Parole chiave

Salario minimo

Il Jobs act conteneva nove deleghe al governo. Fin qui ne sono state esercitate otto, lasciando l’ultima in stand by, in attesa di un accordo tra le parti sociali sulla riforma dei contratti. La delega votata dal Parlamento prevede l’introduzione in via sperimentale del compenso orario minimo legale applicabile ai rapporti di lavoro subordinato, alle collaborazioni coordinate e continuative (fino alla loro scadenza) nei settori non regolati dai contratti collettivi nazionali sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Che prima dell’intervento legislativo del governo, però, devono essere consultate.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Datore di lavoro |

Ultime notizie su Salario minimo

    Centrosinistra: i dilemmi del modello europeo

    I partiti socialdemocratici (che noi chiameremmo di centro-sinistra) sono in ripresa in diversi Paesi europei. Il 14 ottobre scorso, il leader laburista Jonas Gahr Støre è divenuto premier della Norvegia, il prossimo dicembre il leader socialdemocratico Olaf Scholz diventerà cancelliere della

    – di Sergio Fabbrini

    L'inflazione è passeggera? purtroppo

    L'inflazione danneggia i portafogli degli americani, ribaltarne il trend è per me una priorità" ha tuonato Biden dopo lo spunto sopra il 5% dell'inflazione americana.E' sempre più frequente leggere frasi che non possono non far pensare a Keynes e al suo "gli uomini pratici, che si ritengono

    – di Bernaldo Bertoldi

    La svolta ultra-statalista del Cancelliere Sunak

    L'inversione di rotta ideologica di 180 gradi dei conservatori alla Boris Johnson - potremmo chiamarli i New Tory, in simpatia con il defunto New Labour? - è completa. Il partito delle privatizzazioni, dello Stato leggerissimo, del primato del privato sul pubblico che ha fatto scuola per due decenni in Europa, ha gettato definitivamente alle ortiche convinzioni secolari, confermando con l'ultima finanziaria dedicata ai capitoli di spesa (spending review) una manovra di aumento delle tasse e dell...

    – Marco Niada

    Perché è particolarmente importante il Nobel all'economia di quest'anno

    David Card, Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens sono i vincitori del premio Nobel per l'economia del 2021, un riconoscimento che risulta tanto meritato quanto atteso. A Card, professore presso l'Università della California Berkeley, va il premio per "i suoi studi empirici sull'economia del lavoro", mentre ad Angrist (Mit) e Imbens (Stanford) è stato attribuito per "i loro contributi metodologici all'analisi delle relazioni causali". Qual è l'effetto dell'immigrazione sul salario e sull'occupaz...

    – Tortuga

    Il Nobel per l'economia ha contribuito (anche) all'analisi del gender gap

    Il premio Nobel per l'Economia 2021 è stato assegnato a David Card (per l'analisi degli effetti del salario minimo, dell'immigrazione e dell'istruzione sul mercato del lavoro) e, congiuntamente, a Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens (per i loro apporti metodologici all'analisi delle relazione di causa ed effetto, secondo cui è possibile rispondere alle domande sulla causazione utilizzando gli esperimenti naturali). Il primo dei tre (David Card) ha anche contribuito all'analisi e alla comprensio...

    – Eleonora Maglia

    Salari minimi, biciclette e volontari per capire le relazioni causa-effetto

    L'economia non è una scienza sperimentale, ma ovviamente si interessa anch'essa alle relazioni di casualità a partire da esperienze di varia natura. In particolare tra le decisioni di politica pubblica (come l'aumento del salario minimo) e le situazioni contingenti (come la data di nascita e

    – di Andrea Goldstein

1-10 di 1190 risultati