Parole chiave

Soft power

Soft power è un termine originariamente coniato da Joseph Nye, professore all'Università di Harvard con riferimento alla capacità di una nazione di influenzare i comportamenti di altri Paesi attraendo e persuadendo ad adottare i propri obiettivi. In contrapposizione all’hard power (il potere militare) risulta essere un’influenza che include cultura, diplomazia e naturalmente economia: aiuti esteri, commercio, investimenti.

Ultimo aggiornamento 03 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Soft power | Harvard | Joseph Nye |

Ultime notizie su Soft power

    L'irresistibile ascesa economica della Cina post-imperialista

    Al World Economic Forum, il presidente cinese Xi Jinping ha ribadito, come già affermò a Davos nel 2017, la irreversibilità della globalizzazione e la volontà di Pechino di diventarne leader incontrastata attraverso un multilateralismo inclusivo, in netta contrapposizione al progetto di America

    – di Giuseppe Di Taranto

    Un nuovo concerto delle nazioni

    Alla fine di marzo la Cina aveva prodotto 225 milioni di dosi di vaccino anti-Covid, metà delle quali esportate; la Russia 14 milioni, il 31% all'estero; gli Stati Uniti 164 milioni e solo il 4% date ai confinanti Canada e Messico. I vaccini della Gran Bretagna sono stati tutti impiegati per uso domestico. Perché queste grandi differenze? In fondo l'incapacità americana di guidare la campagna globale contro la pandemia è stata forse il segno più drammatico della crisi del suo potere globale, fi...

    – Ugo Tramballi

    Un politecnico per la difesa dell'europa

    Lo scenario internazionale dopo Trump lascia confidare in un nuovo e meno convulso assetto dei rapporti fra le nazioni. Se il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha subito riaffermato l'attaccamento alle alleanze e al multilateralismo, certo la crescita e le ambizioni di Pechino rimarranno al

    – di Gustavo Ghidini e Ferdinando Salleo

    L'agroindustria che resiste tra faglie e filiere

    Per trovare una tessitura economico-sociale che tiene assieme il "largo nord" con "il lungo mezzogiorno" occorre volgere lo sguardo alle filiere agricole che si fanno agroidustria. Parliamo di un settore che dal "campo alla tavola", compresa la distribuzione, vale l'11% del valore aggiunto della

    – di Aldo Bonomi

    Sull'Everest, e di corsa!

    Scott Ellsworth ripercorre le conquiste himalayane, quando piantare la bandiera per primi voleva dire aumentare il peso sulla scena internazionale

    – di Maria Luisa Colledani

1-10 di 240 risultati