Parole chiave

Saldo migratorio netto

Il saldo migratorio netto è dato dalla differenza, in un dato periodo, tra immigrati registrati ed emigrati registrati della stessa nazionalità. La differenza nello stock presso l'apposito Registro centrale degli immigrati, comprende, oltre al saldo netto della migrazione, il saldo naturale della popolazione della data nazionalità (dovuto a nascite e morti sul territorio del Paese) e anche le uscite dal Registro dovute alle naturalizzazioni. In Germania nell'ultimi anni la differenza nello stock di immigrati registrati è aumentata

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Immigrazione | Saldo naturale |

Ultime notizie su Saldo migratorio netto

    Fase 2, visite ai parenti e famiglie allargate. Proviamo a fare due conti per capire se è stata una scelta saggia

    Fase2 amici - Il Sole 24 Ore - Cristina Da Rold Infogram Una questione che ci si sta ponendo con la fase 2 riguarda la logica con la quale è stato deciso chi (non quante persone!) ognuno di noi può visitare. Stando a ciò che è stato dichiarato dal Governo, sì a parenti, anziani inclusi, sì a non meglio precisati "affetti stabili", no ad amici. Ci poniamo due domande. La prima: ci chiediamo se la scelta di permettere ai parenti di visitare gli anziani, senza porre dei limiti nel numero di nucle...

    – Infodata

    Fase 2, siamo sicuri che sdoganare le visite ai parenti soltanto sia la scelta più saggia? Qualche dato

    Fase2 amici - Il Sole 24 Ore - Cristina Da Rold Infogram Una questione che ci si sta ponendo con la fase 2 riguarda la logica con la quale è stato deciso chi (non quante persone!) ognuno di noi può visitare. Stando a ciò che è stato dichiarato dal Governo, sì a parenti, anziani inclusi, sì a non meglio precisati "affetti stabili", no ad amici. Ci poniamo due domande. La prima: ci chiediamo se la scelta di permettere ai parenti di visitare gli anziani, senza porre dei limiti nel numero di nucle...

    – Cristina Da Rold

    Pensioni, sussidi, emigrazione: qual è il futuro del lavoro in Italia?

    L'ultima relazione annuale di Bankitalia ci consente di raccogliere parecchie informazioni su una delle due gambe che consentono al mercato del lavoro di camminare, ossia l'offerta di lavoro. Quindi la quantità (e la qualità) dei lavoratori che offrono i propri servizi nella speranza di incontrare una domanda da parte delle imprese. E' evidente che un'offerta carente è problematica quanto una domanda carente. Perciò è importante che un'economia disponga di un'offerta di lavoro adeguata, oltre ad ...

    – Maurizio Sgroi

    Studenti in fuga dal Sud. Soffrono Pil e consumi

    Tutto si può dire agli universitari italiani. Tranne che non siano mobili. Sia all'esterno, come testimonia un recente studio dell'Ocse che ci colloca tra i paesi maggiormente esportatori di studenti. Sia all'interno, sebbene esclusivamente lungo l'asse Sud-Nord, come conferma una ricerca

    – di Eugenio Bruno

    L'Italia non può crescere davvero se il Sud non accelera. Analisi e soluzione

    Nel suo ultimo libro e di Emanuele Felice[3], si può ragionare sul ruolo delle istituzioni politiche ed economiche nel favorire (o nell'ostacolare nel caso delle istituzioni estrattive) i processi di cambiamento in aree storicamente meno prospere. Per fare ciò servirebbe un doppio livello di intervento, centrale e locale, perché sappiamo bene come non sia sufficiente il primo, ma non possiamo pensare che il secondo possa farcela da solo, considerati gli atavici problemi che si porta dietro. Un ...

    – Francesco Bruno

    Lo ius soli è morto, viva lo ius soli. L'obiettivo è l'integrazione (servono nuovi Traiano)

    Il caso è noto.  Il 6 marzo 2013, Singh Jatinder - indiano sikh immigrato in Italia nel 2010 - viene fermato dalla polizia davanti alla scuola elementare di Goito (Mantova). Alla cintola ha un pugnale di 18,5 centimetri, il kirpan (coltello sacro). All'intimazione di consegnare l'arma, oppone resistenza. Secondo lui, sta adempiendo ai precetti della sua fede. Secondo la polizia, sta creando un problema di ordine pubblico. La vicenda finisce in Corte di Cassazione, la cui sentenza (più o meno il ...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    Scopri le regioni dove nascono più bambini (e dove l'indice di mortalità è più alto)

    Sono 509 mila le nascite nel 2014, cinquemila in meno rispetto al 2013, il livello minimo dall'Unità d'Italia. I morti sono 597 mila unità, circa quattromila in meno dell'anno precedente. Il saldo è in negativo, come registra il nuovo rapporto Istat. Che va anche più nel dettaglio: il numero medio di figli per donna è pari a 1,39, come nel 2013. L'età media al parto sale a 31,5 anni. Calano le nascite da madri sia italiane sia straniere, con le prime che nel 2014 procreano 1,31 figli contro 1,...

    – Luca Tremolada

1-10 di 12 risultati