Parole chiave

Rifinanziamento

Il rifinanziamento consiste nell’aprire un tavolo di trattative con le banche finanziatrici per spalmare in più anni il debito residuo, dunque allungare le scadenze originariamente stabilite con gli istituti di credito. Talvolta il rifinanziamento è accompagnato anche dalla pattuizione, tra società e banche, di congelare il debito per alcuni anni, procedendo nel frattempo con il pagamento degli interessi, per poi rimborsare il tutto in una maxi rata finale. In quest’ultimo caso l’accordo in questione è definito di stand still.

Altra opzione è invece la trasformazione del debito, o di parte di esso, in equity: in tal caso le banche diventano azioniste della società della quale erano creditrici.

Ultimo aggiornamento 22 dicembre 2016