Parole chiave

Roam like at home

Da giugno 2017 le norme Ue consentono di usare il cellulare – per chiamate, sms e uso di traffico dati – all’estero in qualsiasi altro Paese dell’Unione senza dover pagare tariffe aggiuntive di roaming, pagando lo stesso prezzo che verrebbe applicato nel proprio Paese. Tuttavia, se si usa il cellulare all’estero in modo permanente l’operatore potrebbe applicare delle tariffe aggiuntive di roaming, con dei massimali.

Ultimo aggiornamento 03 febbraio 2018

Ultime notizie su Roam like at home

    Roaming, telefonare in Europa costerà al massimo 19 centesimi al minuto

    Un tassello in più che aumentare la trasparenza e rendere meno caro il costo della telefonia per i consumatori. Il Parlamento europeo ha approvato oggi, 14 novembre, a Strasburgo, a larga maggioranza, il pacchetto tlc. I punti essenziali sono questi: un tetto massimo alle tariffe per chiamate

    – di Roberto Da Rin

    Roaming, meno stress per chi viaggia nella Ue

    Per chi viaggia all'interno della Ue l'uso del cellulare è diventato meno stressante da quando sono entrate in vigore le norme comunitarie sull'abolizione del roaming, o "roam like at home". Da giugno 2017, infatti, in tutto il territorio dell'Unione si può usare il proprio smartphone per

    – di - G.G.F.

    Roaming, richiamo di Agcom a Tim e Vodafone

    Dall'Autorità garante delle comunicazioni (Agcom) è arrivato un richiamo formale per Tim e Vodafone perché diano «piena attuazione» alla normativa Ue chiamata "Roam Like At Home" che prevede l'eliminazione di sovrapprezzi su sms, chiamate e navigazione sul web quando ci si trova all'estero. L'Agcom

    – di Andrea Biondi

    Agcom diffida Tim e Wind sulle tariffe per il roaming

    Per Tim e Wind arriva la reprimenda di Agcom in materia di roaming. L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha diffidato (con provvedimento di cui è relatore Antonio Nicita) gli operatori di telefonia mobile Tim e Wind al rispetto delle disposizioni sul roaming internazionale all'interno

    – Andrea Biondi

    I regolatori europei (Berec) bocciano la fine del roaming. IL DOCUMENTO

    La fine del roaming non è al momento "sostenibile o fattibile in pratica". Troppe differenze fra gli operatori, ma anche troppe differenze fra le abitudini di consumo rendono sostanzialmente insostenibile o quantomeno sconveniente puntare allo stop delle maggiorazioni. La doccia fredda per uno dei punti fondanti del pacchetto single market arriva da uno studio del Berec, l'organismo che riunisce i  regolatori europei. Qui lo studio completo Alla fine, quel che si legge anche tra le righe dell'...

    – Andrea Biondi