Parole chiave

Sovra (sotto) pesare

La scelta di investire in un titolo è guidata da molti fattori: stato di salute e prospettive di chi l'ha emesso sono solo due tra tanti. Dipende dal mandato che ha il gestore: l'investitore che non può usre titoli con rating basso non prende posizioni speculative, anche se positive nel futuro. Altri hanno vincoli di portafoglio in base alla geografia degli emittenti: i fondi pensione italiani non possono investire in Paesi emergenti. Altri istituzionali scartano titoli dalla volatilità accentuata. Fattori che possono tradursi in limiti quantitati, assegnando maggiore o minore peso in portafoglio ai titoli che invece rispettano i criteri. Scelte che possono creare una spirale: se molti vendono un titolo, anche altri investitori tenderanno a farlo, nonostante il suo valore.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Sovra (sotto) pesare

    Quel connubio tra tecnologia e finanza che scuote i listini

    La fine dell'anno è sempre il momento per tirare le somme dell'andamento dell'anno intero. L'andamento del mercato azionario nell'anno che si sta chiudendo non è stato di certo positivo, dopo periodi prolungati in cui il bilancio è stato di tutt'altro tenore. Il risultato è di certo frutto di

    – di Marco Giorgino

    Milano «resiste» (-0,4%) allo stallo politico, Mediaset ko. Spread a 136

    Chiusura in negativo ma lontana dai minimi intraday, e soprattutto dai valori di apertura (segui qui i principali listini) per Piazza Affari all'indomani delle elezioni politiche che hanno visto la netta affermazione del movimento 5 Stelle come primo partito del paese.

    – di C. Poggi ed E Micheli

    La Fed ha mantenuto le promesse, ma adesso quale direzione prenderanno le Borse?

    I mercati non sono poi così complicati. Possono percorrere solo tre strade: salire, scendere o fare un misto di entrambe le cose in un trend che viene definito laterale. Nel 2015 hanno seguito prima un trend rialzista. Dopodiché, da maggio in poi, il trend si è trasformato in "laterale". I listini

    – Vito Lops

    Con il calo del prezzo del petrolio l'Italia guadagna 14 miliardi

    Il calo del costo del petrolio (oltre un terzo nell'arco di alcune settimane) rappresenta per l'Italia un guadagno di 14 miliardi annui. E' la stima del Centro Studi Confindustria, contenuta nel rapporto di dicembre «Il rebus della ripresa». «Il Centro studi Confindustria l'impatto della violenta caduta delle quotazioni del greggio e' dello 0,3% sul Pil italiano 2015 e un altro +0,5% nel 2016. Secondo il Csc, l'impatto del petrolio sommato a quelli del cambio e del commercio mondiale, aggiunge a...

    – Vito Lops

    Siu-Kee Chan: «Preferisco Usa e Giappone»

    «Abbiamo costruito un portafoglio prudente per un investitore avverso al rischio, che abbia un orizzonte temporale di 12-24 mesi - spiega Siu-Kee Chan, gestore

    – di Marzia Redaelli