Parole chiave

Social engineering

Il social engineering è il buon vecchio trucco di contattare l'interlocutore in modo diretto – telefonicamente, via mail o di persona – per entrare in confidenza e far scoprire immaginarie conoscenze comuni di fatti e persone, fino a ottenere informazioni riservate che lo sventurato ritiene il suo interlocutore conosca già in ragione di una sedicente mansione d'ufficio o posizione istituzionale: è la tecnica utilizzata dal mitico Frank Abagnale jr, il truffatore che ha ispirato il film «Prova a prendermi».

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Social engineering | Frank Abagnale |

Ultime notizie su Social engineering

    L'anno terribile del cybercrime: quanto costa e come uscirne

    Post di Bruno Paneghini, presidente e amministratore delegato di Reti S.p.A. -  In questo ultimo anno l'ecosistema digitale è stato lo scenario di innumerevoli attacchi informatici in ogni angolo del tessuto non soltanto aziendale ma anche pubblico e sociale. Ogni giorno, infatti, assistiamo a casi clamorosi che testimoniano come questo fenomeno stia raggiungendo dimensioni sempre più rilevanti e impattanti a livello economico. ll rapporto Clusit di marzo 2021 definisce il 2020 come l'anno peg...

    – Econopoly

    Le aziende del Sud più esposte al cybercrime

    Le aziende del Mezzogiorno sono particolarmente esposte agli attacchi dei cyber criminali. Più delle aziende collocate in altre aree del Paese. Uno studio di Swascan, cyber security company innovativa nata da un'idea di Pierguido Iezzi e Raoul Chiesa e oggi parte di Tinexta Cyber, rivela punto per

    – di Nino Amadore

    Incentivi e sgravi fiscali che servono alle Pmi per resistere agli attacchi

    Il costo medio per un'azienda vittima di un violazione ha raggiunto la cifra record di 4,24 milioni di dollari con una crescita del 10% nel giro di dodici mesi. Il dato emerge da una ricerca commissionata da IBM su un campione di 500 aziende e resa nota a fine luglio di quest'anno.

    – di Alessandro Curioni

    Cybersecurity, tutto quello che i CEO non hanno mai osato chiedere

    Le recenti notizie sugli attacchi cybercrime subìti dalla Regione Lazio, ERG, Salini, e in queste ore anche da Accenture ci ricordano, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto abbiamo ancora da fare, quando si parla di cybersecurity. Dobbiamo partire dall'assunto di base che nessun sistema informatico è al sicuro. Siamo tutti indifesi e vulnerabili agli attacchi del cybercrime: tutti noi rischiamo, ogni giorno, di perdere dati importanti e sensibili della nostra azienda, dei nostri clienti, de...

    – Emiliano Pecis

    Il salto di qualità nelle cyberwar ne chiede uno per contrastarle

    Tanto tuonò che infine piovve. Questa la sintesi della situazione attuale, se osservata dal punto di vista della cybersecurity. Come si poteva facilmente prevedere, stiamo assistendo a una crescita vertiginosa in termini quantitativi e qualitativi degli attacchi informatici. La combinazione di un

    – di Alessandro Curioni

    #PeopleCaring: costruire il nuovo spazio digitale. Una Conversazione con Silvia Candiani (Microsoft Italia), Demetrio Migliorati (Mediolanum), Aurelio Mora (DHL) e Giangaddo Prati (Barilla).

    Nel febbraio 2020 il mondo è stato catapultato in una realtà  fantascientifica: la diffusione repentina e ampia del virus Covid-19 si è riversata con effetti dirompenti sul tessuto economico e sociale, mettendo le organizzazioni di fronte a una serie impressionante di nuove sfide.?? Se da un lato la contingenza ha sicuramente accelerato processi di innovazione già in atto nel mondo del lavoro e ha forzato alcune convinzioni consolidate, dall'altro il cambiamento innescato ad alcuni è parso "mome...

    – Marco Minghetti

    Profili LinkedIn in vendita online, ora gli utenti devono diffidare anche dai propri colleghi di lavoro

    E' LinkedIn l'ultimo bersaglio colpito dai pirati informatici, che sono riusciti ad appropriarsi di un enorme archivio di dati personali di circa 500 milioni di utenti del social network professionale per eccellenza, i quali sono stati loro malgrado trattati come merce svenduta a prezzi di saldo su un popolare forum di hacking. Anche se la vendita online dell'imponente database viene negoziata dai criminali per un corrispettivo pari a circa 1.500 euro, è infatti possibile comprare anche un "ca...

    – Nicola Bernardi

1-10 di 58 risultati