Parole chiave

Tapering

Con il termine tapering si fa riferimento al processo di rallentamento del ritmo di acquisti mensile dei titoli di Stato (noto come Quantitative easing) da parte di una banca centrale. La parola Tapering è stata utilizzata per la prima volta nel 2013 dall'allora numero uno della Federal Reserve, Ben Bernanke, quando decise di alleggerire la fase di QE. Il termine Tapering non deve essere confuso con il “Tightening”, parola che invece sta a indicare un restringimento delle condizioni di politica monetaria, solitamente attraverso un aumento graduale dei tassi di interesse.

Ultimo aggiornamento 30 novembre 2017

Ultime notizie su Tapering

    Banche centrali di nuovo antidoto al rallentamento dell'economia

    Negli ultimi tempi le curve dei rendimenti di molte economie avanzate hanno cambiato forma spostandosi verso il basso, riducendo la loro volatilità e la loro pendenza fino ad appiattirsi se non addirittura invertirsi con tassi d'interesse a breve superiori a quelli a lunga scadenza. Tra i fattori

    – di Marcello Minenna

    Quanti rischi nel 2019. Ecco 10 ragioni per mettere al sicuro i nostri soldi

    L'anno in corso è di difficile previsione. Nel 2019, nel mondo: 1) i fondamentali macroeconomici rimarranno deboli. Per i mercati, i rischi sono più alti che nel 2018. I fattori di rischio più importanti - che potrebbero creare dislocazioni di mercato, quali una correzione, un ribasso ("bear market"), o addirittura un crollo ("market crash")[iv] - sono: 1) il combinato congiunto di: i) una decelerazione della crescita (e di conseguenza, del fatturato e degli utili societari); accompagnata da: ...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    I vent'anni di tassi a zero del Giappone, ultimo nell'exit strategy

    I predicatori medievali ne sarebbero stati entusiasti: il denaro, "sterco del diavolo", non doveva generare altro denaro e ogni interesse concesso era da considerare usura, proibita da un passo del Vangelo di Marco. Sono passati vent'anni da quando la Banca del Giappone (BoJ) introdusse un grande

    – di Stefano Carrer

    Il tentativo della Fed di smontare il Qe potrebbe essere già finito

    I bilanci enormemente gonfiati delle banche centrali sono rimasti come ultima eredità della grande crisi, una sorta di "cicatrice" finanziaria per l'economia mondiale. Approfittando della fase positiva del ciclo economico, dal 2017 tutte le maggiori istituzioni monetarie hanno cercato di avviare

    – di Marcello Minenna

    Perché la fine del Quantitative Easing farà bene all'Italia

    Sono in pochi a riconoscere che il piano prospettato da Mario Draghi di concludere il Quantitative Easing (QE) a dicembre sia un'ottima notizia per l'Italia e per il mercato azionario italiano. Contrariamente a quanto si pensi, il QE non fa bene e la sua cessazione avrà risvolti postivi. Vediamo

    – di Ken Fisher

    Borse, rimbalzo fallito. A Milano bene le banche ma crolla Ferragamo

    Dopo una mattinata brillante le Borse europee ripiegano e falliscono il rimbalzo: complice anche l'apertura debole di Wall Street archiviano la seduta contrastate con Milano che recupera comunque lo 0,16%. Terminano sopra la parità anche Francoforte e Parigi. Dal meeting dei banchieri centrali a

    – di Cheo Condina

    Mutui, perché la fine del Qe non danneggerà i prestiti alle famiglie

    Una Bce più colomba del previsto (difatti ha allungato a dicembre la scadenza del quantitative easing, proiettando uno scenario di tassi invariati almeno fino all'estate 2019 e in ogni caso bassi a lungo) tocca da vicino anche i portafogli di risparmiatori e mutuatari. Del resto, che la decisione

    – di Maximilian Cellino e Vito Lops

1-10 di 898 risultati