Parole chiave

Residui attivi

Sono l'espressione, in bilancio, di entrate accertate ma non ancora riscosse, e di entrate riscosse ma non ancora versate. In pratica, rappresentano crediti dell'"azienda pubblica" nei confronti di terzi. Una certa quota di residui è fisiologica, per esempio i «ravvedimenti operosi» dei saldi Ici o Imu che possono essere effettuati all'inizio dell'anno successivo a quello di competenza. I residui indicati in questa pagina, però, superano tutti i 12 mesi di anzianità, e vengono «riportati» da un bilancio a quello dell'anno successivo

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Anno successivo |

Ultime notizie su Residui attivi

    Sviluppo e welfare efficiente: il ruolo delle regole di contabilità pubblica

    Post di Dario Immordino, avvocato, dottore di ricerca in diritto interno e comunitario - Sono trascorsi 53 anni dal celebre discorso di Kansas City del marzo 1968, in cui Robert Kennedy evidenziava il ruolo marginale della dimensione economico - finanziaria rispetto ai "successi del Paese, alla salute delle famiglie, alla qualità della loro educazione, alla gioia dei loro momenti di svago, alla giustizia nei tribunali, all'equità" nei rapporti sociali. La globalizzazione, la trasformazione dei...

    – Econopoly

    Paradosso: lo Stato debitore finanzia le imprese attraverso i prestiti bancari

    Post di Dario Immordino, avvocato, dottore di ricerca in diritto interno e comunitario - In una fase congiunturale particolarmente delicata l'incasso dei crediti nei confronti delle pubbliche amministrazioni fornisce al sistema produttivo liquidità essenziale per la continuità della gestione. Secondo tutte le stime l'economia nazionale ha subito un drammatico calo di fatturato e le imprese hanno urgente bisogno di liquidità, ma, nonostante i progressi degli ultimi anni, le amministrazioni pubb...

    – Econopoly

    Federalismo fiscale, ecco le ragioni che hanno portato al fallimento

    L'autore del post è Nicolò Benfante, dottore commercialista e revisore dei conti - Sono trascorsi appena 158 anni dalla "prima" questione meridionale e, ancora oggi, ci ritroviamo a disquisire sui problemi che investono il Mezzogiorno d'Italia; l'oramai storicizzata 'questione meridionale', che rappresentava una differenziazione di sistema di relazioni sociali, un gap economico tra Nord e Sud, un divario tra i sistemi di potere e l'indigenza in cui versava la massa, oggi ha raggiunto quell'api...

    – Econopoly

    Istituto case popolari di Palermo sull'orlo del crac per abusivi e morosi

    Per quasi 50 anni migliaia di famiglie non ha mai pagato i consumi di acqua né, in moltissimi casi, l'affitto e l'Istituto autonomo case popolari di Palermo oggi si trova sull'orlo del baratro: ha debiti per oltre 61 milioni e crediti, di dubbia esigibilità, per 86,3 milioni. Una storia, quella

    – di Nino Amadore

    Condoni, valgono 7 miliardi le multe ancora da pagare. Ecco in quali regioni

    Il decreto crescita con la sanatoria numero 12 targata M5S-Lega completa il mosaico delle «definizioni agevolate» ed estende ai quasi 5mila Comuni fuori da Equitalia la possibilità di chiudere gli arretrati locali senza pagare interessi e sanzioni. Più di Imu e Tasi, a gonfiare i conti in sospeso

    – di Marco Mobili e Gianni Trovati

    Dagli investimenti pubblici forte spinta alla crescita, ma non gratuita

    Uno dopo l'altro i maggiori centri di previsione stanno ritoccando al ribasso le loro stime di crescita per l'anno in corso: le tensioni finanziarie sui mercati, l'incertezza legata alle guerre tariffarie nonché l'aumento del prezzo del petrolio sono altrettanti elementi in grado di rendere troppo

    – di Rossella Bocciarelli

    L'ingenuità dei miniBot nel famoso Contratto fra Salvini e Di Maio (li rivedremo?)

    L'autore di questo post è uno storico contributor di Econopoly noto su Twitter come Roundmidnight; è consigliere di amministrazione in una istituzione finanziaria oltre che investment advisor - L'ambizioso "Contratto di governo per il cambiamento", sottoscritto dai rappresentanti politici della Lega e del Movimento 5 Stelle, mostra come la coalizione che si apprestava a governare aveva un approccio disinvolto verso il ruolo della moneta, di una banca centrale indipendente e i principi di contab...

    – Econopoly

    Crediti a rischio: nei conti dei Comuni una falla da 23 miliardi

    Un punto interrogativo enorme, da oltre 23 miliardi. E' quello che incombe sulle casse dei comuni italiani. A tanto ammonta il totale dei crediti correnti sorti da almeno dodici mesi. Un arco di tempo che tende a farli apparire come «difficilmente esigibili». Sono importi di natura tributaria,

    – di Enrico Netti

1-10 di 184 risultati