Parole chiave

Safe Harbor

«Safe Harbor» (Porto sicuro), è l’accordo tra Unione Europa e Stati Uniti che per anni ha consentito alle imprese americane di conservare i dati personali degli utenti europei sia nella Ue che negli Usa. L’accordo attuava la direttiva Ue 95/46 entrata in vigore nell’ottobre 1998 sulla protezione dei dati personali e riguardava le società che immagazzinano i dati dei clienti, in particolare - ma non solo - social network, siti di vendite online e motori di ricerca.

Ultimo aggiornamento 26 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Internet | Dato personale | Unione Europea | Stati Uniti d'America | Unione Europa |

Ultime notizie su Safe Harbor

    Perché sul privacy shield serve una soluzione urgente

    L'invalidazione del Privacy Shield da parte della Corte di Giustizia (CJEU) (vd. Sole24Ore di Venerdì 17 luglio) cancella uno dei principali strumenti che legittimavano il trasferimento di dati personali verso gli Usa e mette a rischio i flussi tra l'Unione e il resto del mondo. Ai giudici

    – di Andrea Fedi e Lucio Scudiero

    Privacy: un Davide ha vinto contro un Golia lasciando le imprese nel guado e nell'opacità della deglobalizzazione del commercio e della cultura - La voce delle pmi tedesche

    Il punto di vista di due associazione dell'It e pmi tedesche sulla sentenza della Corte di Giustizia Europea sullo scudo per la privacy, che pubblicherò qu in calce nei prossimi giorni, e l'articolo sotto sono intesi come contributi per una Europa migliore - per tutti. Lo "scudo" tra Unione Europea e Stati Uniti appena invalidato dalla Corte di Giustizia era un meccanismo utilizzato da più di 5.300 aziende negli scambi transatlantici per garantire che negli Usa chi riceveva dati di individui e...

    – Guiomar Parada

    Tre proposte di legge sulla Blockchain

    Il Deputato degli Stati Uniti Tom Emmer vuole supportare lo sviluppo e l'uso della tecnologia blockchain e delle criptovalute. A tal fine, il deputato USA ha annunciato  in questa settimana la presentazione di tre proposte di legge al Congresso incentrate sulla blockchain. I disegni di legge affrontano lo sviluppo, la regolamentazione dei miners e le tasse legate alla criptovaluta. Le proposte  hanno lo scopo di fornire supporto alla nascente industria, fornendo essenzialmente agli sviluppa...

    – Fulvio Sarzana

    Copyright e cultura della responsabilità

    Il giorno prima del voto in Commissione affari legali sulla direttiva diritto d'autore, un carosello di camion-vela faceva girotondo su Place du Luxembourg, di fronte l'entrata principale del Parlamento di Bruxelles. Su uno si leggeva: «Caro relatore, come puoi ignorare l'appello di 1.200 piccoli

    – di Piero Attanasio

    Bernabè: impossibile limitare i big

    «L'attacco informatico globale di metà maggio? Non è il primo e, purtroppo, non sarà l'ultimo. E con lo sviluppo dell'Internet delle cose le insidie saranno ancora maggiori». Franco Bernabè è un esperto in materia perché negli ultimi anni ha lavorato in settori dove queste tematiche sono all'ordine

    – di Antonella Olivieri

    Cloud object storage, un modo sicuro di proteggere i dati

    Il cloud object storage è basato sul modello Infrastructure as a Service (IaaS) e organizza i dati in oggetti, valicando i limiti imposti dai file system a blocchi. Ha una struttura che si fa carico di controllare la consistenza e la sicurezza dei file prima di archiviarli, garantendo inoltre il principio di invariabilità che rende i dati sempre disponibili, a prescindere dagli aggiornamenti dei software che li generano o che li leggono. Non da ultimo permette la governance, gestendo gli accessi...

    – Giuditta Mosca

1-10 di 34 risultati