Parole chiave

Risarcimento

Accertato il demansionamento e fornita la prova del danno subito dal lavoratore, occorre procedere alla liquidazione dello stesso. Incidono: il tipo di attività pregressa svolta dal lavoratore e la professionalità acquisita, la durata e la gravità del demansionamento, la tempestività con la quale il lavoratore ha reagito, nonché tutte le altre circostanze del caso concreto. La giurisprudenza ha ribadito in diverse occasioni che il diritto del lavoratore al risarcimento del danno non patrimoniale non può prescindere da una specifica allegazione sulla natura e sulle caratteristiche del pregiudizio; mentre il risarcimento del danno biologico è subordinato all'esistenza di una lesione dell'integrità psico-fisica medicalmente accertabile, il danno esistenziale va dimostrato in giudizio con tutti i mezzi consentiti dall'ordinamento, anche per presunzioni, con la complessiva valutazione di precisi elementi quali le caratteristiche, la durata, la gravità, la conoscibilità della dequalificazione, la frustrazione di precisate e ragionevoli aspettative di carriera, gli effetti negativi sulle abitudini di vita (tra le ultime, Cassazione 19 dicembre 2008, n. 29832).

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Giustizia | Lavoratore | Risarcimento |

Ultime notizie su Risarcimento

    Superbonus 110%, le tre "bollinature" dei tecnici per ottenere la detrazione

    O asseverazione sul possesso di adeguata polizza assicurativa, in base all'articolo 119 comma 14 del Dl 34/20: polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni e, comunque, non inferiore a 500mila euro, al fine di garantire ai propri clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni eventualmente provocati...

    – di Andrea Barocci

    Mediaset, anche l'Olanda boccia il piano MFE. Ora lo scontro con Vivendi passa dall'Ue

    Nelle lettere avvenuto tra Vivendi e Mediaset in estate, il gruppo francese ha dichiarato la propria disponibilità a sostenere un nuovo progetto MFE se modificato dei nodi contestati su governance e azioni speciali, ma Cologno Monzese chiede un risarcimento danni per l'ostruzionismo di Vivendi e per le cause relative al disaccordo del 2016 su Premium prima di ragionare su qualsiasi percorso condiviso.

    – di Andrea Fontana

    Mediaset, il tribunale di Amsterdam dà ragione a Vivendi. Titolo in calo

    Nello scambio di lettere avvenuto tra Vivendi e Mediaset in estate, il gruppo francese ha dichiarato la propria disponibilità a sostenere un nuovo progetto MFE se modificato dei nodi contestati su governance e azioni speciali, ma Cologno Monzese chiede un risarcimento danni per l'ostruzionismo di Vivendi e per le cause relative al disaccordo del 2016 su Premium prima di ragionare su qualsiasi percorso condiviso.

    – di Andrea Fontana

    Voli aerei cancellati e destinazioni vietate: ecco le tutele per i passeggeri

    In caso di semplice ritardo, invece, la compensazione è dovuta solo se la partenza è rinviata di almeno tre ore; in questo caso il risarcimento varierà da 250 a 600 euro a seconda della lunghezza della tratta e alle caratteristiche del volo, intra o extracomunitario.

    – di Marta Casadei e Maurizio Di Rocco

1-10 di 5008 risultati