Parole chiave

Rosatellum

Il Rosatellum (dal nome di Ettore Rosato, capogruppo Pd alla Camera ) è il nuovo sistema di voto approvato a Montecitorio che ora dovrà essere votata anche dal Senato. Se dovesse avere l’ok anche da Palazzo Madama, introdurrà in Italia un sistema elettorale proporzionale con una quota di maggioritario, ottenuta attraverso la reintroduzione dei collegi uninominali (232 su 630 alla Camera e 116 su 315 al Senato)

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2017

Ultime notizie su Rosatellum

    Il Pd e la coalizione che non c'è: la sinistra si frantuma in 4 (o 5)

    Paolo Gentiloni, presentando mercoledì scorso a Roma il suo libro "La sfida impopulista" assieme al fondatore del Pd Walter Veltroni, lo ha detto chiaramente: il Pd da solo non basta più, occorre una nuova alleanza, ma i possibili futuri alleati dei dem ancora non ci sono. Un'alleanza con chi

    – di Emilia Patta

    Quale riformismo dopo Renzi? Un confronto fin troppo rimandato

    Con le dimissioni formali dalla segreteria del Pd del "traghettatore" Maurizio Martina inizia il percorso congressuale che porterà, probabilmente a metà febbraio, ad eleggere il successore di Matteo Renzi con il rito delle primarie aperte agli elettori. Dopo quasi otto mesi dalla storica sconfitta

    – di Emilia Patta

    Più elette in parlamento e Regioni ma il governo è un affare di uomini

    Il bicchiere mezzo pieno racconta un'Italia in cui per la prima volta è donna un parlamentare su tre nonché la presidente del Senato, ovvero la seconda carica dello Stato. Il bicchiere mezzo vuoto dice il resto: su oltre 1.500 incarichi di ministro in 65 differenti governi, le donne ne hanno

    – di Manuela Perrone

    Renzi: se si vota presto il nostro leader sarà Gentiloni

    «Tendenzialmente» sarà Gentiloni, «specie se si voterà presto». Matteo Renzi, a Di Martedì su La7, prende posizione su chi sarà il leader del centrosinistra alle elezioni. Unica avvertenza, che a dire l'ultima parola sulla guida del fronte sarà il premier ora in carica per gli affari correnti («non

    – di Nicola Barone

    Nodo firme e votanti all'estero, ecco tutti gli intoppi del voto a luglio

    Il voto a luglio - domenica 8 o 22 che sia - comincia a far paura ai partiti. Lo sconsiglia in primo luogo il rischio astensionismo, messo in evidenza dallo stesso capo dello Stato. Ma lo rendono poco praticabile anche una serie di intoppi procedurali legati all'indizione delle elezioni:

    – di Mariolina Sesto

    Dalla finanziaria alla legge elettorale: cosa potrebbe fare un governo di tregua

    L'ipotesi più gettonata al momento come possibile sbocco della crisi per la formazione del governo è un esecutivo «di tregua». Un'iniziativa che potrebbe prendere il presidente della Repubblica, incaricando un premier terzo da lui scelto. Ma quali obiettivi avrebbe un governo siffatto? La priorità

    – di Mariolina Sesto

    Ora Grillo rilancia il referendum sull'euro. Di Maio: «Su Ue linea resta uguale»

    «Ho proposto un referendum per la zona euro. Voglio che il popolo italiano si esprima. Il popolo è d'accordo? C'è un piano B? Bisogna uscire o no dall'Europa?». E' quanto afferma il garante del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, in un'intervista pubblicata oggi dal nuovo mensile francese "Putsch"

    – di V.N.

    Resa dei conti su Facebook tra renziani e sostenitori minoranza Pd

    I toni sono già accesi. Le distanze all'interno del Pd tra dialoghisti e fautori di una linea di netta chiusura a qualsiasi forma di intesa con i Cinque Stelle, tra la cosiddetta minoranza e i renziani, sono emerse già su Facebook. E rapppresentano un termometro utile a capire quali siano gli umori

    – di Andrea Carli

1-10 di 189 risultati