modifiche che interessano i proprietari, gli

    – di Dario Aquaro

    Rete senza regole, ci provano le Autorità

    Come una bicicletta che insegue un'auto da Formula 1. Tra le regole e l'innovazione dei mercati la corsa si fa sempre più impari, l'intervento normativo - quando si ritiene sia necessario - si rivela più complesso del previsto (vedi Web tax) o non può che essere parziale (vedi Fintech) e

    – di Carmine Fotina

    Web e tasse / La ritenuta sugli affitti brevi

    Gli affitti brevi gestiti tramite portali sono il primo settore della sharing economy per il quale l'Italia ha dettato una disciplina ad hoc, in realtà applicabile anche agli agenti immobiliari tradizionali. E' la cosiddetta "tassa Airbnb" (Dl 50/2017), che è in effetti una ritenuta del 21%

1-10 di 56 risultati